• Foto di Rif.Maniago (Duranno - Dolomiti)
  • Foto di Rif.Maniago (Duranno - Dolomiti)
  • Foto di Rif.Maniago (Duranno - Dolomiti)
  • Foto di Rif.Maniago (Duranno - Dolomiti)
  • Foto di Rif.Maniago (Duranno - Dolomiti)
  • Foto di Rif.Maniago (Duranno - Dolomiti)

Difficoltà tecnica   Medio

Tempo  5 ore 50 minuti

Coordinate 1416

Uploaded 24 maggio 2009

Recorded maggio 2009

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
1.725 m
1.194 m
0
3,3
6,7
13,33 km

Visto 13654 volte, scaricato 90 volte

vicino Casera Ferrera, Friuli Venezia Giulia (Italia)

Val Zemola! L'affascinante gruppo dolomitico del M.Duranno presenta da sud l'ingresso della grande valle, angusto ed orrido nella parte iniziale, stupendo anfiteatro di rocce e di boschi nel suo interno: si apre quasi frontalmente alla Val Vajont.
Da Erto si seguono le indicazioni per il Rif.Maniago, entrando in Val Zemola per una strada dapprima asfaltata, poi sterrata per circa un chilometro e quindi ancora asfaltata sino al parcheggio della ex Casera di Conte (Parco Naz.delle dolomiti Friulane). Si inizia verso sud, sent.n.381, sfiorando la Casera di Mela si compie un ampia curva su pista forestale che risale verso nord tutta la costa di conifere e di faggeti e giunge (tre tornanti) al bivio di q.1663 dove si lascia la strada ed invertendo la direzione si segue la mulattiera sino a casera Bedin di Sopra q.1721. (bivacco aperto con quattro tavolati, acqua cento metri prima della casera)
Dalla casera si prosegue in discesa aggirando per ottimo sentiero una fascia di rocce, si oltrepassa a q.1678 il bivio per la forc. Pagnac di Fuori e con una serie di saliscendi oltrepassando una fontanella a q. 1610 si perviene al bivio di q.1665 (poi scenderemo per questo sentiero) dove si prosegue in quota per sent. 374 pervenendo al Rif.Maniago in circa dieci minuti. (rif. aperto sab-dom da maggio - apertura 15 giugno - quota 1722)
Il ritorno viene fatto per stesso tragitto sino al bivio di q.1665, poi giù per sentiero segnato tagliando due volte la strada sterrata (sorgente a q. 1348) ed oltrepassando a fondo valle il torrente Zemola che in stagione primaverile obbliga ad un guado. (è consigliabile quindi, sino ai primi di giugno, tornare per la stradina sterrata)
PS: in queste zone è cresciuto ed ha lavorato l'alpinista-scrittore-scultore Mauro Corona. Non è difficile scorgere sui muri delle casere delle valli più sperdute la scritta a carboncino "Mauro de la Melissa"


Dislivello circa 700mt - Sviluppo km.14
Ore 5.30
Acqua a Cas.Bedin, q.1610, Rif.Maniago, sorg.q.1348

Cartografia Tabacco: Dolomiti di Sinistra Piave n.021 1:25000 GPS-UTM
Casera Bedin di sopra
Bivio per casera Bedin di Sopra
Attraversamento torrente -guado in primavera
Sorgente multipla
Bivio per rifugio Maniago
Rifugio maniago
Sorgente da roccia con fontana in legno
Bivio per Forcella Pagnac
Parcheggio auto

5 commenti

  • minportanasega 2-giu-2009

    Ci sono stato qualche giorno fa (primo giugno) e ho effettuato il percorso inverso. Molto bello come tragitto, solo non sono riuscito a concluderlo perchè prima del bivio per Forcella Pagnac c'era un tratto esposto coperto di neve che lo rendeva impraticabile. Peccato

  • Foto di garzogian

    garzogian 8-giu-2009

    Io con la moglie abbiamo sempre nello zaino ramponcini da tacco ed un pezzo di corda. Li abbiamo usati dove tu, saggiamente, sei ritornato indietro. (Vedi il sentiero sulla foto).

  • minportanasega 8-giu-2009

    Sinceramente preferisco ritornarci quest'estate. Ho visto su una carta che poi vicino alla casera Bedin c'è la possibilità di arrivare su una forcella che dal rifugio sembra molto interessante... Ci sei stato?

  • Foto di garzogian

    garzogian 10-giu-2009

    Si Forc. de Cità, si va su proprio dal torrentello prima della casera, si sfiora un grande roccione e poi si sale per un canalino un poco roccioso.
    Si può scendere per sentiero anche giù per la Val Ardeda, ed anche attraversare sul lato Piave sino al M.Borgà, ma sono sentierini da tenersi duri....
    Io li ho fatti una volta e basta. Se ci vai portati una corda e non da solo. Ma adesso sono proibitivi per la neve. Ciaooo

  • deborah.daros 2-nov-2017

    I have followed this trail  verificato  View more

    Una bella escursione. Noi l’abbiamo fatta al contrario. Grazie per la traccia!

You can or this trail