Tempo  6 ore 16 minuti

Coordinate 1327

Uploaded 1 febbraio 2013

Recorded gennaio 2013

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
494 m
202 m
0
4,0
7,9
15,82 km

Visto 5151 volte, scaricato 71 volte

vicino Masina, Lombardia (Italia)

La chiesetta di San Fedelino è il monumento più antico della zona e una della più preziose dell’ arte romanica in Lombardia e può essere definita la fonte, non solo architettonica, ma anche simbolica, dello stile romanico - comasco e valtellinese - che si sviluppò a partire dal Mille.
E’ situato all’estremità settentrionale dell’Alto Lario, all’imbocco della Valchiavenna, a ridosso del monte Berlinghera su di una striscia di terra prospiciente il fiume Mera che poco oltre entra nel lago di Mezzola,
Il luogo così isolato ha costituito lungo i secoli la fortuna di San Fedelino, nel senso che non ha mai consentito un accorrere di popolo continuo, con conseguente trasformazione in un consueto santuario, nonostante la devozione al santo sia stata sempre ben viva; la chiesa non ha subito alcuna trasformazione, non è stata alterata nella sua struttura architettonica originaria, ragion per cui ai nostri occhi compare una testimonianza intatta della pietà popolare d’inizio millennio. Storia, arte e ambiente naturale concorrono a trasformare San Fedelino in una meta turistica senza pari, in grado di ben ripagare l’insolita gita.
Percorso
La via più breve è quella da Casenda, circa 5 km in piano lungo il fiume Mera.
Il percorso proposto parte invece dal ponte del Passo, sale per poi seguire l’antica Strada Regina e scendere a Dascio sul lago (accesso anche in auto per abbreviare il percorso).
Risale al Sasso di Dascio (panorama) e poi prosegue con qualche su e giù alto sulla sponda del lago di Mezzola con percorso panoramico e suggestivo, infine raggiunti quasi i 500 metri di quota ripida discesa verso San Fedelino.
Consigliabile scendere con il percorso che raggiunge il sentiero proveniente da Casenda e risalire con quello che percorre il macereto di grossi blocchi vicino alla chiesetta, più ripido ma con l’accesso alla spettacolare roccia belvedere che sovrasta la spiaggia di San Fedelino.
Dal tempietto in piano in qualche minuto si raggiunge la bellissima spiaggia e l’imbarcadero (esiste un servizio di trasporto sul lago da Dascio o dalla Barcaccia di Verceia 389 3438863 o 339 6645815)
Nel percorso di ritorno è possibile deviare in salita verso il piccolo villaggio di Albonico, da qui nell’percorso proposto per riportarsi sull’itinerario dell’andata è necessario scendere per un breve tratto nel bosco.
Da Dascio si propone il ritorno al ponte del Passo lungo la strada che costeggia il Mera
Tempi e difficoltà:
Quasi 3 ore per l’andata e altrettano per il ritorno, ripida la discesa a San Fedelino
Orario visite:
Fino al 1° novembre sabato, domenica e festivi dalle ore 11.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 16.30.

View more external

Lago Di Como
Lungolago
Lago Di Como
Sorico, ampio parcheggio sulla sponda est del fiume Mera
Il tempietto, una minuscola navatella quadrata (m.3,46 x 3,52) completata da un´absidiola, è situato vicinissimo al corso del fiume Mera; le sue fondazioni in pratica sono appoggiate sul letto del fiume stesso, mentre una parete è addossata alla viva roccia. Gli studiosi concordano nel collocarne la costruzione all´ultimo quarto del X secolo e i suoi caratteri risultano straordinariamente anticipatori sia dei metodi costruttivi, sia decorativi. Presenta due piccole porte d´ingresso, una a nord e una seconda a sud. Nel centro dell´abside è stata ricavata una monofora che getta un fascio di luce all´interno; una finestra simile si apre anche nel lato sud. Esternamente l´abside è decorato con archetti ciechi e lesene in tufo: gli archetti sono a due a due e questo segnala l´antichità dell´edificio (successivamente l´arte romanica fisserà una scansione a quattro a quattro degli archetti). Le mura sono state costruite in pietrame di varia natura, materiale reperito nei dintorni senza alcuna difficoltà, data la vicinanza di cave. La copertura è a capanna, con le piote simili a quelle ancora in uso sui tetti delle vecchie case della Valtellina. Del tutto originale è la presenza di un piccolo arcaico timpano che sovrasta l´edificio. In passato tale timpano era dipinto, così come tutta la superficie muraria presentava un apparato pittorico: secondo la tradizione pare vi fosse la consueta figura di San Cristoforo, santo beneaugurante per i viandanti in genere e per chi doveva superare la corrente del fiume Mera in particolare.
Belvedere

1 comment

  • Foto di franco4591

    franco4591 25-giu-2018

    I have followed this trail  verificato  View more

    Bella camminata su antico sentiero . natura selvaggia e panorami davvero magnifici. grazie enrico

You can or this trail