• Foto di Omo Morto e Pania della Croce da Piglionico
  • Foto di Omo Morto e Pania della Croce da Piglionico
  • Foto di Omo Morto e Pania della Croce da Piglionico
  • Foto di Omo Morto e Pania della Croce da Piglionico

Tempo in movimento  4 ore 47 minuti

Tempo  8 ore 21 minuti

Coordinate 2520

Caricato 2 giugno 2019

Recorded giugno 2019

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
1.861 m
1.059 m
0
3,6
7,2
14,38 km

Visto 49 volte, scaricato 7 volte

vicino Cornola, Toscana (Italia)

Partenza da Piglionico: controllate all'ultimo bivio se il parchimetro è funzionante. Se sì, fate il biglietto prima di lasciare la macchina. Dalla Cappella Votiva di Piglionico si segue il 127 per un breve tratto fino all'inizio del 7. Il sentiero per un lungo tratto rimane all'interno di un bosco, è segnato ma i segni non sono sempre evidenti (giugno 2019). Dopo circa 300 metri di dislivello sbocca sulla vallata che porta al Rifugio Rossi. Dal Rossi si può andare velocemente (max 10 minuti) sull'Omo Morto, il sentiero parte da dietro al rifugio e sale ripidamente su terra e paleo fino a sotto al "naso". La vista dall'Omo Morto è mozzafiato. Si riscende al Rossi (occhio in discesa!) e si prosegue sul sentiero 7 fino a poco dopo Focetta del Puntone, dove si prende il 126 verso il Vallone dell'Inferno. Il sentiero nel Vallone è ripido e perlopiù sassoso, da non fare con temperature estreme. In cima si prende a sinistra verso la croce e in pochi minuti si giunge in vetta alla Pania della Croce. La visuale, qui, non ha pari: si distinguono praticamente tutte le vette Apuane, l'inizio della Liguria, i Monti Pisani, la Piana di Lucca, la Versilia e guardando verso il mare, con una bella giornata, si possono anche riconoscere delle isole dell'Arcipelago Toscano e la Corsica. Il sentiero 126 ci porta via dalla Pania della Croce, zigzagando a lungo in discesa su sentiero talvolta di terra, spesso sassoso e talvolta scivoloso (la scarpa alta è un must-have). Si prosegue fino al Rifugio Del Freo che sembra non avvicinarsi mai. Dopo una pausa ristoro, si torna indietro a Foce di Mosceta e si prende il 127 per rientrare verso le macchine. Il 127 è un "infinito" sentiero nel bosco, abbastanza pianeggiante, con saltuari sguardi al Monte Sumbra e, più avanti, al Monte Rovaio e Monte Nome di Gesù. Attenzione, i sentieri CAI 9 e 127 coesistono fino ad un bivio poco evidente. Controllare la traccia: il bivio si trova nel punto in cui ...ho sbagliato e sono dovuto tornare indietro. Più avanti, quasi in fondo, il 127 gira a destra salendo mentre d'istinto verrebbe da proseguire dritti su un sentiero che s'interrompe poco dopo: occhio ai segni bianco-rossi!

Ho inserito come difficoltà tecnica "Impegnativo" perché le discese sono talvolta scivolose e perché è effettivamente lungo e provante per chi non ha un minimo di allenamento.

2 commenti

  • balubig 2-giu-2019

    Magnifico percorso By Cinghiali da Trekking

  • Foto di Nikfab

    Nikfab 17-ago-2019

    I have followed this trail  View more

    Fatto per Ferragosto 2019 , veramente un gran bel giro , soprattutto molto vario , si passa dal bosco di faggio al paleo delle alture ai canaloni rocciosi .
    Mi è piaciuto molto anche il CAI 127 che dal Rifugio Del Freo riporta al Piglionico , praticamente è una terrazza da cui ogni tanto si apre dei panorami bellissimi su tutta la zona del Sumbra .

You can or this trail