Tempo  6 ore 37 minuti

Coordinate 8783

Caricato 10 ottobre 2020

Registrato ottobre 2020

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
1.236 m
276 m
0
3,1
6,2
12,4 km

Visualizzato 760 volte, scaricato 17 volte

vicino a Folla, Lombardia (Italia)

Gita effettuata il 10 ottobre 2020.

Lascio l'auto presso il parcheggio poco sotto il santuario di San Girolamo a Somasca e mi incammino lungo le strette stradine del centro del paese.
Arrivato in una piccola piazzetta, imbocco l'entrata per la Valletta e il Castello dell'Innominato salendo lungo la bella mulattiera con vista lago

sino all'entrata del complesso dell'Eremo di Somasca.
Un piccolo giro e molte foto per la cappella e il santuario, e salgo le scale in direzione


della porta posteriore da dove parte il sentiero che scende verso la trattoria La Rocca. Scendo leggermente lungo la strada asfaltata e imbocco il sentiero di destra con le indicazioni per Camposecco e il Monte Magnodeno (sentiero 929). Da qui danno 2h e 30 minuti per la vetta.
Il percorso sale subito con pendenza media nel bosco. Al successivo bivio, giro a sinistra , sempre seguendo le indicazioni per il Magnodeno e sempre in pendenza medio/alta arrivo velocemente presso Camposecco, piccola radura attrezzata con tavoli e un bar-ristoro che trovo aperto.


Un piccolo giro per qualche foto e poi proseguo a destra, tra due costruzione, dove trovo l'inizio del sentiero che sale , con pendenza alta, sino alla costa della montagna presso il bivacco Corti.


Seguo il sentiero di sinistra che sale in costa alla montagna, sempre con pendenza medio alta e con qualche facile roccetta. Ogni tanto la vegetazione si apre permettendo di vedere il Resegone, la cima del Magnodeno e il sottostante lago di Garlate.
Si prosegue con qualche tratto in piano e si arriva velocemente presso il passo delle Tre Croci.


Si prosegue leggermente in discesa e passato un bivio, si incomincia a salire con pendenza alta e qualche tornate l'ultimo tratto prima del punto panoramico poco sotto la cima.Si passa qualche tratto leggermente esposto e si arriva presso la grossa croce di metallo con splendida vista su Lecco e il lago di Garlate.


Faccio un piccolo giro passando per il bivacco chiuso attrezzato con tavoli e panche di legno, per poi salire presso la pista di atterraggio per gli elicotteri, la cima del Monte Magnodeno.
Ridiscendo presso il bivacco e mi fermo per il pranzo al sacco e un pò di meritato riposo sotto il sole ottobrino e un leggero venticello che non permette di stare in maglietta.



Rifocillatomi, imbocco il sentiero Costalottiere che scende in direzione di Erve.Il primo tratto scende con pendenza media e qualche tratto leggermente esposto sino ad arrivare presso un piccolo roccolo dove mi fermo per qualche foto e poi proseguo in leggera discesa in costa alla montagna con visuale a 360° sul panorama circostante.


Arrivato presso un bivio attrezzato con panche e tavoli di legno poco sotto la vetta del Forcellino, prendo il sentiero con le indicazioni per Erve che prosegue a destra sotto la cima immergendosi nel bosco. Si scende con tratti in piano e con tratti in pendenza media e qualche tornate sino ad arrivare lungo la strada asfaltata tra Erve e la località Saina.
Giro a destra e seguo la strada che sale leggermente sino all'abitato.
La strada si restringe e diventa una mulattiera. Superate le ultime case, diventa un sentiero che sale sino ad un punto panoramico con vista sulla sottostante valle, Il Monte San Genesio e il lago di Olginate.


Lascio il punto panoramico e proseguo in piano e in leggera discesa lungo la costa della montagna sino ad un piccolo colle erboso con vista panoramica. Qualche foto e proseguo lungo il sentiero che ora scende con pendenza più elevata e qualche tornate. Si passa per alcune reti di protezione da valanghe e si arriva infine presso il pianoro poco sopra la trattoria La Rocca.
Da qui, risalgo un sentiero che mi porta presso i ruderi della Rocca di Vercurago che dove mi fermo per una piccola pausa e per molte foto. Il panorama è molto bello e ne merita parecchie.



Soddisfatto, scendo lungo la scalinata di pietra che con alcuni tornati


mi riporta presso l'entrata della Valletta, da dove poi ritorno presso il parcheggio di partenza percorrendo lo stesso percorso dell'andata.

Difficoltà:
I sentieri di questo giro sono tutti di tipo E e presentano pendenze medio alte sia in salita che in discesa. Qualche facile roccetta e qualche punto leggermente esposto lungo la parte alta del percorso di andata e di ritorno. Lungo il percorso di ritorno incrociate parecchi sentieri, ma senza indicazioni o cartelli, pertanto può essere facile sbagliare percorso. Consigliato l'uso del gps.

i miei tempi:
dal parcheggio a Camposecco: 45 minuti
da Camposecco alla cima del monte Magnodeno: 1h e 10 minuti
per la discesa sino al Castello dell'Innominato: 1h e 45 minuti
per la discesa la parcheggio: 20 minuti

Buon divertimento.
Waypoint

Partenza

Waypoint

La Valletta

Waypoint

Camposecco

Waypoint

Passo 3 Croci

Waypoint

Monte Magnodeno

Waypoint

Roccolo

Waypoint

Bivio

Waypoint

Saina

Waypoint

Punto panoramico

Waypoint

Rocca di Vercurago (Castello dell'Innominato)

6 commenti

  • Foto di Elena Sofia

    Elena Sofia 12-ott-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Bellissima la Rocca e il panorama che da li si può ammirare.
    Vale la pena farci un a visitina.

  • Foto di chicco90

    chicco90 12-ott-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Gran bel giro.
    I miei complimenti.

  • Foto di Pippo71

    Pippo71 12-ott-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Grazie per il bel giro e l'ottima spiegazione.

  • Il Necchi 13-ott-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Fatto un paio di anni fa. Anello che merita.

  • Foto di jamadrin

    jamadrin 20-ott-2020

    Ho seguito questo percorso  Vedi altro

    Purtroppo giornata nuvolosa, parte del tracciato è nel bosco ma la parte alta è bella , io purtroppo ho scaricato gpx e fattto percorso al contrario, è ho pure sbagliato due volte la prima a Saina ho preso percorso corretto ma non so dove ho proseguito e mi sono ritrovato sul sentiero che seguiva il torrente e non ho fatto quello alto, e poi tornando ho male interpretato un cartello arrivando fino al Monte Mudarga da incrocio per andare a Camposecco (da dove dovevamo scendere) allungando la strada. Probabilmente da rifare nel senso corretto.

  • Foto di dapafelo

    dapafelo 9-nov-2020

    Giro fatto 2 settimane fa, sarebbe bello in futuro fare qualche uscita insieme.

Puoi o a questo percorso