-
-
2.734 m
1.990 m
0
3,3
6,6
13,25 km

Visto 514 volte, scaricato 10 volte

vicino Feraion, Trentino - Alto Adige (Italia)


Da Malga Mare, su sentiero n. 102, che sale ripido all'interno di un bosco di conifere innalzandosi a tornanti, si giunge ad un punto panoramico bagnato da alcuni ruscelletti superabili su ponticelli in legno. La salita riprende e porta a Pian Venezia (m. 2.280) dove sorge il rifugio-Baito (m. 2290). Alla sinistra scorre il torrente Noce Bianco .
Chiusa a occidente dalla catena del Vioz e del Palon de La Mare (m. 3.703), la Val Venezia forma un'ampia conca.
Il sentiero segue la sinistra orografica fin che giunge al Rifugio Larcher al Cevedale (m. 2.608). Splendida vista sul gruppo del Cevedale. Si riparte, su sentiero n.104-123 una ripida salita porta al bellissimo anfiteatro di origine detritica, dove sono situati 4 dei cinque laghi che si vedranno.
Il primo che si incontra è il Lago delle Marmotte (m. 2.704), sormontato da Cima Marmotta (m.3330). Lago di origine glaciale, vero gioiellino dove è facile trovare i Pennacchi di Scheuchzer - Erioforo- (Eriophorum)
Per raggiungere le sue acque bisogna scendere di alcuni metri, ma ne vale davvero la pena!
Tornati sui propri passi si riprende il sentiero. Poco più avanti si trascura la deviazione, a destra, del sentiero n.146 che, porterebbe sì al Lago Lungo, ma verrebbero esclusi tutti gli altri laghi. Quindi si prosegue ancora per un tratto sul n.104-123 poi, ad un bivio, i numeri si dividono, il n.104 prosegue, in salita, per la località le Pozze (due piccoli laghetti), il n.123, nostro sentiero, svolta a destra e ci porterà fino a Malga Mare.
Più avanti, dopo essere scesi di circa cento metri, sulla destra, si vede il Lago Lungo, in basso di circa 60 metri rispetto al sentiero su cui si cammina.
Proseguendo si incontra il Lago Nero. Il sentiero transita proprio sul suo argine. Un vero spettacolo!
Tutti di origine glaciale, meraviglia della natura, emozionano e incantano.
Ancora un buon tratto, in modesta salita e appare il più grande dei cinque laghi, il Lago Careser (m. 2.603). Bacino artificiale, testimonia l'opera dell'uomo nello sfruttamento delle acque.
Infine, superata la diga, il sentiero scende tortuoso e porta alla località Le Lame dove si vedrà il quinto ed ultimo piccolissimo laghetto (m.2277). Ora su veloci ed ampi tornanti, in pendii intervallati da pascoli si tuffa all'interno di un bosco di conifere ed infine, su mulattiera, giunge a Malga Mare. Luogo di partenza.




















Commenti

    You can or this trail