Tempo  4 ore 16 minuti

Coordinate 1465

Caricato 23 luglio 2018

Recorded giugno 2018

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
456 m
152 m
0
3,0
5,9
11,81 km

Visto 515 volte, scaricato 25 volte

vicino Linaro, Emilia-Romagna (Italia)

|
Mostra l'originale
Ancora un anno torno in Italia per vedere la famiglia e un altro anno ne approfitto per sfruttare l'enorme conoscenza di mio cognato Massimo di queste meravigliose terre e godere di paesaggi così splendidi. Passeremo qualche giorno qui, quindi, prima di salire a Dolomitas, un vero obiettivo (dal punto di vista dell'attività di montagna) del mio viaggio, chiedo a Massimo di fare una passeggiata in qualche posto carino del vicino all'Appennino E mio cognato, grande conoscitore della "sua" zona, sceglie un percorso molto bello che corre per lo più lungo le rive del Rio Cavo. Massimo, avrai un momento difficile per migliorare!
Il percorso del fiume Cavo è un meraviglioso viaggio che inizia e si trova a Linaro, un grazioso paesino appartenente alla regione del Mercato Saraceno, nella provincia di Forlì-Cesena, nella parte più meridionale dell'Emilia-Romagna.
Linaro sembra essere sospeso tra la rigogliosa vegetazione che lo circonda, sollevandosi galante e provocatorio su un letto di roccia e un mare di verde intorno a lui, perché questo sarà il tono generale dell'intero percorso, il colore verde ....

PERCORSO:
Proprio all'ingresso della bellissima città di Linaro, arrivando da Mercato Saraceno, sulla destra inizia una strada sterrata, dove lasceremo l'auto e dove inizieremo il nostro percorso seguendo il sentiero segnato 103. Presto abbiamo attraversato il Torrente Borello da un ponte pedonale metallo che viene a lasciarci su una strada asfaltata che lasceremo presto per iniziare il sentiero del fiume Cavo, deviandoci lungo un sentiero che parte a destra della strada.
Da qui abbiamo iniziato un'ascesa graduale e gentile sul letto del fiume, attraversandola ancora e ancora, sempre tra vegetazione abbondante e talvolta giungla.
Questa parte è il percorso segnato sulla mappa come 103-C e che collega la citata città di Linaro con un'altra bella città, Pieve di Rivoschio, ma che non visitiamo oggi perché il nostro obiettivo è un altro.
Continuiamo a salire lungo il letto del fiume, attraversando ponti di legno, passerelle e persino tronchi attraversati sul torrente come ponti attraverso un paesaggio idilliaco, fino a raggiungere un punto dove improvvisamente, senza preavviso, un piccolo e cascata di civette formando una doppia cascata di circa 5 metri l'una e cadendo su una piccola piscina immersa nella vegetazione. L'insieme è bello e dà all'ambiente un punto di splendore e bellezza, se è ancora possibile.
Ci fermiamo un po 'per riposare e scattare le foto opportune, e continuiamo a salire, e per questo risaliamo la cascata sul lato destro in una salita forte ma breve che ci porta ad un ponte di pietra coperto quasi interamente dalla vegetazione.
Qui la strada è divisa in due. Da un lato possiamo proseguire dritto, senza attraversare il ponte su una strada in salita che ci lascerà nella citata città di Pieve di Rivoschio, o svoltare a sinistra oltre il ponte e prendere il sentiero 107 in direzione di Rivoschio Vecchio, poco dopo, una volta arrivati ​​alla Maestá, ritorniamo al sentiero originale 103. Questa sarà la nostra opzione, poiché questo percorso (103) sarà quello che dirige i nostri passi verso il punto di partenza.
Prima di questo passeremo vicino alla cima del Monte Corno, che non scaleremo, perché la nostra intenzione è visitare il monastero di La Ca 'di Ventura Pentecoste. Questo non è un monastero da usare, non aspettatevi di trovare un bel vecchio edificio. È solo una questione di terra coltivata con cura e duro lavoro da un piccolo gruppo di monaci, che vivono anche in una casa umile, senza più pretese, ma abbiamo trovato interessante visitare. È un viaggio di andata e ritorno quindi puoi fare senza andare, non vederlo conveniente.
Ritornati sulla strada principale, continueremo a scendere in direzione di Linaro, ora con un ampio sentiero, per raggiungere il monastero di Valleripa, questo con una sontuosa piccola costruzione di massa, abitata da suore appartenenti alla stessa congregazione dei monaci della ex monastero e costituente la "Piccola Famiglia della Resurrezione". Lì abbiamo assistito a una monaca molto gentile, che ci ha spiegato un po 'la funzione della congregazione, le sue origini, così come i suoi prodotti in modo naturale e totalmente ecologico. Alcune deliziose marmellate fatte con amore e cura che potremmo acquisire e quindi contribuire con modestia alla loro causa. Successivamente abbiamo provato i prodotti, già a casa, e posso assicurarti che devono succhiare le dita.
Lo zaino pieno, con più peso, ma soddisfatto, ci sta già dirigendo verso il punto di partenza del percorso segnato da mio cognato Massimo, concludendo questa magnifica passeggiata attraverso un luogo così bello. Grazie Massimo.
Ci vediamo in montagna.
NOTA:
La difficoltà di ogni percorso dipende da fattori diversi come la lunghezza del percorso, la pendenza positiva, la pendenza negativa, lo stato del terreno che calpestiamo, il tempo prevalente in quel giorno e soprattutto la condizione fisica e psicologica con cui affrontiamo il percorso Pertanto, la qualifica di ciascuna rotta è soggettiva e dovrà adattarsi a tutti questi fattori in particolare.

2 commenti

  • Marco.82 14-apr-2019

    I have followed this trail  View more

    Molto bello! Evitare il percorso se è piovuto da poco causa fango su buona parte del primo tratto.

  • Foto di camilon04

    camilon04 14-apr-2019

    Es cierto, si ha llovido recientemente la primera parte del trayecto se vuelve fangosa y puede ser un inconveniente, aun asi la ruta es una preciosidad. Gracias por tu valoracion Marco.82. Un saludo.

You can or this trail