-
-
1.320 m
939 m
0
2,5
5,0
10,03 km

Visto 300 volte, scaricato 12 volte

vicino Castelsaraceno, Basilicata (Italia)

Caratteristiche tecniche dell’escursione
Lunghezza ca. 9 km
Dislivello in salita ca. 350 m
Dislivello in discesa ca. 350 m
Tempo percorrenza ca. 5,00 h (escluse le soste)
Difficoltà T (Escursionistica)
Il percorso non presenta particolari difficoltà tecniche e/o tratti esposti.
Lungo il percorso è presente una fontana.Ci troviamo in agro di S.Chirico R. e la località di partenza è all’interno della Foresta Fieghi –
Cerreto che si trova ai piedi del Monte Raparo visibile sempre alla nostra destra. Ci addentreremo
nel rigoglioso bosco di querce grazie ad un comodo sentiero. L’ambiente è impreziosito dalle belle
fioriture di orchidee spontanee, lampascioni, crocus, primule, bocche di lupo viole e ciclamini. Dopo
un breve tratto troveremo una fontana per potersi anche rinfrescare. Proseguendo, si arriva ad un
torrente sormontato da un bel ponte di legno; purtroppo il torrente lo troveremo completamente
asciutto. Lo si risale per un lungo tratto, sempre grazie ad un comodo sentiero ombreggiato da
esemplari maestosi di querce ed agrifogli. Salendo di quota si giunge in prossimità del bivio della
strada che porta al Monte Raparello. Lasciata la protezione del bosco, non percorreremo la strada
cementata, ma entreremo in un breve pianoro ed inizieremo la breve salita costituita da alternanza
di pietre, erba e cespugli sino a raggiungere la nostra meta che il più delle volete è abbastanza
ventoso ma, ci troveremo a spaziare con lo sguardo da uno dei punti panoramici più belli del Medio
Agri dalle Timpe di Sant’Oronzo al lago del Pertusillo, dal Volturino ai Monti della Maddalena.
Siamo sul giunti al Monte Raparello, (in agro di san Martino D’Agri) sulla cui sommità si erge (m
1288) la cappella dedicata alla Madonna della Rupe, una sorta di piccolo santuario costruito circa
100 anni fa, grazie al contributo dei fedeli nome dalla tradizionale processione che i fedeli compiono
tutti gli anni in onore della Madonna; dopo la dovuta contemplazione e ristoro, saremo alla volta
del ritorno cercando di evitare sempre lo stradone di cemento, discendendo zigzagando su terreno
trovato all’andata. Arrivati al pianoro sceglieremo un’area all’ombra di un bel pero in fioritura per
la nostra pausa pranzo. Imboccato il bivio con la strada, ripercorreremo a ritroso il sentiero nel bosco
sino a giungere al punto di arrivo.
29-OTT-17 10:23:49
29-OTT-17 14:15:01
Boschi Di Latifoglie

Commenti

    You can or this trail