Tempo in movimento  3 ore 32 minuti

Tempo  6 ore 7 minuti

Coordinate 1999

Caricato 28 ottobre 2020

Registrato ottobre 2020

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
1.726 m
819 m
0
3,0
5,9
11,81 km

Visualizzato 180 volte, scaricato 3 volte

vicino a Cortis, Friuli Venezia Giulia (Italia)

La Val Resia ha confermato tutto il suo fascino in questa autunnale escursione al monte Guarda, una della cime dello spartiacque tra Italia e Slovenia. Si percorre in auto tutta la valle fino ad arrivare alla Malga Coot, che non abbiamo raggiunto per la presenza di un’importante guado sulla carreggiata. La strada, dopo l’abitato di Coritis diventa stretta e con diverse cunette profonde per lo scolo dell’acqua. È quindi opportuno andare con un’auto alta e non eccessivamente lunga (il nostro Pandino si è comportato egregiamente). Decidiamo di parcheggiare a circa 2,5 km dalla malga e di raggiungerla a piedi sull’asfalto (si rivelerà poi come una scelta perfetta). Dalla malga inizia il sentiero CAI 741 che, prima morbido, ma poi con decisa salita raggiunge la vetta del Guarda. Crocifisso e libro di vetta. Lo spettacolo è entusiasmante e i colori dell’autunno aggiungono forti emozioni. Dal versante sloveno anche l’azzurro/verde dell’Isonzo partecipa a questa festa di colori. Dalla vetta il sentiero prosegue come CAI 731, raggiunge la forcella Pradolina e quindi taglia di traverso le pendici ghiaiose della Baba Piccola. Necessita attenzione in alcuni brevi tratti dove la traccia è stretta e con fondo molto friabile. Ai piedi del bastione della Baba è ancorato alla roccia il piccolo bivacco Costantini. Per il ritorno abbiamo deciso di percorrere il CAI 731 che dal bivacco scende a valle con un percorso dapprima un po’ fastidioso su ghiaione trasformandosi poi in splendido sentiero in un bosco di faggio. Il tracciato segue costantemente quella che doveva essere una trincea che da valle risaliva verso le postazioni in alto. Percorso estremamente piacevole e ricco di tutte le sfumature autunnali.
Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

Foto

2 commenti

  • Foto di crispat57

    crispat57 28-ott-2020

    Bella giornata, bella escursione!

  • Elio Candussi 1-nov-2020

    Vista la descrizione di Alberto sono andato in val Resia il 31 ottobre, un sabato. La strada da Stolvizza a malga Coot è impegnativa, 9 km circa, con 30 tornanti, stretti e con significativa pendenza. Ho superato un unico guado poco profondo, arrivando così in fondo alla valle, ad un'area con una ventina di macchine parcheggiate a soli 10 minuti dall'agriturismo di malga Coot. Era aperto per l'ultimo weekend dell'anno. Riaprirà a Pasqua.
    Saliamo al monte Guarda in meno di 2 ore godendo di lassù di un panorama impareggiabile. Visto Mangart, Tricorno, monte Nero, Matajur, Stol solo nel lato orientale e meridionale, sbirciando pure il riflesso del mare. Ad occidente una miriade di montagne su 3 o 4 piani, impossibili da distinguere.
    Rinunciato di andare al bivacco, siamo scesi all'agriturismo in poco più di un'ora per il percorso dell'andata. Gentili i titolari. A Stolvizza raccomando di acquistare l'aglio tipico di Resia.

Puoi o a questo percorso