• Foto di Qui fu Castro
  • Foto di Qui fu Castro
  • Foto di Qui fu Castro
  • Foto di Qui fu Castro
  • Foto di Qui fu Castro

Tempo  2 ore 22 minuti

Coordinate 417

Uploaded 11 febbraio 2017

Recorded febbraio 2017

-
-
317 m
188 m
0
1,2
2,4
4,89 km

Visto 142 volte, scaricato 0 volte

vicino Farnese, Lazio (Italia)

La cittadina di Castro sorgeva nei pressi di un importante insediamento etrusco, su un pianoro circondato dal torrente Olpeta. Sede vescovile e capitale del ducato di Castro, fu rasa al suolo nel 1649 da Papa Innocenzo X per motivi politico/economici. A perenne memoria fu posta una lapide all'ingresso della cittadina con la scritta "qui fu Castro". Quello che rimane ora sono le fondamenta, alcuni capitelli, cenni di costruzioni che solo grazie ai pannelli esplicativi possiamo immaginare come erano prima. Vale assolutamente la pena approfondire la storia su internet. Interessante anche il sito di Sua Altezza Reale il principe Carlo di Borbone delle due Sicile e Duca di Castro.
Veniamo al nostro percorso:
Si parcheggia nello spiazzo all'ingresso della cittadina, dove troviamo la tomba a semidado, il SS Crocifisso e il primo pannello esplicativo generico su Castro.
Risaliamo lo stradone dal quale siamo arrivati, giriamo a destra seguendo il pannello per il sentiero dei briganti e troviamo subito le prime tombe etrusche, tra cui la tomba della biga, dove fu ritrovato un raro esemplare di biga etrusca, ora esposta al museo di Viterbo. Scendendo verso il torrente Olpeta troveremo molte altre sepolture, più o meno interessanti. Guadiamo il torrente, ci dirigiamo verso la piccola centrale idroelettrica di Farnese, risaliamo costeggiando la rupe e entriamo a Castro da Porta Lamberta. Proseguiamo seguendo i segnali marroni verso la chiesa di S.Maria che , con i suoi affreschi, è forse il rudere più bello da vedere. Risaliamo verso piazza Maggiore, notando le strutture ipogee e fantasticando sulla loro destinazione arriviamo alla piazza, dove dei cartelli ci spiegano gli edifici principali: il palazzo della Zecca e il palazzo dell 'Hostaria. Seguiamo il percorso passando per la chiesa convento di S.Francesco, S.Savino, e siamo di nuovo al parcheggio.

Commenti

    You can or this trail