Tempo in movimento  4 ore 16 minuti

Tempo  6 ore 31 minuti

Coordinate 2377

Caricato 5 settembre 2020

Registrato settembre 2020

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
1.413 m
690 m
0
3,1
6,2
12,44 km

Visualizzato 927 volte, scaricato 57 volte

vicino a Ascrea, Lazio (Italia)

-Ascrea--Monte Navegna --ad anello-- 5-9-2020

Da un po’ di tempo che avevo programmato l’escursione sul Monte Navegna, ma per alterne vicende ho dovuto sempre rinunciare, oggi finalmente sono riuscito a realizzarla. La giornata promette bene, sole con temperature non eccessivamente alte, la mattina 10° in pomeriggio 28°. Ho scelto di eseguire il percorso in senso antiorario, ovvero individuato il sentiero nr 334 nei pressi della caserma dei Carabinieri nel piccolo e caratteristico borgo di Ascrea , la salita è stata da subito impegnativa per circa 1,9 km fino alle rovine di Mirandella, poi si segue il sentiero, ben segnalato che a mezzacosta arriva fino alle Forche. Una piccola delusione si è palesata quando arrivati alla fonte non abbiamo trovato la fresca e abbondante acqua che, in particolare i miei figli di anni 10 e 13, si aspettavano per bere, riempire le borracce e rinfrescarsi. Piccola sosta nell’area picnic e poi zaini in spalla per seguire il sentiero 323 Ascrea Monte Navegna (ex 333) fino ad arrivare a colle Mogaro da dove abbiamo ammirato un superbo panorama sul sottostante lago del Turano e i fantastici borghi che su di esso si affacciano: Castel di Tora, Monte Antuni e Colle di Tora. Da colle Mogaro, 1.277 m alla vetta del Navegna 1.508 m, il sentiero che costeggia la recinzione è ripido e scoperto, man mano che ci si avvicina la vetta il panorama si allarga sempre più. Solo quando si giunge in cima, 1508 m, il panorama si apre a 360°: lago del Turano, lago del Salto e tanti paesini immersi nei boschi sottostanti. Inoltre, le vette che si possono scorgere sono le più alte dell’appennino, tra le più imperiose ricordo: il Corno occidentale del Gran Sasso, il Massiccio del Velino, il Terminillo, il Murolungo e altre cime del massiccio del Gran sasso. Una mezz’ora, con il sole a picco, per consumare l’immancabile panino e godere del palcoscenico che solo il Navegna riesce a regalare. Ripreso il sentiero per il rientro, alle Forche si continua a seguire sent. 323, in modo che parte del percorso sia ad anello, fino ad Ascrea. Il sentiero, quest’anno rinominato da 333 a nr. 323 Italia è stato anche innovato con delle vere “stazioni” ( Waypoint 9 e ss) di meditazione con l’incisione di locuzioni di San Francesco di Assisi sormontati dal Tao. Al rientro attirano l’attenzione anche alcuni arbusti: la rosa canina, il prugnolo, biancospino, il ginepro e l’acero alpino.
Waypoint

Foto

Nella parte alta di Ascrea, vicino ad una vecchia costruzione, ha inizio il sentiero nr 334 che porta alla località le Forche.
panoramica

Sent 334

vedute panoramiche del lago e di Paganico.
fotografia

Foto

Intersezione

Mirandella

Intersezione per Mirandella, dove a pochi metri di distanza sono visibili resti di vecchie costruzioni.
Picnic

Le forche

Fonte le Forche. IL sentiero n.334 termina alle Forche, dove veriosimilmente una volta, anche in estate, la fonte dava la possibilità di dissetarsi sia passanti sia le mandrie di mucche al pascolo.
Intersezione

Foto

La località Le Forche segna l'intersezione tra il sentiero 334,che termina, e il 323 "Italia" che sale da AScrea.
panoramica

Colle Mogaro

Da colle Nogaro si apprezza un superbo panorama su Castel di Tora, Colle di Tora e il borgo medioevale di Monte Antuni, tutti circondati dalle limpide acque del lago del Turano.
Lago

Foto

Panoramica sul lago del Turano
fotografia

Foto

Lungo il sentiero 323, su caratteristiche paline segnaletiche realizzate di recente, ci sono dei richiami all'escursionista, con delle frasi e il Tao di San Francesco di Assisi<
picco

M. Navegna

Dai 1500 mt del monte Navegna la vista, grazie ad una limpida giornata, raggiunge tantissime cime, lontane e vicine oltre ai due laghi artificili del Turano e del Salto. La montagna più maestosa è senza dubbio quella del Corno Occidentale del Gran Sasso, ma non sfigurano il Cafornia del Massiccio del Velino-Sirente, il Terminillo, il Murolungo, il Soratte fino ai monti Cimini.
panoramica

Velino

vallata con sullo sfondo il caratteristico massiccio del Velino
fotografia

Foto

Intersezione

Foto

fotografia

Piante e arbusti.

Tra una moltitudine di piante e arbusti tipici del Parco del Navegna e M. Cervia ho trovato la rosa Canina, il Ginepro, prugne selvatiche e Acero alpino.
Lago

Foto

Il lago è sempre popolato di turisti e campeggiatori che godono del sole e del verde circostante.
Intersezione

Foto

fotografia

Foto

Lago

Foto

In una calda giornata dei primi di settembre il lago mostra dei colori stupendi che contrastano e specchiano il verde degli alberi e i monti circostanti
fotografia

Foto

Waypoint

Temine sentiero 323

Arrivo ad Ascrea.

4 commenti

  • Foto di Briganteeolo

    Briganteeolo 6-set-2020

    Tracciato classico per raggiungere il Navegna da Ascrea, non è impegnativo ad eccezioni di pochi tratti, i sentieri sono ben tenuti e segnalati, il panorama è stupendo le foto rendono in parte le emozioni provate.

  • birba69 13-ott-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Panorami fantastici, sentieri curati, dislivello nell'ultimo tratto non proprio trascurabile.

  • Foto di andreacolaiocco1994

    andreacolaiocco1994 8-nov-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Dislivello notevole nell'ultima parte del percorso. Sentieri segnati molto bene, con tante indicazioni (anche se le tempistiche indicate sui cartelli sono un po' sballate). C'è acqua al fontanile lungo il percorso (almeno ad ottobre)

  • Foto di Briganteeolo

    Briganteeolo 8-nov-2020

    grazie @andreacolaiocco1994, sono contento che al fontanile "Le forche" ci sia acqua.

Puoi o a questo percorso