Tempo in movimento  4 ore 25 minuti

Tempo  5 ore 54 minuti

Coordinate 2867

Uploaded 4 luglio 2018

Recorded luglio 2018

-
-
1.817 m
541 m
0
4,1
8,1
16,21 km

Visto 127 volte, scaricato 8 volte

vicino Malnago, Lombardia (Italia)

PREMESSA: Itinerario ad anello in uno dei luoghi simbolo delle Prealpi Lombarde: il Monte Resegone. Il Panorama a 360° visibile dalla Cima ripaga ampiamente dallo sforzo fisico necessario durante la risalita. Notevoli gli scorci su Lecco e sul ramo del Lago, sulla Pianura Milanese e sulla Provincia Bergamasca. Ben distinguibili, risultano anche le 2 famose "Grigne" (settentrionale e meridionale), cime molto conosciute e frequentate dagli amanti del Trekking. Per quanto riguarda l'aspetto tecnico si segnala:
- Salita: La prima parte all'interno del bosco (sino all'incrocio con il sentiero n°5) si presenta molto semplice su sentieri ampi e ben marcati con pendenze abbastanza attenuate ed abbordabili. La seconda parte, che risale la tratta rocciosa di cresta sino alla cima, presenta pendenze più incisive ed alcune decine di metri di semplice arrampicata (1°) ma comunque mai troppo esposte.
- Discesa: Dalla Cima ai Piani D'Erna non sussistono particolari problematiche in quanto il sentiero risulta sempre ben evidente con pendenze accessibili e fondo poco scivoloso. Dal Rifugio Marchett al Piazzale (sentiero n°18), invece, qualche tratta potrebbe risultare più difficoltosa su qualche breve passaggio roccioso (in alternativa è possibile prendere ulteriore sentiero che si ricollega a quello dell'andata o scendere in Funivia).
N.B: Lungo il percorso sussistono n°2 fontane e n°3 rifugi aperti per cui non occorre appesantirsi troppo lo zaino con cospicue riserve d'acqua.

AVVICINAMENTO: Giunti a LECCO da qualsiasi direzione, si seguono le indicazione x la VAL SASSINA (tabella marrone) e L'ospedale Manzoni imboccando il lungo tunnel cittadino. Ignorato lo svincolo dell'ospedale, al termine del Tunnel si prende l'uscita a DX sempre x la Val Sassina. Ci si trova a breve sulla SS36racc e si nota subito la tabella marrone indicante la Funivia dei Piani D'Erna. Imboccata via dei Poggi in salita dopo alcuni tornanti si raggiunge il piazzale della Funivia proprio al termine dell'asfaltata.

PARTENZA: con lo sguardo rivolto verso il Bar della funivia, si procede a DX andando a raggiungere una piccola staccionata dalla quale si individua subito il sentiero n°1 (indicazione sulla sx) che aggira il complesso sino a raggiungere un'asfaltata dopo un breve tratto di discesa. Svoltando a DX sulla strada si procede su di essa per qualche minuto fino a quando, giunti nei pressi di un'Agriturismo, il sentiero si stacca a SX in salita come puntualmente indicato dal segnavia n°1. Su vero e proprio "single track" si risale in media pendenza sino al Rifugio "Stoppani" (non gestito) ed, al bivio posto proprio davanti ad esso, si svolta a DX seguendo sempre l'indicazione. Seguendo sempre il segnavia n°1, senza particolari problemi di orientamento si continua la risalita sino a quando ci si innesta ad un incrocio a "tee" con il sentiero n°5. Si svolta a DX (seguendo comunque sempre il n°1) per intraprendere la tratta di sentiero più impegnativa che raggiunge presto la cresta da percorrere per arrivare in Vetta. Tenendo conto di dover effettuare qualche piccolo passaggio di semplice arrampicata, con un pò di fatica a causa delle pendenze accentuate si raggiunge finalmente la cima (visibile il rifugio durante la risalita). Dopo essersi goduti lo splendido panorama dalla consueta Croce che contraddistingue la vetta ed eventualmente essersi ristorati al Rifugio, si riparte mantenendosi per un attimo sul sentiero di quota. Giunti in breve ad un incrocio di sentieri, si svolta a SX in discesa seguendo il percorso n°7. Tenendo sempre la sx ai bivi, si continua sul n°7 che, senza partciolari difficoltà, giunge ai Piani D'Erna. Come già accennato nella premessa, la nostra traccia punta verso il rifugio Marchett svoltando a DX sull'evidente stradello. Alle spalle del rifugio, nei pressi di una graziosa Chiesetta, parte il sentiero n°18 che porta verso fondo valle. Con un pò di difficoltà, a causa di alcune tratte rocciose particolarmente ripide, il sentiero sfocia in una comoda carrareccia che in breve si innesta su un'asfaltata. Al bivio si svolta a SX a gomito in salita per pochi metri, fino ad imboccare sulla DX un poco evidente sentiero nel bosco (non segnalato). In pochi minuti ci si ritrova al Parcheggio della Funivia e, di conseguenza, all'autovettura.

Commenti

    You can or this trail