-
-
2.300 m
1.170 m
0
4,6
9,1
18,25 km

Visto 2557 volte, scaricato 16 volte

vicino Forame, Lombardia (Italia)

Si parte dallo spiazzo esistente immediatamente prima del campo sportivo, si attraversa il torrente Poia sul ponte carrabile quindi si gira a destra verso valle e poi subito a sinistra, (ci sono dei cartelli indicatori con la scritta passo di campo) il sentiero (mulattiera) è ben segnalato e porta il n° 20; questo era il percorso per raggiungere le valli Giudicarie dalla Valsaviore e quindi fu frequentato nei secoli scorsi anche da traffici commerciali.

Si svolge in ampi zig-zag attraverso il bosco fitto di abeti; si transita presso la malga Campellio (baita de Campéi - attualmente la baita non viene utilizzata ) dopo circa un'ora di cammino - 1607 m s.l.m. - ; dopo circa altri venti minuti si transita presso un masso con inserite cinque croci, a ricordo della morte di cinque militari, avvenuta durante la guerra di liberazione,Più avanti, dopo un'ora e quaranta minuti dalla partenza dalla Rasega si incontra il bivio del sentiero per il lago d'Arno, con segnavia CAI n° 20 A (siamo a quota 1870 circa).Dopo un quarto d'ora di cammino ed aver "girato" intorno al monte Zucchello, (il sentiero ha per un tratto andamento in discesa), ci si trova già entro la "conca d'Arno", e si raggiunge il bivio del sentiero n° 20 B proveniente dal lago d'Arno (quota circa 2000 m)
Proseguendo verso il passo di Campo, dopo circa 25 minuti si transita in corrispondenza di uno spiazzo artificiale fatto da muri a secco dove è ancora ben visibile il tracciato di un piano inclinato (funicolare) che collegava il piano della strada con la sottostante caserma degli alpini della "grande guerra"; si vede anche che la parte della caserma verso la diga ha ancora i muri mentre la parte lato passo di Campo sono completamente diroccati in quanto quest'ultima parte fu demolita dalla valanga del 1916 che provocò numerosi morti tra gli alpini.
Durante il passaggio di "Traversera" si può ammirare l'imponenza dei monti che si trovano di fronte e precisamente:- da destra a sinistra - cima Barbignaga, cima Sablunera che domina tutto il "coster" di sinistra, poi il monte Frisozzo (2899 m s.l.m.), il monte Re di Castello (2891 m s.l.m. ed infine la sega d'Arno.
Lungo il sentiero si incontra anche (circa 40 minuti dopo il bivio del 20-B, a quota 2090 circa ) una pietra che fa parte del selciato con inciso la scritta "GIOAN ANDREA BOLDINI RSTUAVAT STRADA ANO 1792" vale a dire Giovanni Andrea Boldini restaurò (la strada) nell'anno 1792 a testimonianza dell'importanza che a quei tempi assumeva questa via di comunicazione verso il trentino.
Finalmente dopo un'altra ora di cammino si raggiunge il passo di Campo (2296 m s.l.m.) Qui vi sono parecchie opere militari, in particolar modo trincee e gallerie scavate nella roccia con gli accessi lato lago d'Arno e con le postazioni delle armi lato Val di Fumo in quanto il passo costituiva confine di stato e successivamente fronte di guerra

Commenti

    You can or this trail