Tempo  un giorno 6 ore 35 minuti

Coordinate 2630

Uploaded 19 agosto 2018

Recorded agosto 2018

-
-
1.304 m
731 m
0
7,5
15
30,05 km

Visto 395 volte, scaricato 22 volte

vicino Orgosolo, Sardegna (Italia)

Orario inizio: 08/18/2018 08:56
Orario fine: 08/19/2018 15:31

Partenza dalla caserma Ilodei Malu di Montes.Attraverso le piste forestali si raggiunge la zona di Uttulu dove è presente una fonte attiva tutto l'anno.(altra fonte a Porharjos lungo la pista di avvicinamento).
Deviando verso Janna Isholi si risale la zona prospicente Punta Gantinarvu per raggiungere l'ingresso della diaclasi di S'harpidura.
Dalla carrabile si segue per un pezzo una vecchissima pista oramai quasi scomparsa,per poi infilarsi nel bosco procedendo ad altezza pressoché costante.
In corrispondenza del wpoint INGRESSO risalire la costa sottoparete sino a vedere l'ingresso della diaclasi posto al centro di una rientranza nella falesia.
Usciti da S'harpidura avremmo dovuto proseguire in cresta verso punta Sa Pruna ma una vera e propria bufera di acqua,tuoni e fulmini ci ha fatto riparare dentro il pinneti di Ziu Carmineddu (Introemontes) distante circa 500 mt (NO sentiero).
Alle 15,diminuita la pioggia,siamo ripartiti sul sentiero che conduce verso Gruhes e Donanihoro decidendo di fermarci al pinneti di S'Orada Hamposa per la notte.
17 km il percorso della giornata
650 + circa il dislivello.

Il secondo giorno,anziché fare il largo giro che obbliga passare a Su Sielhone per proseguire verso il sentiero denominato Juanne Grehu che conduce a S'Arenarju,ne abbiamo imboccato un altro che parte proprio dal campo dove è ubicato il pinneti di S'Orada Hamposa.
Una ventina di metri dietro la cumbula ancora esistente,nascosto dagli alberi,parte un sentiero in salita segnato con omini.
Risale in diagonale la costa lasciando alla vostra destra l'inconfondibile rilievo di Bruncu Arvu per poi infilarsi in un fantastico bosco.
Seguendo scrupolosamente gli omini si arriva alla vecchia mandra dell'huvile Purthari per poi andare ad incrociare il sentiero classico di Juanne Grehu che arriva dal pinneti di Pistohu.
Questo incrocio è proprio all'altezza de Su Lahu 'e Taletho.
Utilizzare questo sentiero poco noto,ma veramente bello,ci ha permesso una risalita progressiva con un risparmio di tempo e chilometraggio,evitandoci un lungo giro.
Arrivati a S'Arenarju,magari dopo esser saliti a punta Solitta per ammirare panorami sconfinati,si scende lungo quello che rimane delle vecchie carrabili per giungere nella zona di Ala Sennora.
Dopo il wpoint DEVIAZIONE cercare i primi segni bianco/rossi del sentiero 402,che passando per punta Cateddu conduce sino al bivio di Scala 'e Marras in territorio di Oliena.
Volendo si può proseguire in cresta passando per punta Corrasi e poi scendere da Pradu e Tuones,oppure optare(come abbiamo fatto noi) per il sentiero di scala Marras che passa sotto le creste del Corrasi e porta diretto alla fonte di Daddana dove si potrà festeggiare con acqua fresca a volonta'😁
Un ultima passeggiata lungo un pezzo di carrabile più il sentiero 403 vi porterà all'hotel di Maccione dove ad attendervi vi sarà l'auto lasciata il giorno prima.
L'idea iniziale era di viaggiare per tutta la durata dell'hike in cresta da Gantinarvu a Sa Perda Longa.
Il maltempo non ci ha aiutato ma tutto sommato crediamo di aver realizzato qualcosa di valido,soprattutto per quanto concerne la parte orgolese mai facile da affrontare,per via della sua parte più segreta .
Oggi ne conosciamo una porzione in più.
Buoni passi!

Commenti

    You can or this trail