• Video di Macchia Grande di Manziana, Caldara e via Clodia
  • Foto di Macchia Grande di Manziana, Caldara e via Clodia
  • Foto di Macchia Grande di Manziana, Caldara e via Clodia
  • Foto di Macchia Grande di Manziana, Caldara e via Clodia
  • Foto di Macchia Grande di Manziana, Caldara e via Clodia
  • Foto di Macchia Grande di Manziana, Caldara e via Clodia

Tempo  6 ore 7 minuti

Coordinate 1310

Uploaded 4 gennaio 2012

Recorded marzo 2011

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
367 m
81 m
0
4,2
8,4
16,85 km

Visto 4651 volte, scaricato 176 volte

vicino Manziana, Lazio (Italia)

Il Bosco di Macchia Grande, situato geograficamente a sud-ovest di Manziana, ha un’elevazione media sul livello del mare di circa 350 metri ed è raggiungibile percorrendo la strada statale SS493 Braccianense Claudia, a circa 2 km dal centro abitato.

L’ambiente è quanto rimane della antica Silva Mantiana, un tempo vastamente estesa nel territorio circostante fino a comprendere i monti Sabatini e Cimini.

Le alberature hanno dimensioni molto sviluppate perché i non distanti monti della Tolfa proteggono tutta la zona dai venti secchi provenienti dal mar Tirreno. La specie dominante del bosco è il cerro, presente con alcuni enormi esemplari secolari, seguito dalla farnia. Sono inoltre riconoscibili imponenti aceri selvatici, nespoli e carpini, ma anche estese zone di castagni e betulle.

Percorrendo i sentieri che si dipartono dalla strada principale, via di Macchia Grande, è possibile arrivare comodamente negli estesi prati Canepine, Camillo e Bologno. Il bosco offre diversi spunti di interesse anche per gli appassionati di storia. Infatti, Via di Macchia Grande è ciò che rimane di una vecchia strada romana (via Clodia) che conduceva un tempo al Ponte del Diavolo, il maggiore reperto di epoca romana della zona. Resti delle tipiche lastre di basalto vulcanico affiorano ancora oggi in un tratto della via situato presso la località Bottaccio.

La solfatara è tra le attrazioni più visitate. Nota ed utilizzata già in epoca romana per la presenza di emissioni e fanghi sulfurei, la cosiddetta “caldara” è monumento nazionale e con le sue manifestazioni post-vulcaniche, che ricordano vagamente i geyser islandesi, testimonia ancora oggi l’antica attività eruttiva del vulcano Sabatino, iniziata circa 1 milione di anni fa. Attualmente l’attività gassosa è visibile prevalentemente in una sola pozza, dalla quale l’acqua sbuffa dal sottosuolo ad una temperatura massima di 27 gradi.

2 commenti

  • Foto di 50x34

    50x34 9-apr-2015

    Il basolato che attraversa la macchia di Manziana non è la via Clodia ma una strada romana di collegamento tra la via Clodia e le terme romane di Stigliano. La via Clodia passa ad est di Manziana sopra il fosso della Fiora per Forum ClodiI ed arriva ad Oriolo Romano (vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Forum_Clodii)

  • tyriri 14-nov-2015

    I have followed this trail  View more

    nice

You can or this trail