Tempo in movimento  5 ore 31 minuti

Tempo  6 ore 45 minuti

Coordinate 3777

Caricato 13 ottobre 2020

Registrato ottobre 2020

-
-
2.144 m
636 m
0
5,3
11
21,03 km

Visualizzato 104 volte, scaricato 1 volte

vicino a Pescarzo, Lombardia (Italia)

Partenza dal paesino di Pescarzo a 636 mt e arrivo sul monte Elto a 2144 mt. Rientro passando al Bait del Mela dirigendosi verso Ono San Pietro e poi prendendo la deviazione al Put de le Cavre che riporta nuovamente a Pescarzo.
Percorso lungo e impegnativo, soppratutto nella parte che porta alla cima dato che prevede salite molto ripide ed un tratto dopo Nistabol dove il sentiero non è presente ma bisogna affidarsi al senso di orientamento.
Descrizione: Una volta parcheggiata l'auto in un parcheggio nei pressi di Pescarzo di Capodiponte (636 mt) si percorre la strada fino alla piazza del paese dove un cartello indica l'agriturismo Plè (1420 mt), prima tappa della nostra gita. Si segue l'indicazione percorrendo il paese in salita e lasciatolo alle spalle si prosegue in direzione della località Val d'Ustì dove incontriamo una Santella Votiva. proseguiamo fino alla località Pisine (761 mt). Questo sarà il punto dove al ritorno ci ricongiungeremo con il percorso. Adesso continuiamo a destra fino a raggiungere la località Valserta (920 mt). Proseguendo dopo la fontana il sentiero si divide, noi proseguiamo a sx seguendo il cartello per l'agriturismo. Affrontiamo un tratto in leggera pendenza e seguiamo sempre il sentiero principale fino ad arrivare ad una Santella Votiva in località Brusaghì (995 mt). Proseguiamo sempre sul sentiero per arrivare ad un altro cartello che indica l'agriturismo Plè e continuiamo fino ad arrivare ad un ampio tornante a destra in salita. Noi dobbiamo proseguire diritti affrontando un secondo tratto in salita che ci condurrà ad una Santella Votiva in località Sinac (1144 mt). Proseguiamo e in circa 10 minuti arriviamo ad un secondo importante bivio (1173 mt) da non sbagliare. Dobbiamo proseguire diritti fino ad attraversare un torrentello (Valle di Sinac) e dopo 15 min si arriva ad un altro incrocio dove dobbiamo svoltare a destra e affrontando un percorso molto impegnativo in 10 minuti cii porta alla prima tappa cioè all' Agriturismo Plè. Panorama molto bello e dopo alcune foto si prosegue su strada in leggera salita. Dopo 20 minuti si attraversa un torrentello (Valle de la Frata 1482 mt). Proseguiamo sul sentiero che ci farà affrontare dei tratti veramente impegnativi e in circa 20-25 minuti arriviamo alla seconda tappa cioè località Nistabol (1638 mt). Che dire, tutta la fatica fatta è ripagata dal bellissimo panorama. dopo alcune foto e uno snack si riparte affrontando il tratto forse più difficile poichè in assenza di sentiero. Guardando in direzione dietro la baita la nostra meta è un sentiero che taglia a mezza costa il vasto prato che vediamo quindi proseguiamo a zig zag sul prato restando per il primo tratto a ridosso dell'avvallamento di destra della Val de la Frata e poi spostandoci verso il centro. Dopo circa 40 minuti raggiungiamo il sentiero detto in precedenza in località Pe de Corf(1816 mt) e lo seguiamo a sinistra fino a congiungerci con il ben più visibile sentiero trattorabile (1937 mt) che ci porta alla località Golina di Garzet (2081 mt). Da qui ci si collega al sentiero CAI 159 ed in 25 minuti si arriva alla vetta del monte Elto (2144 mt). Proseguendo sulla cresta è possibile raggiungere il Pizzo Garzeto sempre seguendo il sentiero 159 e poi scendere alla malga Tambione. Io ho optato per ritornare sui mie passi e al bivio del sentiero che mi avrebbe riportato a Nistabol ho proseguito diritto fino a giungere al Bait del Mela (1627 mt). Da qui su strada asfaltata si scende verso l'abitato di Ono S. Pietro e in circa 1 ora si arriva all' incrocio con il sentiero per il Put da le Cavre che è anche un tratto della via Valeriana (812 mt). Lo si imbocca e in circa 15 minuti si raggiunge il Ponte e in altri 15 il punto di ricongiungimento citato all'inizio. Si torna a Pescarzo dopo aver percorso circa 21 Km.
Considerazioni: Percorso molto bello e solitario. Impegnativo per la salita avendo ben 1500 mt di dislivello. La seconda parte è meno impegnativa me sempre difficile soppratutto per il tratto asfaltato.
Sito religioso

Santella alla Val d'Ustì

Intersezione

Località Pisine

Fontana

Valserta

Sito religioso

Santella dei Brusaghì

Intersezione

Incrocio per Zeran (Tenere la destra per Agriturismo Plè)

Intersezione

Incrocio per Valiganega (Tenere la sinistra)

Sito religioso

Santella di Sinac

Intersezione

Incrocio per Valdistù (Tenere la sinistra)

Intersezione

Incrocio (Tenere la destra per Agriturismo Plè)

Rifugio custodito

Agriturismo Plè

Fiume

Valle de le Fratte

Rifugio custodito

Nistabol

La direzione da seguire nella salita dopo la baita è individuale. La traccia segnata è solo indicativa
Albero

Albero

Intersezione

Incrocio con sentiero dal Bait del Mela (Tenere la Dx verso Golina di Garzet)

Intersezione

Golina di Garzet

Panorama

Sentiero di avvicinamento al monte Elto

Vetta

Monte Elto

Panorama

Croce

Intersezione

Verso il Bait del Mela

Intersezione

Incrocio per la Malga Cual (Tenere la Sx per Bait del Mela)

Panorama

Bait del Mela

Foto

Località Lifrot

Sito religioso

Crus dal Curobe

Foto

Località Cantagall

Panorama

Località Plemort

Intersezione

Bivio per Località Ruà

Sito religioso

Località Parsanega

Intersezione

Bivio per il Put de le Cavre

Fiume

Put da le Cavre

Foto

Sentiero

Questo tratto porta alla località Pisine e si ricongiunge con il tratto principale alla partenza da Pescarzo

Commenti

    Puoi o a questo percorso