-
-
852 m
538 m
0
2,7
5,5
10,98 km

Visto 101 volte, scaricato 5 volte

vicino Rimbocchi, Toscana (Italia)

Da Rimbocchi si prende il sentiero numero 069, che nella prima parte, cioè fin sopra Biforco, coincide parzialmente con la strada bianca diretta al villaggio Valle Santa. A un chilometro e mezzo circa dalla partenza si lascia il sentiero, divenuto da alcuni anni la strada che conduce a Serra di Sopra, per seguire la direttrice di destra. Per tre chilometri si cammina su questo tracciato. Giunti in prossimità delle case di Valle Santa, alla quota di 800 metri, si incontra il sentiero 067. Va preso il percorso di sinistra che cala fino a 700 metri. Passato il borro delle Ginghe, risale attraverso un prato, fino all’omonima casa per poi inoltrarsi nel bosco e sfociare dopo circa due chilometri sul sentiero 059.

Un panorama risalta su tutti ed è quello dei calanchi della Vallesanta ed i contorni di Montefatucchio un paese abbandonato da tempo.

Se c’è un posto incantato non può essere che questo, tanto che le leggende lo hanno scelto come luogo nel quale, ai primi segni della primavera, le fate buone si riuniscono per celebrare il loro convegno annuale.

Per chi vuol rientrare a Rimbocchi bisogna passare per Montefatucchio e da qui raggiungere la strada proveniente da Chiusi della Verna.

All’interno dell’ultimo tornante del sentiero 059 emergono i resti dell’antica pieve dei santi Pietro e Paolo ormai cadente, ma nel Medioevo chiesa madre di tutta la Vallesanta.

Da Montefatucchio si scorge Giampereta un paese costruito su una propaggine alta più di 800 metri. Il castello di Montefatucchio aveva un tempo una funzione di controllo importante, inoltre per quel varco passava la Flaminia Minor o Secunda la strada frequentata prima dalle legioni romane dirette in Gallia, poi da commercianti e dai pii romei provenienti dal nord Europa e diretti o alla tomba i Pietro o a Gerusalemme. Questa via scendeva nella valle santa dal paese di Serra, risaliva per il Corsalone fino a Chiusi della Verna da cui puntava alla volta di Arezzo.

Commenti

    You can or this trail