Tempo in movimento  un'ora 18 minuti

Tempo  2 ore un minuto

Coordinate 699

Caricato 24 maggio 2020

Registrato maggio 2020

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
1.902 m
1.055 m
0
0,9
1,8
3,53 km

Visualizzato 116 volte, scaricato 1 volte

vicino a Fortogna, Veneto (Italia)

Il monte Zervoi (m 1850 slm) è un angolo di natura dolce incuneato tra l'aspra parete nord est del monte Serva e le rocciose e imponenti pendici del Pelf e della Schiara. La cima, pur essendo facilmente raggiungibile, sta nel cuore del Parco Nazionale e per questo la sensazione è di arrivare in luogo remoto e selvaggio. Questo itinerario, la Via Normale, si snoda tutta su un buon sentiero e parte da Cajada presso la Malga Palughetto (piccolo parcheggio). Si sale per tornanti dentro ad un bosco rado di abeti dalla gradevole biodiversità, si raggiunge poi forcella Palughetto (m 1550 slm) immersi nel bosco di Faggio. Dalla forcella si sale, a destra, prima in cresta e poi in costa verso ovest, uscendo dal bosco si viene intimoriti dalla parete nord est del Monte Serva che ci sovrasta erta e scabrosa. Si sale quindi ripidi tornanti su per un bel alpeggio, poi per più dolci praterie punteggiate da tanti fiori, non di rado si possono incontrare cervi o camosci al pascolo. In circa 40' dalla forcella si arriva alla malga Zervoi. Dalla malga, tenendo la casera alla nostra sinistra, si intuisce il sentiero che corre tra mughi, rododendri, rocce bianche di calcare, pochi ometti indicano il percorso (intuitivo). In breve la traccia ci porta alla Cima, aggirando i bernoccoli arrotondati sulla cresta, dove il panorama inizia a spaziare a nord sulle Dolomiti. Dalla sommità, che si raggiunge in circa 2 ore, il panorama si allarga a 360 gradi, da Sud in Senso antiorario: Serva, Valbelluna, Pizzocco, Schiara, Pelf, Cime di Pramper, Pelmo, Croda Rossa d'Ampezzo (in fondo), Sorapìss, Antelao, Bosconero, Comelico, Duranno, Col Nudo, Alpago, Cansiglio, Lago di Santa Croce. Consiglio di portare il binocolo per avvistare i Camosci sui pasturi di alta quota. Dopo essersi riempiti gli occhi di tanta bellezza, si può fare ritorno per la stessa strada dell'andata (altri tracciati su Wikiloc mostrano anche il percorso ad anello attorno a Zervoi che è più impegnativo). Prestare attenzione a non perdere la traccia in caso che salga di nebbia.
parcheggio

Malga Palughet

La malga sorge sopra una rotonda conca erbosa il "Palughet". Qui si può parcheggiare, a sinistra della Malga il primo segnavia per forcella Palughetto. Imboccare il comodo sentiero.
rifugio custodito

Malga Palughetto

A volte nella stagione estiva la Malga è abitata e le mucche sono al pascolo, in questo caso capita che si possa trovare ristoro. Grappette o un sorso di buon vino.
albero

Sotto gli alberi bel sottobosco

Bosco rado di abeti, nel sottobosco a fine maggio botton d'oro, genziane e altri fiori.
albero

Bosco di abeti rossi

Gli abeti rossi hanno a volte forme bizzarre. Seguire lungo il sentiero i segnavia Rossi e Bianchi. Il sentiero sale per 250 metri di dislivello fino alla forcella.
albero

Faggio Secolare

In Cima alla Forcella un signor faggio cresce aggrappato sopra lo sbalanco
Passo di montagna

Forcella Palughet

Da qui tre strade: a destra per Zervoi, a sinistra per la Beccola, dritto scendendo per la Valle di Rio Frari.
Intersezione

Al Faggio sul passo si prosegue a destra

Proprio in Cima a Forcella Palughet. Si segue in cresta verso ovest. Tenere la destra salendo.
Waypoint

Bosco di Faggi

Il sentiero procede in costa dentro al bosco
panoramica

Panoramica verso Alpago

Tra i rami si scorgono le montagne dell'Alpago. In distanza si scorge la Cima Manera.
picco

Monte Serva m 2120

Di fronte a noi le scabrose pendici della parete nord del monte Serva.
Wildlife sighting

Alpeggio per Camosci

Da qui il sentiero si alza con ampi tornanti su per prati di alta montagna in cui non è raro incontrare Camosci e Cervi.
Fiume

Panorama sulla valle del Piave

Sotto di noi scorre il fiume Piave. Sulla sinistra orografica del fiume si scorge il ridente principato di Soverzene sotto le pendici del Monte Dolada.
Intersezione

Tornante, tenere la sinistra

Si passa attraverso un dente di roccia e qui si tiene la sinistra (tornante). Si vede un segnavia sul tronco del Larice.
Intersezione

Bivio tenere la destra

Proseguendo a sinistra si scende verso la Casera i Ronch, col di Roanza e Valle dell'Ardo. Noi invece teniamo la destra salendo, poi puntiamo verso nord traguardando la cima.
Passo di montagna

Forcella Zervoi

Questo remoto passo, era utilizzato dai Partigiani, collegava le valli di Bolzano Bellunese con la foresta di Cajada e il Longaronese
panoramica

Verso il Duranno

Lo sguardo inizia a spaziare verso Nord e le Dolomiti dell'Oltre Piave.
Lago

Sullo sfondo il Lago di Santa Croce

La vista si apre su Alpago e Cansiglio, dai pascoli di Zervoi si vede anche il Lago di Santa Croce.
picco

Cima Zervoi sopra le Malghe

Per salire sulla Cima, si passa a destra della Casera a fianco della Malga. Da qui si sale fino alla cresta sommitale per tracce (ometti di pietra).
fontana

Fontana

Nei pressi di Malga Zervoi un tubo raccoglie la poca acqua di questi aridi alpeggi. Forse nel periodo estivo, nei mesi centrali, si asciuga.
panoramica

Vista sulle Dolomiti

Oltrepassata la malga e raggiunta la cresta: Pelmo, Sorapiss e Antelao si stagliano proprio di fronte a noi.
Wildlife sighting

Genzianelle, Genziane e Camorz

Ciot de Genziane e tracce de Camorz (in dialetto)
picco

Schiara e Gusela da anticima

Da sotto la Cima appare maestosa la Sciara de Oro. La Schiara d'oro.
Posto birdwatching

Genziane e Stelle Alpine, Rondini e Gheppi

A seconda della stagione si fanno incontri diversi. Flora e Fauna molto interessante.
picco

Cima monte Zervoi

Panorama areo sulle prealpi, sul Gruppo della Schiara e sulle Dolomiti. Bella finestra anche sulla Valbelluna.

1 commento

  • Foto di greanes

    greanes 26-mag-2020

    Come al solito il poeta ci presenta un'altra interessante meta.

Puoi o a questo percorso