Tempo  6 ore 24 minuti

Coordinate 2014

Caricato 13 novembre 2019

Registrato maggio 2019

-
-
969 m
556 m
0
3,7
7,4
14,83 km

Visualizzato 2 volte, scaricato 1 volte

vicino a Serra di Sopra, Emilia-Romagna (Italia)

Inizio l’escursione dal ponte che si trova sulla Strada Provinciale n° 8 poco prima di Ca’ Landino provenendo da Montepiano. Il Ponte scavalca il Torrente Setta, un piccolo slargo permette la sosta dell’autovetture. Un cartello in legno indica l’inizio del Sentiero dei Minatori n°005A che risale il corso del Torrente Setta addentrandosi nella valle interna. Cammino sulla sinistra orografica del torrente, nel folto del bosco noto dei muri a secco, resti di antiche zone rurali ora riappropriate dalla vegetazione. Un vecchio annesso agricolo, più avanti una casa colonica, adesso sono sulla Strada Provinciale n°325 dove termina il sentiero dei Minatori. Percorro per circa 400 metri la SP per poi deviare sulla destra verso la piacevole frazione di Rasora (mt.775), nella piazzetta principale vi è un circolo culturale e il settecentesco Oratorio di San Rocco; da questa località partono diversi sentieri che conducono all’Alpe di Cavarzano e nella zona del Brasimone. Con il sentiero n°37 (la via della lana e della seta) torno a camminare in ambiente boschivo supero la località di Bagucci (mt.838), con la vegetazione che si apre offrendo alcuni tratti panoramici giungo al Rifugio Ranuzzi Segni (mt.918). L’edificio in pietra, si trova in al centro di un prato, al piano terra il bivacco con caminetto, aperto per gli escursionisti di passaggio, la parte superiore non fruibile (il rifugio del CAI Brasimone - Sottosezione CAI di Bologna è gestito dai Folletti di Montagna cel. 331 1127843). All’esterno tavoli per il pic- nic ed un fontanello con acqua non controllata. Proseguo per un breve tratto sulla pista forestale per poi deviare a destra sul sentiero che brevemente, mi conduce a Castiglion de Pepoli (mt.685) dove attraverso il corso principale e visito il centro storico con il suo balcone sulla campagna circostante. Dal centro storico ritorno sui miei passi, mi immetto su Via Alberto Dallolio, a seguire Via Crocicchie, un breve tratto su Strada Provinciale n°325 quindi sulla sinistra il sentiero che ritorna sulla Strada Provinciale n°8 che seguo fino al ponte sul Torrente Setta dove termino la mia escursione.
fotografia

.

fotografia

.

fotografia

.

fotografia

.

fotografia

.

fotografia

.

rifugio non gestito

RIFUGIO RANUZZI

Commenti

    Puoi o a questo percorso