• Foto di M. Bompià e Corno delle Granate da Ponte del Guat
  • Foto di M. Bompià e Corno delle Granate da Ponte del Guat
  • Foto di M. Bompià e Corno delle Granate da Ponte del Guat
  • Foto di M. Bompià e Corno delle Granate da Ponte del Guat
  • Foto di M. Bompià e Corno delle Granate da Ponte del Guat
  • Foto di M. Bompià e Corno delle Granate da Ponte del Guat

Difficoltà tecnica   Molto impegnativo

Tempo  7 ore 48 minuti

Coordinate 2662

Uploaded 31 luglio 2015

Recorded luglio 2015

-
-
3.025 m
1.549 m
0
4,4
8,8
17,52 km

Visto 653 volte, scaricato 18 volte

vicino Val Malga, Lombardia (Italia)

31/07/15. Parcheggiato l'automezzo a Ponte del Guat si segue una strada sterrata fino alla malga Premassone, si attraversa quindi il torrente Remulo e si inizia la salita in sponda destra orografica. Poco dopo, in corrispondenza di una zona di pic-nic si segue a sinistra sulla mulattiera per il Baitone/Tonolini. Il sentiero n° 13 sale a zig zag raggiungendo la località Baitoncello e poi il livello del coronamento della diga (2284 mt). Proseguiamo a sinistra costeggiando il Lago Baitone fino a matà, dove un cartello indica il Passo di Bompià. Lo raggiungiamo seguendo i segnavia che salgono ripidamente e in modo direto verso l'evidente sella, raggiunta la quale pieghiamo a sinistra su sentiero di cresta (attenzione ad aggirare a sinistra un passaggio esposto in cresta ma non obbligato) fino all'ometto di vetta in pietra. A ritroso scendiamo al lago, proseguiamo verso il Rif. Tonolini e prima di cominciare la salita alla bastionata rocciosa sulla quale c'è il rifugio, andiamo a sinistra su traccia fatiscente, appena accenata che sale il costone erboso alla sinistra orografica della cascata. Appena raggiungiamo il culmine, davanti a noi appare una cascata di massi e detriti rocciosi staccatisi dal Corno delle granate. Questo pendio franoso e spesso friabile (la salita non è obbligata da tracce) porta direttamente alla base del Corno dove seguiremo il canale che devia a sinistra stando alla base della parete rocciosa sommitale. A breve si giunge in vetta. Il ritorno è stato effettuato tornando alla base del canale terminale (scendendo dove curva a destra) e procedendo verso Nord (sempre costeggiando la base rocciosa) incrociando il segnavia CAI n°49 che scende dal Passo delle Granate e con un giro più lungo (ma passando tra i Laghi Gelati) porta al Rif. Tonolini. Ora si segue l'Alta Via n°1 fino al Rif. Baitone, si attraversa la diga e si ritorna per il sentiero di salita fino a Ponte del Guat.

Commenti

    You can or this trail