Tempo  2 ore 3 minuti

Coordinate 600

Caricato 13 febbraio 2016

Recorded febbraio 2016

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
214 m
160 m
0
1,6
3,3
6,51 km

Visto 1242 volte, scaricato 76 volte

vicino Norchia, Lazio (Italia)

Bella passeggiata nel parco archeologico di Norchia.
Ideale per gli amanti dell'archeo trekking.
Partenza da Cinelli,  una frazione di Vetralla. Giunti a Cinelli seguire le indicazioni per il parco archeologico di Norchia. Quando finisce la strada asfaltata,  lasciare l'automobile in un piccolo parcheggio e iniziare a parcorrere il viale alberato.
Poche centinaia di metri e si arriva all'ingresso del parco
Si incontrano subito le "Tombe a dado" incastonate nella facciata della rupe.
Proseguendo la passeggiata nel parco si arriva ai ruderi della chiesa di S. Pietro, per poi ritornare al punto di partenza. Durante il percorso si incontrano colombaie,  grotte e tombe etrusche. La mia passeggia è stata "compromessa" dalle condizioni meteo; il percorso che avevo studiato prevedeva per ben tre volte il guado del fiume (credo che si chiami fosso dell'Acqualta). Il fiume in piena,  però, mi ha costretto a tornare sui miei passi.
Questo inconveniente poco ha tolto alla bellezza della passeggiata.
Tomba Prostila e Tomba Camino
Fiume
Piccola tagliata
Colombaie
Tagliata
Scalinata
Rovine
Panorama
Chiesa di S.Pietro
Porta
Fiume
Tomba

2 commenti

  • Foto di frankie.trix

    frankie.trix 14-mag-2018

    Itinerario affascinante immerso in una natura lussureggiante. Purtroppo è da segnalare lo stato di abbandono in cui versano la chiesa ed i resti del castello. Scarsa anche la manutenzione di alcuni ponti in legno.... ma a parte questo consiglio vivamente un escursione in questo posto

  • Foto di mistigris

    mistigris 10-set-2018

    I have followed this trail  verificato  View more

    Itinerario di grandissimo interesse storico inserito in un pregevole contesto naturalistico con svariati luoghi d'interesse. E' perfino possibile estendere il percorso fino a Rocca Respampani. Nonostante l'incuria da parte delle amministrazioni preposte, il tracciato è abbastanza pulito ma è fondamentale continuare a tenerlo così pertanto esorto gli escursionisti a contribuire dotandosi di cesoia per tagliare i rami dei rovi che invadono il sentiero. La segnaletica è quasi del tutto assente ma con la traccia GPS non è difficile orientarsi. Ci sono dei comodi ponticelli per guadare il fiume (meglio però tenersi al centro dato che le tavole possono cedere sui bordi). Consiglio pantaloni lunghi e scarpa alta per la presenza di zone umide e vegetazione rigogliosa. Come di consueto mi auguro che un giorno posti meravigliosi come questo vengano gestiti e valorizzati come avviene in qualunque altra parte del mondo.

You can or this trail