Tempo  4 ore 45 minuti

Coordinate 1553

Uploaded 10 marzo 2019

Recorded marzo 2019

-
-
685 m
517 m
0
4,9
9,7
19,48 km

Visto 38 volte, scaricato 1 volte

vicino Popiglio, Toscana (Italia)

Bella passeggiata con notevoli contrasti. Luogo di partenza, Popiglio. Lo raggiungiamo da Pistoia percorrendo la statale 66 fino alla Lima, dove curviamo a sx fino a giungere in paese. Conviene parcheggiare sotto strada dove la sosta è gratuita e normalmente è possibile trovare posto. L' altimetria del percorso è stata rielaborata perché il tracciato attraversa zone in cui il GPS non dà il meglio di sé. Merita, dopo aver ammirato la chiesa Romanica eretta nel 1271 dedicata a Santa Maria Assunta, fare un giro tra le viuzze di Popiglio che ci riserbano sorprese ad ogni angolo. A questo punto imbocchiamo poco sopra strada la passeggiata parallela alla statale 12 direzione lucchesia contrassegnata con i segnali gialli del cammino di San Bartolomeo. Subito dopo poche decine di metri ci appare un ponticello in pietra tardo medievale con un unica campata, ottimamente conservato. Magnifico!
I primi quattro chilometri attraversano una parte di bosco devastato dai venti e dal tempo. Si vedono qui le cause dei dissesti e delle piene dei fiumi. Tronchi ogni dove. Tutto lasciato a se stesso. Totalmente abbandonato. Complimenti a coloro i quali hanno permesso la percorribilità del sentiero. Non deve essere stato semplice ripulirlo da rovi, tronchi e infestanti. Passiamo dalla località Il Dogno, attraversando il relativo fosso. Arriviamo a Canali dove sono presenti alcune case, in parte abbandonate. Le indicazioni del Cammino di S. Bartolomeo ci indirizzerebbero in un'aia della prima casa a dx. Purtroppo è chiusa con un cancello e di guardia c'è un cane (festoso) legato ad una catena. Bisogna tenere la sx prima di arrivare alla casa, costeggiando un muretto e stando attenti ai rovi. Ci inseriamo su una strada carrareccia e il panorama che ci si presenta, giustifica gli sforzi compiuti fino a questo punto. Arriviamo ad un incrocio e proseguiamo sulla dx, la strada a sx scenderebbe a Tana Termini. Poco più avanti nuovo bivio in località Giumeglio, manteniamo la dx. Iniziamo una discesa ripida. Dopo alcune centinaia di metri possiamo osservare sulla sx un cippo di confine del Gran Ducato di Toscana datato 1793.
Continua il saliscendi e attraversiamo alcuni ruscelli, tra cui il Dordoio. Qui vicino c'è la grotta del Dordoio. (www.openspeleo.org/openspeleo/caves-view-145.html). A seguire il fosso di Giumeglio, di San Montale, rio Capriana. Il paesaggio cambia completamente e si fa brullo. Per i profumi e le rocce ricorda vagamente i paesaggi sardi. Oltrepassiamo la località Vaccherina, e arriviamo in discesa Alle Grotte. Possiamo ammirare i resti di un ovile dei pastori, incastonato sotto una roccia a strapiombo. Meritevole. Poco oltre, sulla sx, costeggiamo una recinzione con un gregge di pecore ed una costruzione attigua. Superiamo una selva di castagni ben tenuta...e iniziamo a vedere le prime case di Vico Pancellorum. E' bello perdersi tra le viuzze del paese, adornate con piccole opere d'arte.
Se fosse aperta visitare la chiesa romanica di San Paolo Apostolo del 873 circa. Sul portone di ingresso osservate i simboli che lo adornano. In comune con quella di Popiglio ha un cavaliere scolpito, ma a differenza del primo è stato scalpellato via.
Come tutti i paesi della montagna è, purtroppo, per la maggior parte disabitato.
Buona passeggiata a tutti,.... e come sempre vi ricordo...meglio un'ora nella natura che dieci in palestra.
Alla prossima!!

Commenti

    You can or this trail