Coordinate 5320

Caricato 10 giugno 2018

Registrato giugno 2018

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
2.629 m
1.370 m
0
5,2
10
20,81 km

Visualizzato 1795 volte, scaricato 87 volte

vicino a Prato Selva, Abruzzo (Italia)

Magnifica, lunga e faticosa escursione sul Monte Corvo, a mio parere una delle più belle e selvagge cime del Gran Sasso. Siamo partiti in sedici (con noi c’erano anche quattro amici teramani) da Prato Selva (Fano Adriano), dopo aver parcheggiato la macchina alla fine degli impianti di risalita della stazione sciistica, siamo saliti lungo il tracciato della seggiovia (sentiero n. 13) passando sotto il Colle Abetone fino alla Piana di San Pietro. Una volta giunti sulla Piana siamo scesi verso la Valle Crivellaro che abbiamo traversato per risalire dall'altro versante verso il Campiglione. A questo punto un ripidissimo fuori sentiero ci ha permesso di arrivare fin sotto la Cima Ovest del Corvo. Come nell’escursione dello scorso anno (13 agosto) per arrivare in vetta ci siamo dovuti incappucciare come nelle classiche giornate invernali a causa del forte e gelido vento e della “quasi pioggerellina”. Dalla cima lo spettacolo è normalmente stupendo: Monte San Franco, Monte Ienca, Lago di Camarda, Pizzo Camarda, Le Malecoste, fino alla Cima delle Malecoste e fino al Pizzo Cefalone, ma questa volta solo nebbia! Riuscivamo a malapena a vedere dove mettere i piedi. Cinque di noi, e tutti montanari esperti, hanno deciso di rinunciare a meno di un terzo del cammino ma in undici siamo andati avanti e la sorte ci ha premiato. Mentre scendevamo dalla sella del Corvo verso la Valle del Venacquaro ci si sono aperte le porte del paradiso. Letteralmente! Un cielo terzo come mai ed i colori della valle, delle montagne circostanti e degli ancora vasti nevai presenti ci hanno premiato! Riguardo alla Valle del Venacquaro, da dove siamo scesi, debbo confermare che è fantastica. E’ la seconda volta che l’attraverso e pensavo che il ricordo che ne avevo sarebbe stato offuscato ed invece l’ho trovata ancor più bella. La sorpresa è stata la palina segnaletica nuova di zecca che gli amici teramani dicono sia stata posta da Arnaldo Di Crescenzo, il gestore del Rifugio del Monte, in persona. Abbiamo dovuto riaffrontare la solita risalita tra rocce e roccette che ci ha portato al Rifugio del Monte, dove seppur chiuso ci siamo fermati per una rapida merenda. E poi l’ultimo strappo per risalire i 180 mt. che ci separavano dalla Piana di San Pietro e poi finalmente la discesa che ci ha riportato alle macchine.
Visto che è la seconda volta che salgo al Corvo da questo versante, a costo di ripetermi, posso confermare che è stata l'escursione più varia in assoluto tra quelle a cui ho partecipato. La lunghissima giornata ci ha portato in almeno una decina di situazioni talmente diverse da loro che ci sembra di aver fatto non una ma 4 o 5 escursioni in un tempo indefinito. Bellissimo!!!


2018-06-09 18:00:09
Statistiche calcolate sui dati importati

sabato 9 giugno 2018 7.18 CEST
Distanza: 20,8 km
Durata: 10 ore, 41 minuti e 13 secondi
Velocità media: 1,9 km/h
Altezza minima: 1370 m
Altezza massima: 2625 m
Salita accumulata: 1776 m
Discesa accumulata: 1769 m
Waypoint

Partenza 001

Partenza 001
Waypoint

Piana S. Antonio (andata) 002

Piana S. Antonio (andata) 002
Waypoint

Piana S. Antonio (ritorno)

Piana S. Antonio (ritorno)
Waypoint

Monte Corvo cima ovest 004

Monte Corvo cima ovest 004
Waypoint

Monte Corvo 006

Monte Corvo 006
Waypoint

Fontana del Venacquaro 007

Fontana del Venacquaro 007
Waypoint

Palina sentieri 008

Palina sentieri 008
Waypoint

Passaggio 009

Passaggio 009
Waypoint

Rifugio del Monte 010

Rifugio del Monte 010
Waypoint

Palina sentieri 011

Palina sentieri 011
Waypoint

Arrivo 012

Waypoint

Fosso del Crivellaro 

Fosso del Crivellaro 
Waypoint

Inizio di 2018-06-09 18:00:09

sabato 9 giugno 2018 7.18 CEST
Altezza: 1371 m
Waypoint

Fine di 2018-06-09 18:00:09

sabato 9 giugno 2018 18.00 CEST
Altezza: 1378 m

9 commenti

  • Foto di Ozujsko (Carlo Romani)

    Ozujsko (Carlo Romani) 11-giu-2018

    Ammazza Gastò che posti...quasi quasi me trasferisco

  • Foto di Gastone Pontecorvo

    Gastone Pontecorvo 11-giu-2018

    Cosa aspettiamo! Compriamo un gregge e andiamo.

  • Foto di Franzelion

    Franzelion 25-giu-2018

    Ciao, ho fatto anch'io l'anello del monte Corvo una volta, ma per tornare a Prato selva sono arrivato in fondo alla Piana grande camminando per molto tempo in falsopiano nella foresta, e poi da 1000m circa sono risalito fino ad arrivare direttamente a Prato selva, o quasi. L'alternativa era di risalire a rifugio del Monte ma sempre tramite Piana grande e bosco, raggiungibile scendendo ripidamente dopo la valle Venacquaro... perciò non capisco che sentiero avete fatto, in particolare quando dici "la solita risalita tra rocce e roccette che ci ha portato al Rifugio del Monte". A me non risultano passaggi del genere, sai darmi qualche info in più per fare questo percorso?

  • Foto di Gastone Pontecorvo

    Gastone Pontecorvo 25-giu-2018

    Fino allo scorso anno il sentiero non era segnato ed era logico, senza gps, andare a finire dove sei passato tu. Adesso alla fine della Valle del Venacquaro il buon Arnaldo del Rifugio del Monte ha provveduto con il Cai a mettere una palina in alluminio ed a.segnare il resto del percorso sulle rocce. Non puoi più sbagliare.

  • Foto di Gastone Pontecorvo

    Gastone Pontecorvo 25-giu-2018

    Se guardi il tracciato ho messo un waypoint con la dicitura "palina sentieri 008". A quel punto pieghi a sinistra.

  • Foto di Gastone Pontecorvo

    Gastone Pontecorvo 25-giu-2018

    ed a questo punto inizia il tratto "tra rocce e roccette" che ti riporta quasi a quota 2000 per poi riscendere proprio sopra al rifugio del Monte. Bel percorso!

  • Foto di Andrea Eolini

    Andrea Eolini 9-lug-2019

    Ho notato che hai fatto le escursioni al monte Corvo sia da nord (ossia questa) che da ovest, quale consiglieresti?

  • Foto di Gastone Pontecorvo

    Gastone Pontecorvo 9-lug-2019

    Sono ambedue belle anche nella loro diversità. Quella da Prato Selva, anche se più lunga, è preferibile perché costringendoti a tornare attraverso la Valle del Venacquaro ti da la possibilità di immergerti in quella che ritengo sia la più bella valle del Gran Sasso. Sabato prossimo dovrei tornarci.

  • Foto di Andrea Eolini

    Andrea Eolini 9-lug-2019

    Ti ringrazio, anche io andrò sabato prossimo, magari ci si vede lungo la strada

Puoi o a questo percorso