Tempo in movimento  2 ore 43 minuti

Tempo  4 ore 5 minuti

Coordinate 1514

Uploaded 2 maggio 2019

Recorded maggio 2019

-
-
1.069 m
845 m
0
2,1
4,2
8,31 km

Visto 0 volte, scaricato 0 volte

vicino Marcellina, Lazio (Italia)

Percorso per tutti (ho incontrato gente di ogni età) ideale nelle giornate afose romane a 15-20minuti dal Raccordo.
Adatto anche se si ha mezza giornata a disposizione. Si snoda all'interno del parco dei Lucretili, nel greto di torrenti asciutti in un ampio bosco di faggi secolari.

Difficoltà:
- Tecnica: facile
- Salita: facile ben riparata dal sole. Tutto in salita.
- Orienteering: facile/medio. Il percorso è ben segnato ma ci si può confondere, specie al ritorno. Segue principalmente il sentiero 303 per poi proseguire lungo il 303E.
- tempi: lo si fa in poco più di un ora effettiva di marcia.

Attrezzatura consigliata:
- Autan: indispensabile, il bestiame al pascolo brado attira molti insetti incluse zecche.
- Scarpe da trekking alte: ci si muove per parte del percorso nel greto di un torrente asciutto, il piede va spesso tra sassi appuntiti e indossare scarpe basse esporrebbe le caviglie a dolorosi urti e/o distorsioni. Il fango, spesso presente, complica le cose.
Porto sempre con me un paio di scarpe di ricambio e una busta per riporre gli scarponi per non sporcare l'auto di fango al ritorno.
- bottiglia 1/2 litro. Il percorso è breve e all'ombra, la bottiglietta ci sarà utile per bere alla fonte.
- scarsa copertura Gsm. Fate il download della mappa al parcheggio perché non c'è copertura fino a Campitello (ne Vodafone, ne Tim).

La traccia inizia là dove finisce la strada asfaltata (e dove suggerisco di parcheggiare l'auto) alla sinistra della bacheca dell'ente parco che descrive l'area e dove son postati avvisi.
Mettere il telefonino in modalità aereo: non c'è più copertura dati e voce fino a Campitello. Il GPS funziona anche in modalità aereo.

Attraversato il primo boschetto, il sentiero è all'aperto su rocce calcaree e pietre: siamo nel Malpasso. Qui si incrociano diversi sentieri CAI. Le roccie levigate dal passaggio, diventano molto scivolose, fare attenzione in caso di pioggia. Il Malpasso termina in un bosco dove potremo togliere cappelli e occhiali da sole, non ci serviranno più fino alla meta.
Qui si incontrano i primi faggi secolari e aumenteranno in numero mano mano che ci addentriamo nel bosco. Vale quindi la pena fermarsi ogni tanto e guardarsi intorno.
Nei mesi caldi, qui è facile incontrare i primi bovini o equini allo stato brado.

Seguire il 303 fino a valle Cavaliera (WP e foto).
Passeremo accanto al sentiero che porta al bosco delle fate (WP, foto e commenti) e poi sotto un enorme tronco che caduto fa da ponte sopra il sentiero (WP, foto).
Prendete l'abitudine di voltarvi ogni tanto per memorizzare il percorso fatto: vi sarà utile al ritorno.
Arrivati a valle cavaliera proseguire per il 303E.
ll 303 porta al pratone, alla chiesetta sconsacrata e al ripido sentiero per Monte Gennaro, il 303E a Campitello.
Raggiunto un enorme faggio secolare nel mezzo della pietraia con davanti un palo di 60cm, girare a destra e attraversare un piccola gola rocciosa. Qui finisce la salita.

Da qui inizia la parte più "selvaggia" del percorso. Esposta al vento predominante è sempre arieggiata fino a Campitello; in terra è cosparsa di grossi rami secchi ed interi alberi caduti sbarrano il passaggio. Qui si trovano i faggi più grossi. Dopo poco è visibile l'imbocco della radura.

Un grosso albero spezzato in tre da un fulmine segna l'inizio dell'ampia radura di Campitello.
Calzate nuovamente cappello e occhiali da sole e disattivate la modalità aereo perché a breve il telefono sarà in copertura anche se solo per un breve tratto.
La fonte non è facile da trovare e non è immediatamente visibile, seguite la traccia e riempite la borraccia una volta arrivati. Mettere il telefono in modalità aereo, niente più copertura fino al parcheggio.
L'ultimo inverno ha buttato giù alberi con i segni Cai del sentiero che porta al pratone. Occhio alla traccia.
Girate a sinistra una volta arrivati alla chiesetta e riprenderete il 303 per il ritorno.

Commenti

    You can or this trail