Coordinate 415

Uploaded 18 maggio 2010

-
-
715 m
232 m
0
5,1
10
20,48 km

Visto 6341 volte, scaricato 80 volte

vicino San Cerbone, Toscana (Italia)

Si parte da Poggio alla Croce imboccando il sentiero 00 del CAI, in direzione della Badia di Montescalari. Giunti alla fonte ai Trogoli (m. 692), si prende a destra il sentiero 20 che, nella sua parte iniziale aggira il Monte Moggino, sulla cui cima piatta sono visibili ancora ruderi di un'antica casa torre, distrutta completamente da un bombardamento inglese nel luglio del 1944.
Il sentiero continua percorrendo un bellissimo crinale corredato da bellissimi panorami sulla città di Firenze e sulle Alpi Apuane. Dopo i ruderi di Pian della Vite, la strada inizia a scendere fino ad arrivare a Linari (440m.), il cui nome deriva probabilmente dalla coltivazione del lino. Proseguendo per una comoda strada sterrata, lunga circa 2,5 km si
arriva infine a S. Polo in Chianti.
Si continua in direzione della val di Rubbiana, salendo fra cipressi e uliveti fino ad arrivare sotto la millenaria pieve di San Miniato a Rubbiana, un edificio di origini antichissime (1077), costruito su una preesistente chiesetta longobarda.
A casa Aiaia (m. 467 ) c'innestiamo sul sent. 00, che fra querce e cipressi ci porta alla villa Fabbroni, (bell’edificio isolato di epoca ottocentesca) e quindi a casa Fabiano, prima di farci salire a Monte Muro. Prima di ritornare al Poggio alla Croce si passa sotto la chiesetta di San Cerbone, posta in un luogo suggestivo e panoramico. E' consigliabile arrivare a Poggio alla croce risalendo Poggio Citerna, si tratta veramente di poche centinaia di metri in più ma la fatica sarà sicuramente ricompensata dall'incantevole panorama.
  • Foto di Poggio alla Croce
  • Foto di Poggio alla Croce
  • Foto di Poggio alla Croce
  • Foto di Poggio alla Croce
  • Foto di Poggio alla Croce
  • Foto di Poggio alla Croce
Poggio alla Croce è una località situata sulla, sommità del Chianti fiorentino, a 521 mt. Di altitudine, tra la valle dell’Ema e il Valdarno superiore, immersa in un paesaggio prevalentemente collinare ricco di boschi, ulivi e viti. Il territorio è, inoltre, costellato da Castelli, poderi, vigne e ruderi recentemente trasformati in incantevoli alberghi ed agriturismi.
  • Foto di Fonte di San Giovanni
  • Foto di Fonte di San Giovanni
  • Foto di Fonte di San Giovanni
  • Foto di Fonte di San Giovanni
  • Foto di Fonte di San Giovanni
  • Foto di Fonte di San Giovanni
  • Foto di fonte ai Trogoli
  • Foto di fonte ai Trogoli
  • Foto di fonte ai Trogoli
  • Foto di fonte ai Trogoli
  • Foto di fonte ai Trogoli
  • Foto di fonte ai Trogoli
La Fonte ai Trogoli (m. 692). Un tempo il sentiero era costeggiato da innumerevoli trogoli pieni di acqua della sorgente che servivano per abbeverare il bestiame.
  • Foto di Casanova del Guidetto
  • Foto di Casanova del Guidetto
  • Foto di Casanova del Guidetto
  • Foto di Casanova del Guidetto
  • Foto di Casanova del Guidetto
  • Foto di Casanova del Guidetto
  • Foto di Pian della Vite
  • Foto di Pian della Vite
  • Foto di Pian della Vite
  • Foto di Pian della Vite
  • Foto di Pian della Vite
  • Foto di Pian della Vite
  • Foto di Linari
  • Foto di Linari
  • Foto di Linari
  • Foto di Linari
Linari 440m. sul livello del mare, il nome deriva proprio dalla coltivazione del lino che facevano in passato.
  • Foto di San Polo
  • Foto di San Polo
  • Foto di San Polo
San Polo in Chianti si trova nella valle dell'Ema a m.230 sul livello del mare. Il paese si formò alla fine del 1700 lungo la strada per Firenze, deve il nome ad una antica chiesa già esistente dedicata a San Paolo.
  • Foto di San Miniato di Rubbiana
  • Foto di San Miniato di Rubbiana
  • Foto di San Miniato di Rubbiana
Pieve di San Miniato a Rubbiana edificio religioso di origini antichissime -1077 - costruito su una preesistente chiesetta longobarda.
  • Foto di San Cerbone
  • Foto di San Cerbone
  • Foto di San Cerbone
  • Foto di San Cerbone
Chiesa di san Cerbone, in bellissima posizione suggestiva e panoramica.
  • Foto di Poggio Citerna
  • Foto di Poggio Citerna
  • Foto di Poggio Citerna
  • Foto di Poggio Citerna
  • Foto di Poggio Citerna
  • Foto di Poggio Citerna
Poggio di Citerna (m.590). Qui un'area attrezzata con panchine in legno sotto l'ombra di querce e castagni, nonché di una croce in ferro, ci accoglie per goderci di un bellissimo panorama sul Poggio alla Croce, sulla val d'Ema e sulla piana di Firenze (nei giorni di cielo limpido si vede pure il duomo). Proseguendo lungo il sentiero che si snoda piacevolmente lungo il crinale del poggio si giunge sul versante valdarnese (m.582). Qui la nostra vista può spaziare non solamente sul Valdarno superiore ma può arrivare perfino ad Arezzo. Ma il poggio di Citerna non ci offre solo panorami a largo raggio perché qui, su questo lato, sono visibili tra la vegetazione i ruderi di un monastero femminile risalente al XIII secolo. Per quasi due secoli delle monache agostiniane sono vissute lassù, probabilmente occupando un edificio fortificato di origine ancora più antica, prima di essere richiamate in città alla fine del Trecento. La loro presenza su questa collina rientra nell'ambito di quel variegato fenomeno dell'eremitismo femminile che conobbe a quel tempo, anche in Toscana, una diffusione straordinaria. Da lassù poi si ridiscende, in poco tempo, per un comodo sentiero, probabilmente lo stesso che facevano quelle monache per raggiungere il Poggio alla Croce, dove, fino a qualche secolo fa, consisteva in pratica in un edificio in pietra e in un ospedaletto di campagna, ricollegandoci così al sentiero CAI 00.

Commenti

    You can or this trail