Scarica

Distanza

4,33 km

Dislivello positivo

160 m

Difficoltà tecnica

Facile

Dislivello negativo

160 m

Altitudine massima

450 m

Trailrank

63 4

Altitudine minima

288 m

Tipo di percorso

Anello

Tempo

un'ora 9 minuti

Coordinate

711

Caricato

30 novembre 2019

Registrato

novembre 2019
  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
Condividi
-
-
450 m
288 m
4,33 km

Visualizzato 619 volte, scaricato 21 volte

vicino a Ghetto, Veneto (Italia)

Il sentiero del Monte Grande parte dalla sella delle Fiorine, in comune di Teolo, scende lasciando alle spalle la diramazione verso Rovolon e prosegue lungo una pista forestale che taglia il versante settentrionale del colle, che si congiunge a est con la strada a tornanti scavata nella roccia che sale da via Bettone.
Il primo tratto è caratterizzato di un castagneto dei substrati vulcanici con presenza sporadica di rovere, acero montano, carpino bianco e nero. Il frequente succedersi di incendi ha provocato un impoverimento floristico del bosco.

Un'interessante deviazione dal sentiero, verso sinistra, conduce in discesa verso l'abitato di Rovolon e ai ruderi di un antico castello medievale le cui prime notizie risalgono all'XI sec, la cui area è accessibile mediante un sentiero che si snoda attraverso i ruderi della cinta muraria fino alla torre. Lungo la pista principale, sono presenti numerose opere realizzate con massi "ciclopici" per sostenere le scarpate soprattutto in corrispondenza degli impluvi naturali nei quali si raccoglie l'acqua piovana, e, in corrispondenza di una grande piazzola situata circa a metà del primo tratto di sentiero, una serie di opere di ingegneria naturalistica realizzate in legno e pietra per contenere l'acqua che scende lungo il versante. Al bivio si inizia rapidamente a salire verso la cima del Monte Grande (476 m s.l.m.) caratterizzato dalla sagoma del radar meteorologico del Centro Sperimentale per l'Idrologia e la Meteorologia di Teolo.

Il sentiero conduce quindi, con tratti panoramici, lungo la dorsale del colle; oltrepassato questo punto inizia a scendere lungo il versante meridionale, caratterizzato dalla presenza di vegetazione termofila. Frequentemente si incontrano piante di roverella e di orniello dominanti un sottobosco ricco di cisto, erica arborea e corbezzolo. Fermandosi ad osservare il profilo del terreno in corrispondenza della scarpata a monte del sentiero si nota la matrice rocciosa in trachite tipica del rilievo. Nelle cave di pietra che caratterizzano il versante meridionale del Monte Grande sono presenti bellissimi esempi di fessurazione colonnare formatasi nella fase di raffreddamento del magma. Superato l'ultimo tornante che attraversa nuovamente un fresco bosco di castagno e rovere, il sentiero si apre sull'ampia radura del Parco Lieta Carraresi, poco distante da Baita Fiorine, contornata dal tipico bosco di robinia, specie introdotta in Europa agli inizi del secolo XVII e diffusasi in seguito in tutto il territorio.
Waypoint

Tabella segnaletica sentiero 14 n. 6

Superato l'ultimo tornante che attraversa nuovamente un fresco bosco di castagno e rovere, il sentiero si apre sull'ampia radura del Parco Lieta Carraresi, poco distante da Baita Fiorine, contornata dal tipico bosco di robinia, specie introdotta in Europa agli inizi del secolo XVII e diffusasi in seguito in tutto il territorio.
Punto informativo

Pannello del Parco n. 5

Alta Via n. 1
Punto informativo

Pannello del Parco n. 1

Waypoint

Tabella segnaletica sentiero 14 n. 1

l sentiero del Monte Grande parte dalla sella delle Fiorine, in comune di Teolo, scende lasciando alle spalle la diramazione verso Rovolon e prosegue lungo una pista forestale che taglia il versante settentrionale del colle, che si congiunge a est con la strada a tornanti scavata nella roccia che sale da via Bettone. Il primo tratto è caratterizzato di un castagneto dei substrati vulcanici con presenza sporadica di rovere, acero montano, carpino bianco e nero. Il frequente succedersi di incendi ha provocato un impoverimento floristico del bosco.
Punto informativo

Pannello del Parco n. 2

Un'interessante deviazione dal sentiero, verso sinistra, conduce in discesa verso l'abitato di Rovolon e ai ruderi di un antico castello medievale le cui prime notizie risalgono all'XI sec, la cui area è accessibile mediante un sentiero che si snoda attraverso i ruderi della cinta muraria fino alla torre. Lungo la pista principale, sono presenti numerose opere realizzate con massi "ciclopici" per sostenere le scarpate soprattutto in corrispondenza degli impluvi naturali nei quali si raccoglie l'acqua piovana, e, in corrispondenza di una grande piazzola situata circa a metà del primo tratto di sentiero, una serie di opere di ingegneria naturalistica realizzate in legno e pietra per contenere l'acqua che scende lungo il versante.
Punto informativo

Pannello del Parco n. 3

Gestione degli incendi boschivi
Waypoint

Tabella segnaletica sentiero 14 n. 2

Bivio per via Bettonte Al bivio si inizia rapidamente a salire verso la cima del Monte Grande (476 m s.l.m.) caratterizzato dalla sagoma del radar meteorologico del Centro Sperimentale per l'Idrologia e la Meteorologia di Teolo.
Waypoint

Tabella segnaletica sentiero 14 n. 4

Stazione Meteo Monte Grande
Punto informativo

Pannello del Parco n. 4

Centro meteorologico di Teolo. l sentiero conduce quindi, con tratti panoramici, lungo la dorsale del colle; oltrepassato questo punto inizia a scendere lungo il versante meridionale, caratterizzato dalla presenza di vegetazione termofila. Frequentemente si incontrano piante di roverella e di orniello dominanti un sottobosco ricco di cisto, erica arborea e corbezzolo. Fermandosi ad osservare il profilo del terreno in corrispondenza della scarpata a monte del sentiero si nota la matrice rocciosa in trachite tipica del rilievo. Nelle cave di pietra che caratterizzano il versante meridionale del Monte Grande sono presenti bellissimi esempi di fessurazione colonnare formatasi nella fase di raffreddamento del magma.

1 commento

  • Foto di alessandro zebini

    alessandro zebini 2 nov 2020

    Ho seguito questo percorso  verificato  Mostra di più

    Percorso facile,adatto a tutti,ottimo per passare una giornata in mezzo alla natura,otretutto adxinizio percorso cé un ampio parcheggio gratuito e una zona attrezzata per pic-nic e anche un bar/ristorante .

Puoi o a questo percorso