Tempo  5 ore 55 minuti

Coordinate 2149

Uploaded 17 gennaio 2018

Recorded gennaio 2018

-
-
254 m
-5 m
0
4,0
8,1
16,12 km

Visto 590 volte, scaricato 17 volte

vicino Camogli, Liguria (Italia)

Giovedì 4 gennaio ripartiamo da Camogli direzione Genova Nervi.
Cominciamo col bel lungomare pedonale di Via Garibaldi fino alla fine del porticciolo, poi comincia a salire prendendo Via del Porto e poi Via Ruffini.
Arrivati all’incrocio con la SP30 Corso Mazzini non sappiamo dove andare: la segnaletica, solitamente scarsa nei centri abitati, qua manca del tutto.
Fortunatamente abbiamo sempre con noi un Garmin GPSMAP64s con la mappa OpenMTBMap, accoppiata che è una garanzia.
La traccia della tappa odierna, scaricata dal sito del Sentiero Liguria, ci fa svoltare a destra su Corso Mazzini per pochi metri, poi, attraversata la strada, ci fa prendere la scalinata di Via Sant’Anna.
Qua, sbiadito, ricompare un segno SL.
Arrivati su Via Migliaro proseguiamo dritti, anche quando la strada diventa creuza, passando rasente una casa.
Dopo un centinaio di metri, però, sorpresa! Il ponticello che dovremmo utilizzare per passare un fosso è crollato.
Ancora una volta il gps ci viene in soccorso, una rapida occhiata alla mappa è l’alternativa è trovata.
Torniamo quindi indietro su Via Migliaro fino alla chiesetta di Sant’Anna, poi svoltiamo a destra sulla scalinata che scende e riprende la SP30, praticamente nel punto dove saremmo dovuti arrivare col tragitto originale.
Proseguiamo su marciapiede lungo la provinciale fino alle porte di Recco.
Una scalinata ci porta sul lungomare Bettolo, passiamo il torrente Recco sul ponte Cevasco, svoltiamo a sinistra su passeggiata Punta Sant’Anna e risaliamo poi su Corso Garibaldi, che percorriamo fin dove la strada finisce.
Un sottopasso pedonale ci permette di passare sotto la ferrovia ed arrivare in località Mulinetti, ancora un breve tratto di asfalto e poi svoltiamo su Salita Costalunga, la prima, vera salita della giornata.
La screusa a scalini sale ripida, passa la piccola località di Polanesi, e continua, ora più dolcemente, ora nuovamente cattiva, sfiorando una torre medievale abbandonata e giungendo finalmente alla frazione di Sant’Apollinare, con la sua bella chiesa con vista mare.
Passata la chiesa comincia subito la discesa verso Sori, che raggiungiamo velocemente.
Una sosta in Piazza della Chiesa e ripartiamo, riprendendo subito a salire per una serie di ripide creuse a gradini, passando da Pieve Ligure, fino ad arrivare a San Bernardo.
Se la salita è stata ripida, anche la discesa verso Bogliasco lo è altrettanto!
Ancora una sosta al belvedere Martiri d’Italia, al porticciolo di Bogliasco, e siamo pronti per l’ultima salita della giornata: Via Armanna, Via Bogliasco, Via Pianello, Via Cremona (tutte creuse pedonali, a tratti gradinate).
Siamo nel quartiere di Sant’Ilario, gia sotto Genova.
Arrivati in Via alla Scuola di Agricoltura tiriamo un po’ il fiato perchè, ormai, non c’è che da scendere.
Proseguiamo per Via dei Masano e Via Nora Massa fino alla chiesa di San Rocco di Nervi, poi co strette creuze scendiamo in Viale delle Palme.
Siamo a Genova Nervi!
Pernotto discreto a Villa Bonera (si, quella vista in Hotel da Incubo!!) e buona cena alla pizzeria Halloween.
Via Sant'Anna
Il tratto di ponticello crollato
L'alternativa
Passaggio sul torrente Recco
Salita Costalunga
Torre di Sant'Apollinare in vista
Chiesa di Sant'Apollinare
Vista di Sori
Passaggio in Sori
Vista dal porticciolo di Bogliasco
Via Pegano
Vista di Nervi da Via Nora Massa
Discesa a Nervi

Commenti

    You can or this trail