Ricixxx
272 41 0
  • Foto di L'anello di Torre Alfina
  • Foto di L'anello di Torre Alfina
  • Foto di L'anello di Torre Alfina
  • Foto di L'anello di Torre Alfina
  • Foto di L'anello di Torre Alfina
  • Foto di L'anello di Torre Alfina

Difficoltà tecnica   Facile

Tempo  3 ore 37 minuti

Coordinate 1170

Uploaded 17 aprile 2018

Recorded dicembre 2017

-
-
491 m
294 m
0
3,6
7,3
14,55 km

Visto 43 volte, scaricato 0 volte

vicino Cave Vecchie, Lazio (Italia)

Beh che dire...non saprei da dove iniziare. Quella di Sabato è stata indubbiamente una delle più belle escursioni che ho fatto negli ultimi anni.
Se amate la storia, la natura, l’arte, il mistero e il geocaching, questa è una di quelle cose che dovete fare.
Per tutti quelli che abitano nel Centro-Italia, la prima giornata libera che hanno, consiglio di prendere figli, amici e quant’altro e partire, come abbiamo fatto noi.
Tutta l’escursione è legata a doppio filo con la storia della famiglia Cahen, una famiglia francese ebrea di origine belga, che all’inizio del 1800 venne in Italia e ne diventò assoluta protagonista.
Quasi tutti gli storiografi sono concordi nel dire che la famiglia Cahen finanziò di fatto l’unità d’Italia dando ingenti somme di denaro a Cavour per riuscire nell’impresa.
La famiglia Cahen, tra le altre cose acquista il castello di Torre Alfina, quello stesso castello che divenne famoso per essere stato comprato da Gaucci il vulcanico Presidente del Perugia calcio, e inizia la ristrutturazione e ampliamento dello stesso.
La cosa stupenda a mio parere è che la famiglia Cahen non si dedica solo al castello, ma anche e soprattutto al suo “giardino”. Il giardino del castello non è altro che il bosco del Sasseto, uno dei più bei boschi del mondo, definito dal National Geographic “il bosco di Biancaneve”, location di diversi film, tra cui “ il racconto dei racconti” di Garrone. Un bosco eccezionale, nato sopra un’esplosione vulcanica e dove è possibile vedere gli enormi blocchi di roccia “sputati” in aria e poi ricaduti a terra.
In mezzo a tutto questo un mausoleo, la tomba di famiglia dei Cahen dove ancora è conservato il corpo di Edoardo Cahen, una struttura in stile gotico perfettamente integrata nell’ambiente circostante.
L’escursione prosegue nel bosco fino al fiume Paglia, mentre incontriamo alcuni dei 30 poderi abbandonati della famiglia francese di grande interesse.
Arriviamo al fiume, confine naturale tra Lazio e Umbria e qui troviamo un ponte, o quello che resta...il primo lo aveva fatto costruire sempre un Cahen per raggiungere le sue proprietà da un lato e all’altro del fiume. Sono caduti tutti, uno dopo l’altro, segno evidente che almeno in questo punto, Lazio e Umbria non vogliono essere unite :-) .

E’ un’escursione di circa 20 km , ma quasi tutta in piano e facilissima.

Commenti

    You can or this trail