NickDR72

Tempo in movimento  2 ore 15 minuti

Tempo  4 ore

Coordinate 1692

Caricato 13 ottobre 2019

Recorded ottobre 2019

-
-
2.486 m
1.688 m
0
2,3
4,6
9,21 km

Visto 10 volte, scaricato 0 volte

vicino Pocol, Veneto (Italia)

Partenza da Ru Curto, località a circa 1700 mslm sulla strada che da Cortina sale verso il Giau. Si prende il segnavia 437, un lindo sentiero che si alza morbido verso la Croda da Lago attraversando un bosco di abeti e larici. Salendo si incrocia poi il sentiero che scende dai Lastoi de Formin (435) e punta verso Peziè de Parù (434) proseguire sul 434 verso Rif. Palmieri. Si arriva sputando pallini lungo agili tornanti a quota 2050 metri ad uno splendido terrazzo sopra Cortina (Val Negra). Da qui agili si monta sopra lo spallone della Croda da Lago, il sentiero si snoda piacevole in costa tra pini cembri e larici fino ad arrivare al lago sotto la croda, sembra di stare in un giardino Zen. Montagne ed Alberi si specchiano nel lago generando visioni caleidoscopiche, in ottobre coi larici gialli e l'aria tersa il panorama colpisce. Giusto a monte del lago si erge il rifugio Palmieri (2050 mslm 1.5 h da Ru Curto). Dal Palmieri lo sguardo spazia anche sulle Dolomiti (si vedono persino le tre cime). Continuare sulla mulattiera (sempre segnavia 434) fino a Forcella Ambrizzola (2280 mslm) e proseguire in direzione forcella Col Dur. Si aggira verso sud la mole del Becco di Mezzodì in ambiente Dolomitico doc. Subito prima della Forcella Col Dur, degli ometti indicano sulla sinistra la traccia da seguire. Si sale lungo ghiaioni puntando la base orientale delle crode del Becco. Dalla base delle rocce si circunnaviga in costa verso est, per poi salire a balzi tra ghiaioni che lasciano spazio ad erbe fino alla Forcella tra Becco di Mezzodì e le Rocchette. Dalla Forcella seguendo il crinale in 15' si raggiunge la Rocchetta Alta di Prendera, senza quasi accorgersi della fatica, rapiti dagli infiniti panorami che si aprono sia verso sud che verso nord. Dalla Cima il panorama spaziale si estende a perdita d'occhio è un punto di vista privilegiato per comprendere la geologia della zona Dolomitica. In senso orario dal Becco di Mezzodì: Croda da lago, Tofane, Croda del Becco, Croda Rossa, Pomagagnon, Cristallo, Sorapìss, Marmarole, Antelao, Bosconero, Pelmo, Civetta, Pale, Marmolada, Sella... solo per citare i più importanti!
picco

Tofana di Roces, segnavia 437

Salendo da Ru Curto ci si orienta guardando la parete sud della Tofana
panoramica

Tofana di Roces e Tofana di Mezzo

Salendo dominano il panorama le Tofane che svettano tra gli abeti
picco

Verso la Croda da Lago, segnavia 434

albero

I larici in ottobre

I larici piante pioniere risalgono sprezzanti delle slavine sui coni detritici che scendono dalla croda da lago
Waypoint

Val Negra

Panorama su Cortina. Un Balcone meraviglioso sopra l'alta val Boite.
Lago

Lago della croda da lago

I colori di ottobre sono amplificati dai riflessi del lago. Si notano larici coraggiosissimi cresciuti a metà parete
Lago

Giardino Zen

Il becco di Mezzodì si specchia nel lago
picco

Parete della Croda da Lago

Qui corrono alcune vie alpinistiche superclassiche
rifugio custodito

Rifugio Palmieri alla Croda da Lago proseguire sul 434

In fortunata posizione questo grazioso rifugio offre appoggio agli escursionisti. Vista sulle Dolomiti a Nord. Cristallo. Tre Cime. Sorapiss.Antelao.
Passo di montagna

Forcella Ambrizzola

Verso sud si erge il Pelmo e i prati di Mondeval, Verso nord la corona che circonda Cortina
Waypoint

Puntare Verso il Pelmo segnavia 436

Poco prima della Forcella Col Duro ometti sulla sinistra indicano la normale
panoramica

Forcella tra Becco di Mezzodì e Rocchette

Spallone erboso con visione superba
panoramica

Dalla Cima della Rocchetta

Verso Nord, Cristallo. Verso Ovest, Croda da Lago e Tofane. Verso sud ovest Civetta e Pale, Verso sud est Pelmo. Interessante il libro geologico delle Dolomiti. Verso nord i sedimenti delle scogliere coralline, a Sud più scuri gli inserimenti dei polloni vulcanici.

1 comment

  • Foto di greanes

    greanes 22-ott-2019

    Un poeta della montagna!

You can or this trail