Tempo  5 ore 14 minuti

Coordinate 2211

Caricato 10 luglio 2018

Registrato luglio 2018

-
-
328 m
103 m
0
3,1
6,1
12,3 km

Visualizzato 1083 volte, scaricato 36 volte

vicino a Casa Montacuto, Toscana (Italia)

Riserva Berignone-Tatti nel Pavone e nel Cecina.

Nella Riserva Naturale di Berignone-Tatti, scorrono i fiumi Pavone (solo nell’ultimo tratto confinante con la Riserva) e Cecina. Oggi percorreremo un piccolo tratto sia del primo che del secondo e visiteremo, nel letto del Cecina, alcuni punti caratteristici costituiti anche da Massi incastonati nella gola del fiume, il tutto ad appena 5 Km verso EST da Pomarance. Lasciamo la macchina poco dopo l’attraversamento del Torrente Possera e poco prima del Fiume Cecina (zona adibita a parcheggio), torniamo indietro per la strada sterrata e al bivio giriamo a sinistra per la strada asfaltata comunale di Lanciaia. Passiamo le case del podere Puretta, quelle del podere La Lama e al bivio giriamo a sinistra per le case San Sisto che oltrepassiamo prendendo, dopo appena 250 m, una deviazione sulla destra in ripida discesa e con sbarra metallica. Andando a sinistra potremmo raggiungere il podere di Bruciano e per un antico sentiero arrivare al Molino di Bocca di Pavone. Ora, per un tracciato in alcuni punti non molto evidente che attraversa dei campi lavorati, raggiungiamo ed entriamo nel letto del Pavone e ne percorriamo l’ultimo tratto. Arrivati alla confluenza del Pavone con il Cecina (dove era presente il vecchio Molino di Bocca di Pavone o Molino di Bruciano) cominciamo a seguire quest’ultimo verso sinistra incontrando alcune particolarità interessanti come: la Piramide, il Masso degli specchi, la ripresa del Molino di Berignone, i Cantinacci, il Masso delle Fanciulle (sulla cui cima molto panoramica è possibile arrivare passando dal bosco) e il Masso delle Lastre. Quest’ultima formazione rocciosa a scivolo non la tocchiamo, lasciamo il fiume Cecina e ci immettiamo sulla carrareccia (destra orografica) che di solito viene percorsa all’andata per raggiungere il Masso delle Fanciulle, guadiamo per l’ultima volta il Cecina e siamo alle macchine. Sul Masso delle Fanciulle circolano diverse leggende che raccontano di bellissime Dame, Nobili, Cavalieri, incantesimi, Lupi Mannari, storie di coraggio e, purtroppo, storie con un finale drammatico. Mistero e flebili voci ci accompagneranno in questo percorso se avremo lo spirito giusto per poterle ascoltare.

ATTENZIONE!

Per superare il punto denominato Masso degli Specchi noi abbiamo individuato due possibilità:
1 - A nuoto con problemi di impermeabilità degli zaini, acqua alta.
2 - Attraversando le rocce sulla sinistra orografica con passaggi esposti e in alcuni punti scivolosi, presenza in alto di un chiodo con anello.
Foto

DSCN0966

Foto

DSCN0967

Foto

DSCN0969

Foto

DSCN0971

Foto

DSCN0974

Foto

DSCN0976

Foto

DSCN0977

Foto

DSCN0981

Foto

DSCN0982

Foto

DSCN0983

Foto

DSCN0984

Foto

DSCN0985

Foto

DSCN0986

Foto

DSCN0987

Foto

DSCN0988

Foto

DSCN0989

Foto

DSCN0991

Foto

DSCN0993

Foto

DSCN0994

Foto

DSCN0995

Foto

DSCN0996

Foto

DSCN0997

Foto

DSCN0999

Foto

DSCN1001

Foto

DSCN1003

Foto

DSCN1006

Foto

DSCN1007

Foto

DSCN1010

Foto

DSCN1013

Foto

DSCN1014

Foto

DSCN1016

Foto

DSCN1017

Foto

DSCN1019

Foto

DSCN1020

Foto

DSCN1022

Foto

DSCN1023

Foto

DSCN1024

Foto

DSCN1025

Foto

DSCN1027

Foto

DSCN1030

Foto

DSCN1032

Foto

DSCN1033

Foto

DSCN1034

Foto

DSCN1043

Foto

DSCN1044

Foto

DSCN1046

Foto

DSCN1047

Foto

DSCN1048

Foto

DSCN1049

Foto

DSCN1050

Commenti

    Puoi o a questo percorso