-
-
1.684 m
1.136 m
0
3,2
6,4
12,82 km

Visto 216 volte, scaricato 14 volte

vicino Barrea, Abruzzo (Italia)

Si parcheggia nei pressi di una piccola costruzione in cemento adibita alla presa dall'acquedotto (Fonte Sambuco, 1141 m), si continua a piedi per una sterrata da cui guardando verso destra si ammira una splendida vista su Barrea e sul suo lago, camminando tra biancospini, rovi, aceri e cerri. Dopo circa 1 km si raggiunge la Sorgente delle Donne, sulla sinistra della quale parte il sentiero K4 che, proseguendo in direzione Nord, entra nel suggestivo Vallone dell'Inferno. Il percorso, in costante salita, si immerge via via in un bosco sempre più fitto e ombroso. Il Vallone dell'Inferno è stretto a Est dalle pendici occidentali del Monte Serrone e a Ovest dal Monte Iannazzone (1738 m). Salendo, sul sentiero si ergono alcune bancate rocciose dalla strana conformazione che interrompono il tappeto di foglie tipico delle faggete: sono i primi segni delle estese formazioni calcaree che nella conca del lago costituiscono testimonianza degli effetti del carsismo della zona.
Gli ultimi tratti di salita sono sicuramente i più impegnativi e con alcuni zig-zag si raggiunge la Madonna delle Grazie dove il 2 settembre del 1940 fu posta incastonata su di una roccia una piccola effige della Madonna chiamata del Buon Passo, a protezione dei viandanti. In breve si raggiunge il punto più alto del percorso (1656 m) per poi ridiscendere nella meravigliosa conca in cui è incastonato lo splendido Lago Vivo a 1591 m. Qui si presenta un maestoso spettacolo: partendo da ovest verso est, M. Iamiccio (2074 m), M. Petroso (2249 m), M. Altare (2147 m) e M.Tartaro (2191 m) cima intermedia sul lungo crinale che collega il Monte Petroso con la Metuccia e la Meta (2242 m). Il nome "Vivo" deriva dal fatto che il lago cambia continuamente le proprie dimensioni in base alle stagioni (massime a maggio con lo scioglimento della neve, minime ad ottobre). Al margine orientale dell'Altopiano vi è la Fonte degli Uccelli che garantisce acqua in tutti i periodi dell'anno.
Per il ritorno abbiamo seguito ancora il sentiero K4, che aggira il Serrone sul lato orientale, attraversando splendide faggete. Tale sentiero si affaccia sulla Val Porcile, dove si origina il torrente Rio Torto, che va ad alimentare l'altro grande invaso artificiale della zona (oltre al Lago di Barrea): il Lago della Montagna Spaccata, su cui, nell'ultimo tratto di sentiero, si ha una splendida veduta. Al termine rinfresco a Villetta Barrea, dove come consuetudine abbiamo potuto avvistare alcuni cervi.

Commenti

    You can or this trail