-
-
618 m
266 m
0
2,4
4,7
9,42 km

Visto 24 volte, scaricato 1 volte

vicino Montalbo, Emilia-Romagna (Italia)

Percorso facile a semi-anello con partenza da Montalbo e ritorno. La passeggiata porta al Santuario di S.ta Maria del Monte (anche nota come Madonna del Monte) percorrendo quasi esclusivamente tratturi e sterrati.
Parcheggiata l'auto a Montalbo nei pressi della chiesa (particolare pianta ottagonale e cupola in rame) si risale brevemente in direzione del cimitero e subito dopo l'Agriturismo Savini si prende il sentiero CAI 223 sulla sinistra (indicazioni Madonna del Monte).
Il sentiero ben segnato scende a mezza costa fino all'abitato di Cesura, da qui prosegue verso il basso ed inizia a risalire sull'altro versante della piccola valle. Sempre su sentiero CAI si risale fino a incrociare la asfaltata che si percorre brevemente verso destra. Appena entrati a Tassara sulla sinistra il sentiero CAI si addentra nella vegetazione e risale fino alla vecchia asfaltata in disuso che sale sul versante nord di Madonna del Monte. In 20 minuti si raggiunge il panoramico punto del Santuario con vista a 360 gradi sulla pianura e sulla Val Tidone. Si ridiscende lungo il percorso dell'andata. Dopo il breve tratto sull'asfaltata si discende qualche centinaio di metri e invece di svoltare a sinistra su sentiero CAI si prosegue dritto in discesa sull'evidente tratturo. Nei pressi di un casolare si prosegue a sinistra e al bivio successivo a destra fino all'asfaltata che si prende a sinistra. Qualche centinaio di metri sull asfalto e si prende nuovamente un tratturo che scende sulla destra verso il torrente Gualdora. Si guada facilmente e si risale dritto per dritto fino ad incrociare il sentiero a mezza costa che riporta a Montalbo verso destra.

Cenni sul Santuario:
Il santuario sorge nell'alta Val Tidone, Comune di Nibbiano, verso i confini dell'Oltrepò pavese, a 625 metri sul livello del mare. La posizione consente di ammirare un magnifico paesaggio.
Il luogo dove sorge il santuario è sempre stato oggetto di culto e da tempo immemorabile è consacrato alla Beata Vergine. A trasformare il culto pagano in quello cristiano furono probabilmente i monaci di San Colombano di Bobbio nel VIII secolo. Con l'andare del tempo la costruzione ha subito dei rifacimenti ma si vedono ancora le pietre di un' antichissima pieve dei primi secoli dopo il Mille.
La facciata a capanna è divisa in tre campi da lesene su alti basamenti. E' possibile vedere il muro dell'antica chiesa in pietra sul frontone settentrionale.
Sull'altare dentro la nicchia dell'edicola è posta la statua della Madonna di Paolo Perotti che rievoca l'antica statua cinquecentesca distrutta nel 1924. Di recente restauro un prezioso bassorilievo in legno del Settecento raffigurante l'adorazione dei Re Magi.

1 comment

  • federico23091985 21-lug-2019

    I have followed this trail  View more

    Bel percorso, facile e molto panoramico

You can or this trail