• Foto di Rif. Denza-Passo Cercen-Rif. Bedole
  • Foto di Rif. Denza-Passo Cercen-Rif. Bedole
  • Foto di Rif. Denza-Passo Cercen-Rif. Bedole
  • Foto di Rif. Denza-Passo Cercen-Rif. Bedole
  • Foto di Rif. Denza-Passo Cercen-Rif. Bedole
  • Foto di Rif. Denza-Passo Cercen-Rif. Bedole

Difficoltà tecnica   Molto impegnativo

Tempo  10 ore 44 minuti

Coordinate 2433

Uploaded 4 agosto 2016

Recorded luglio 2016

-
-
3.009 m
1.587 m
0
3,2
6,3
12,64 km

Visto 545 volte, scaricato 2 volte

vicino Stavel, Trentino - Alto Adige (Italia)

30/07/2016.
Dal rifugio si possono seguire due sentieri che conducono al Passo Cercen, noi consigliamo di salire a destra a fianco del Lago Denza e subito dopo saguire a sinistra il tracciato verso il passo, una vallata meravigliosa piena di laghetti, ruscelli e un'immensa fioritura di flora alpina (se il periodo è favorevole). Superata questa vallata che abbiamo costeggiato a destra, cominciamo la morena di massi e ci ricongiungiamo con l'altro sentiero che sale dal rifugio. Teniamoci sulla dorsale accompagnati da ometti di pietra e pali di legno che indicano la traccia da seguire fino a raggiungere l'inizio della vedretta quasi in quota al Passo. Abbiamo risalito la lingua glaciale preferendola ai massi granitici, ma tutto è da valutare secondo preferenze personali e condizioni ambientali. Raggiunto il Paso Cercen (3022mt) si cala sul versante opposto nella Val di Cercen costeggiando il torrente e utilizzando alcune catene poste sulle rocce ripide per sicurezza (potremmo considerarla una breve ferrata). alla base ci attende un lungo e ripido percorso (Sentiero Alpino Migotti, CAI 220) su sfasciumi e morena di terriccio e pietre fino a raggiungere il bivio con il sentiero 227 verso la Malga Pedruc (1567mt).
noi abbiamo continuato lungo il sentiero 220 fino a Val Zigolon dove abiamo imboccato la deviazione su traccia sbiadita verso la Malga Bedole. Invece di proseguire fino al sentiero Marchetti e scendere lungo il 212 verso il rif. Bedole, abbiamo deciso di seguire questa traccia (sentiero molto intuitivo, vari tratti franati e diversi ruscelli da attraversare, tratti erbosi ripidi e scivolosi, la traccia non si perde con il bel tempo, ma lo sconsiglio in caso di tempo incerto. Dovessi rifarlo, sceglierei di seguire il precedente bivio con il 227 e risalire la strada asfaltata). Arrivati faticosamente a fondo valle, si risale la sterrata verso il rif. Bedole(1641mt) e lo si raggiunge in poco tempo.

Commenti

    You can or this trail