-
-
1.957 m
1.144 m
0
4,9
9,9
19,72 km

Visto 932 volte, scaricato 6 volte

vicino Barrea, Abruzzo (Italia)

Questa escursione e’ stato un tentativo di trovare un collegamento tra la Valle Cupella (attraverso la sella dello Iamiccio) e la Valle Iannanghera, traversando la base delle pareti del Petroso cosi’ da effettuare un anello. Dalla sella dello Iamiccio, il tratto di bosco sotto il Petroso e’ stato pero’ troppo arduo da passare: e’ talmente intricato, con salti di roccia, nevai residui e punti chiusi dai rami che proseguire si e’ rivelato impossibile. Occorre esperienza, pazienza e senso d’orientamento; ho provato a seguire una traccetta tratteggiata nera sulla carta del PNALM Il Lupo, ma era assolutamente inesistente. In ogni caso, non sono riuscito a proseguire oltre il punto sulla traccia e sono ritornato alla sella risalendo dal bosco un facile canalino. La descrizione che ho allegato fino la sella dello Iamiccio, e’ la stessa del percorso http://it.wikiloc.com/wikiloc/view.do?id=5590263 .
Segue descrizione fino la sella dello Iamiccio…
“….Il percorso e’ il classico sentiero che, dalla Sorgente delle donne (K6) si inoltra nel boscoso vallone (K4, ex K5) che passa per la nicchia della Madonnina e giunge al Lago Vivo. Da qui (e anche dalla fine del bosco che abbiamo appena attraversato) la vista sul Petroso e’ ampia e spettacolare. Si aggira sulla sx il lago, cosi’ da incontrare la Sorgente degli Uccelli; si prosegue costeggiando la sponda SO dell’effimero specchio d’acqua seguendo i segni del K7, che conduce alla cresta Altare-Tartaro. Nei pressi di una radura, con lo Iamiccio sulla dx, si abbandona il sentiero dirigendosi verso un evidente tratto prativo, molto inclinato, che conduce diretto alla sella tra le pareti del Petroso e lo Iamiccio. Si segue faticosamente il pendio, per lasciarlo un po’ prima della sella…”
Per il ritorno, dalla Fonte degli Uccelli, si prende il K4, si oltrepassa la deviazione di raccordo K5-K3, fino a trovare nuovamente una devizione per il K3. Inizialmente contorto nel bosco (ma i segni sono sufficientemente affidabili), il sentiero diventa piu’ comodo trasformandosi in una sterrata, sempre piacevolissima ed immersa nel bosco. Si guada il Rio Torto, si oltrepassa il bivio con l’L2 (ponticello per immettersi eventualmente in questo sentiero), si lascia una bella radura con qualche attrezzo per picnic, poi si prosegue lungamente, in ambiente solitario, fino a che il percorso si apre verso il Molise (a dx, SE) per poi intercettare il piccolo raccordo K3-K4. Giunti sul K4, lo si percorre brevemente fino alla strada SS83 che in poco tempo riporta al parcheggio sulla sterrata per la Sorgente delle Donne. La traccia, comunuque, puo’ essere utilizzata sia per la salita allo Iamiccio, sia per un bellissimo anello K4-K3 per il Lago Vivo.

Commenti

    You can or this trail