Tempo  5 ore 34 minuti

Coordinate 2501

Caricato 26 marzo 2020

Registrato agosto 2019

-
-
1.997 m
1.336 m
0
4,4
8,8
17,68 km

Visualizzato 19 volte, scaricato 2 volte

vicino a Serre, Piemonte (Italia)

I Percorsi Occitani (da qua in poi abbreviati PO) è un trekking di circa 180km ideato intorno agli anni '90 che percorre i due versanti orografici della splendida Valle Maira, passando per una grande varietà di ambienti e stupendi borghi.

Abbiamo diviso il trekking in queste tappe:
1) Dronero - Sant'Anna di Roccabruna
2) Sant'Anna di Roccabruna - Camoglieres
3) Camoglieres - San Martino Inferiore
4) San Martino Inferiore - Elva
5) Elva - Ussolo
6) Ussolo - Chiappera
7) Chiappera - Viviere
8) Viviere - Torello
9) Torello - Palent di Macra
10) Palent di Macra - Celle di Macra
11) Celle di Macra - Dronero

Noi abbiamo percorso l'itinerario che abbiamo ritenuto il più completo e di ampio respiro, ma esistono alcune bretelle per accorciare e rientrare nel fondovalle, così come è possibile scegliere Bedale di Macra come punto di partenza/arrivo, per evitare la parte di bassa valle e guadagnare circa 3 giorni rispetto al nostro percorso.
Per chi volesse viaggiare leggero, è disponibile il servizio Sherpabus per il trasporto di bagagli/zaini da un posto tappa all'altro.

Da notare che i PO partono ufficialmente da Villar San Costanzo e arrivano a Dronero, mentre noi, per comodità, abbiamo preferito avere Dronero anche come base di partenza.

Il segnavia orizzontale classico è una singola tacca gialla, che va ad affiancarsi (e a volte viene sostituita) dai classici segni bianco-rossi sui sentieri accatastati.
Come segnaletica verticale abbiamo delle paline di legno scuro con tacca gialla e indicazione del prossimo punto tappa, affiancate anche qua con le paline metalliche bianco-rosse CAI.

-----------

Il 03 Agosto 2019 ripartiamo da Elva per raggiungere Ussolo.
Dal piazzale presso la parrocchia di Santa Maria Assunta a Elva prendiamo la strada comunale che scende verso nord in direzione del Vallone di Bedale Maggiore.
Lasciamo quasi subito a destra la strada comunale per Goria e Cucchiales e scendiamo ancora per un breve tratto, fino a imboccare a destra la strada per le Borgate Dao e Chiosso.
La stradina asfaltata attraversa in successione le Borgate Villar, Reynaud, Clari, Dao e Rossenchie e, superati due impluvi, comincia a salire in direzione di Chiosso.
A Chiosso Inferiore trascuriamo la vecchia mulattiera che incrocia la strada e, dopo alcuni tornanti è un lungo traverso, raggiungiamo Chiosso di Mezzo.
Continuiamo a seguire la strada che prosegue fino alle porte di Chiosso Superiore, dove l'asfalto finisce.
Poco prima dello spiazzo in cui termina la strada, svoltiamo a destra su una stradina lastricata che si innalza tra le poche case della frazione.
Subito sopra le case svoltiamo a sinistra sul sentiero per il Colle di San Michele, che scende sul fondo del Vallone di Gias Vecchio.
Attraversato il torrente su un ponte di legno, il sentiero taglia un breve tratto franato, quindi punta a sud-est il ripida salita diagonale all'interno di un fitto lariceto.
Valicato il costone, procediamo a mezzacosta sempre nel lariceto e arriviamo ad un bivio dove svoltiamo a destra.
Superato un panoramico costone, attraversiamo un ripido pendio puntando sud-ovest, finché, con poche ma ripide svolte, ci immettiamo su un sentiero (finalmente!) pianeggiante.
Svoltiamo a sinistra, in leggera discesa, e proseguiamo sul lungo mezzacosta arrivando al Colle San Michele, dove il panorama si apre maestoso sulle pareti rocciose del Monte Chersogno.
Scesi per poche decine di metri oltre il valico, incontriamo una strerrata che seguiamo verso sinistra.
Lungo la discesa trascuriamo i sentire che si staccano ai nostri lati, continuando dritti sulla sulla pista a fondo naturale e, poco più avanti, arriviamo all'incrocio per San Michele di Prazzo e Ussolo.

##
Chi volesse fare una tappa più corta, può tirare dritto rimanendo sulla carrareccia e, in circa 3 km di discesa, arrivare a San Michele di Prazzo (punti tappa nelle borgate Allemandi, Chiesa e Villa).
Il giorno dopo, basterà seguire la strada asfaltata per Castiglione e per ricongiungersi ai PO poco prima della borgata (vedi waypoint).
##

Svoltiamo a destra, scavalcando un recinto per bestiame e prendendo un sentierino che si confonde con le tracce lasciate delle mandrie al pascolo.
Scendiamo per prati, prima verso nord-ovest e poi, dopo una curva a sinistra, verso sud-ovest fino ad incrociare una strada asfaltata, che attraversiamo per riprendere il sentierino.
Il vista della borgata Cesani il sentierino si va un po' a perdere ma, a vista, raggiungiamo la borgata arrivando sul retro della chiesa.
Proseguiamo dritti, tirando dritto ad un incrocio con un'altra stradella per raggiungere un gruppo di case con fontana, dove facciamo una meritata sosta.
Seguendo le indicazioni di una palina scendiamo su sentiero erboso tra le case fino ad arrivare ad un prato incolto, dove la traccia sparisce e, ancora una volta, andiamo un po' a vista, con un occhio al gps.
Raggiunto il limitare di un bosco ritroviamo il sentiero che scende ripido, infossato e fangoso fino ad immettersi sulla stradella asfaltata proveniente da San Martino di Prazzo e diretta alle borgate Castiglione e Oggeri.
Svoltiamo a destra e, poco più avanti, cominciamo a salire e, al bivio, svoltiamo a sinistra passando su un ponticello di legno su un torrente per arriviare la piccola Borgata di Castiglione.
La stradina qui termina in un bivio, dove svoltiamo a sinistra per procedere serpeggiando tra le case, con alcuni bei passaggi sotto i voltoni. Giunti al forno della borgata, la mulattiera si trasforma in sentiero.
Continuiamo, alternando ripidi strappi a tratti in falsopiano, ora tra prati e pascoli con begli scorci panoramici sul Vallone San Michele, ora all'interno del bosco.
Passiamo un cancello di legno per il bestiamo ed entriamo nella Cumba del Duc, compiendo un lungo semicerchio e toccando i ruderi della Grange Pier.
Dopo aver guardato due rii, incontrato diverse mucche, esserci fatti superare dal pastore in sella ad una moto da trial e passato un secondo cancello, usciamo dalla comba e raggiungiamo la spalletta di un modesto costone.
Qui il sentiero volge a destra, innalzandosi ripido sul filo del costone, poi piega a sud-ovest e, con un lungo traverso in salita, raggiunge un colletto senza nome a monte della Punta Albeno.
A questo punto il sentiero taglia quasi in piano il pendio prativo e, giunti in una zona acquitrinosa, la traccia si fa per un tratto labile, tornando più evidente alcune decine di metri dopo.
Con percorso tortuoso (e a tratti sdrucciolevole) perdiamo quota velocemente, toccando I Ruderi delle Grange Albeno, poi tagliamo in leggera discesa verso sud lungo spogli pendii prativi.
La pendenza si accenta nuovamente ed il sentiero piega a ovest, dove si immette su una strada sterrata.
La seguiamo verso sinistra e, dopo circa 150 metri, ignoriamo il segnavia sulla destra che ci farebbe scendere da un sentiero selciato...che ci farebbe risparmiare un po' di strada, ma che sembra anche molto infrascato.
Dopo altri 150 metri, però riusciamo a prendere sempre sulla sinistra un miglior sentierino che, passato un pilone votivo, passa tra le case poche della Borgata Vallone per giungere alla chiesa di Sant'Anna, dove troviamo una fontana e l'asfalto.
Anche qua, sulla sinistra della chiesa, sarebbe possibile tagliare su vecchio lastricato ma, in questo caso, e addirittura chiuso per rischio crollo di una casa.
Seguiamo quindi la strada asfaltata facendo un primo tornante per poi, arrivati quasi al secondo, prendere sulla destra un sentierino che ce lo fa tagliare.
Nuovamente sulla strada, al successivo tornante abbandoniamo ancora l'asfalto per imboccare il nostro lastricato (qua pulito) che si stacca sempre a destra.
In breve scendiamo per immetterci su una bella mulattiera e, seguendola verso sinistra, raggiungiamo una stradina asfaltata presso una fontana e le prime case di Ussolo. Continuando in discesa, arriviamo finalmente ad Ussolo, presso la chiesa di Santo Stefano.
Pernottamento presso Ostello La Carlina.

Tappa moderatamente impegnativa, divisibile in tue tronconi per una percorrenza più rilassata.
Insidiosa la discesa finale per Ussolo per il fondo misto ghiaino / erba olina.

ANEDDOTO
Essendo bene o male la tappa mediana del trekking, a Ussolo sono venuti a farci visita i miei genitori che, dopo un merenda insieme al bar dell'ostello, ripartono per casa.
Dopo circa 30/40 minuti dalla loro partenza, ci accorgiamo che la scarpa destra di Erika aveva la suola praticamente scollata!
Scarpe tra l'altro risuolate poche settimane prima proprio in vista del trekking.
Noi, colpevolmente, non avevamo colle (male!!!) e la proprietaria dell'ostello aveva solo dei cordini di rafia, utili fino ad un certo punto.
Chiaramente a Ussolo, borgata con...dico tanto...15 abitanti, un posto per comprare della colla non c'era.
Così, decisione tragica: chiamare i miei, sperando che fossero ancora in zona.
Fortunatamente erano all'altezza di Dronero ed hanno potuto recuperare vari tubetti di colle, che ci hanno poi portato...perdendo 1 ora buona tra l'avanti e indietro.
Colla che si rivelerà decisiva per il prosieguo e la conclusione del trekking, perchè, da questa tappa fino al rientro a Dronero, una mezz'oretta ogni sera la dedicheremo al reincollaggio della suola...sia della destra che della sinistra!
Quindi grazie mamma e papà!
fotografia

Borgata Villar

Borgata Villar
fotografia

Borgata Clari

Borgata Clari
fotografia

Borgata Chiosso inferiore

Borgata Chiosso inferiore
fotografia

Borgata Chiosso di Mezzo

Borgata Chiosso di Mezzo
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
Intersezione

Bivio San Martino di Prazzo / Ussolo

Bivio San Martino di Prazzo / Ussolo
fotografia

Borgata Cesani

Borgata Cesani
fotografia

Borgata Cesani

Borgata Cesani
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Borgata Castiglione

Borgata Castiglione
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Ruderi grange Prier

Ruderi grange Prier
fotografia

Sentiero trafficato

Sentiero trafficato
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Ruderi grange Albeno

Ruderi grange Albeno
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Un tratto del percorso

Un tratto del percorso
fotografia

Borgata Vallone

Borgata Vallone
fotografia

Ussolo

Ussolo

Commenti

    Puoi o a questo percorso