Tempo  5 ore 4 minuti

Coordinate 1127

Uploaded 26 settembre 2015

Recorded agosto 2015

-
-
2.044 m
1.465 m
0
1,8
3,6
7,13 km

Visto 1699 volte, scaricato 29 volte

vicino Pescegallo, Lombardia (Italia)

Raggiungere la Valtellina Morbegno girare a destra arrivare all'incrocio di una piccola piazzetta dell'antica via di San Rocco per imboccare la strada che percorre tutta la Val Gerola arrivare in fondo a Pescegallo sul piazzale di sosta invernale degli impianti di risalita, ove finisce la strada, 1454 m.

Nei pressi del piazzale sopra la fontana cartelli segnavia, per il lago di Pescegallo indica sent. 146, e 1,20 ora, un altro cartello metallico posato accanto su una roccia fornisce il lago in un ora e il Passo San Marco a 3 ore e 30. Da li parte uno sterrato che poco dopo si abbandona per seguire i bolli del sentiero che risale dritto in direzione sud tra rado bosco arriva presto nei pressi di una conca. La quale è attraversata di nuovo dalla strada bianca nel prato si smarriscono le tracce di sentiero, si piega a sinistra - Nord-Est, e nei pressi di un abbeveratoio si raggiunge la strada, si passa dalla Casera di Pescegallo e si arriva subito allo sbarramento di pescegallo alle case di servizio della diga. Il lago con i suoi riflessi blu è incastonato in un bello e severo ambiente di montagna sulla destra - a sud - la conca è chiusa dalle cime di Pescegallo e di Ponteranica, dal fronte della diga la vista spazia sulle cime della costiera della Valgerola. Si può girare il lago da entrambi i lati il sentiero prosegue dalla parte opposta, osservando attentamente si intravede la traccia in alto. Con una serie di traversi ci si innalza via via in modo sempre più ripido a raggiungere la stretta insellatura del passa del Forcellino, a 2050 m.
Una targa ci dice che siamo sul sentiero dedicato ad Andrea Paniga, se siete fortunati: spettacolare vista sul M.te Disgrazia. Il passo da accesso alla valle di Bormina laterale della Valgerola. Subito si scende ripidamente per un breve tratto nella valle, un passaggio, non difficile, assistito da catene arrugginite, poi un lungo traverso sopra la valle a raggiungere il passo del Verrobbio, 2022 m. senza prima transitare dal grazioso laghetto di Verrobbio, vera chicca, resistente, nonostante i cambiamenti delle condizioni climatiche.
Al passo vale la pena soffermarsi. Intanto ci troviamo sullo spartiacque tra la Valtellina e la Bergamasca in lontananza si vede già Ca San Marco e la strada che sale al passo inoltre si nota in basso tutto il sentiero che in piano taglia il versante e arriva al Rifugio, dal passo si osservano le trincee della linea Cadorna fino alla galleria sulla dorsale del Monte di Verrobbio che si eleva dal passo, risalenti alla prima guerra mondiale, la follia del tempo immaginava un invasione Austriaca attraverso la Svizzera.
Ora non resta che scendere e in poco meno di un oretta arrivare all'antica cantoniera di Ca San Marco, 1830 m.

Difficoltà: E pochi passaggi delicati ma privi di vera difficoltà. Tratto che fa parte della GVO gran via delle Orobie. Sentieri 146 e 101
Tempo: 3,30 ore giuste se non si considerano soste.

Per il ritorno lo stesso percorso oppure allungando il cammino e i tempi, puè essere combinato con un bel giro ad anello che passa dal sentiero 101 che si abbassa nella valle al pian dell'Acqua Nera risale e traversa sotto la costiera M.te Colombarolo e Ponteranica passa sopra i piani dell'Avaro e va a raggiungere il Passo di Salmurano da qui il rientro per la valle e gli impianti di Pescegallo. Sono comunque possibili numerose varianti
cartelli segnaletici dal parcheggio di Pescegallo. Sulla sinistra.

1 comment

  • Foto di miguel976

    miguel976 11-ott-2018

    Complimenti per il percorso e la descrizione, oltre che per averlo condiviso. Spero di farlo un giorno...

You can or this trail