Tempo  2 ore 2 minuti

Coordinate 1065

Caricato 10 giugno 2016

Recorded giugno 2016

-
-
206 m
105 m
0
1,9
3,8
7,5 km

Visto 1262 volte, scaricato 37 volte

vicino Morona, Piemonte (Italia)

“Nel parco naturale di Rocchetta Tanaro”


INTRODUZIONE


Il parco di Rocchetta T. è situato su di un rilievo collinare(delimitato a Est dalla valle del rio Ronsinaggio e,a Ovest, dalla valle del rio Rabengo) che si allunga abbassandosi sino al fondovalle della grande valle Tanaro.
Il bosco di questo territorio fu riconosciuto come “Parco Naturale” dalla Regione Piemonte nel 1980 ed è stata la prima area protetta regionale in Provincia di Asti.
In questo luogo sono sopravvissute,in maniera spontanea, specie arboree(querce ad alto fusto specialmente) che in epoche lontane ricoprivano gran parte della pianura padana e che andarono,poi, scomparendo a causa dei progressivi disboscamenti fatti dall’uomo per dar spazio alle coltivazioni.
Il parco è caratterizzato da una elevata biodiversità di specie.
Particolarmente interessante è la presenza di un “grande faggio” secolare che si trova a una altitudine di 140 m.s.l.m.(la quota più bassa segnalata in Piemonte:i faggi crescono a più elevate altitudini).
Questo faggio sarebbe ,perciò, un discendente delle grandi faggete che a queste quote vivevano al termine dell’ultima glaciazione!.


PERCORSO


Parcheggiata l’auto nello slargo dove la strada di frazione Morona incrocia la carrozzabile Sant’Emiliano- Rocchetta T.,si percorre la carrozzabile in direzione Sant’Emiliano per qualche decina di metri per svoltare,poi, a six su sterrata che,costeggiando il rio Ronsinaggio ,porta all’ingresso del parco.
Si entra nel parco,si passa accanto a una grande area attrezzata e si continua a risalire il fondovalle della valle del rio Ronsinaggio sino a svoltare a dex per risalire su sentiero il versante orografico six della valle.
Si giunge alla casaparco.
Si prosegue sino a raggiungere quello che è l’ingresso principale del parco in via Sant’Emiliano.
Si svolta a six sulla carrozzabile asfaltata che viene percorsa per qualche decina di metri per svoltare,poi,a dex ed entrare nello spiazzo del grande parcheggio del parco.
Si risale l’area parcheggio percorrendola verso six sino a svoltare su sterrata a dex a scendere.
Inizia qui il tratto di sentiero che scende verso il fondovalle della valle del rio Rabengo.
In fondovalle si arriva nei pressi di una area attrezzata,si passa su ponte il rio Rabengo e si esce dal parco passando accanto alla barra di legno di chiusura-accesso al parco.
Si arriva sulla grande sterrata di fondovalle che partendo da San Giacomo di Montaldo Scarampi arriva sino al Tanaro.
Si svolta a dex,si percorre circa 1 km. per ,poi,svoltare a dex in corrispondenza della segnaletica di accesso al parco.
Si riattraversa su ponte di assi di legno il rio Rabengo,si inizia a risalire il versante orografico dex della valle.
Si raggiunge una grande radura erbosa,si prosegue sino ad arrivare sul crinale ove si incrocia la carrozzabile Sant’Emiliano-Monbercelli.
Si svolta a dex a salire,si attraversa l’abitato di borgata Sant’Emiliano,si raggiunge un nuovo ingresso al parco riconoscibile per la presenza di barra di chiusura-accesso e solita segnaletica.
Si svolta a six e si rientra nel parco per scendere sul versante orografico six della valle del rio Ronsinaggio.
Giunti quasi in fondovalle si effettua breve deviazione andata e ritorno per arrivare al “grande faggio”,per proseguire,poi, sino a incrociare la sterrata di fondovalle già percorsa nella parte iniziale della nostra camminata.
Si svolta a six e si ritorna in località Morona ove è posteggiata l’auto..
AREA ATTREZZATA
svolta per casaparco
CASAPARCO
INGRESSO PARCO
POSTEGGIO PARCO
Area Attrezzata RIO Rabengo
Ponte su rio Rabengo
radura nel bosco
Ingresso da Sant'Emiliano
GRANDE FAGGIO

Commenti

    You can or this trail