Coordinate 1070

Uploaded 9 settembre 2015

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
2.416 m
1.814 m
0
4,2
8,4
16,87 km

Visto 1049 volte, scaricato 19 volte

vicino I Fondi, Lombardia (Italia)

20/07/2002
Partenza dal passo del Vivione.Valle di Scalve.
Lunga ma non eccessivamente faticosa camminata nella valle di Scalve, una delle zone meno contaminate delle Orobie. Sebbene priva di difficoltà, la classificazione EE è data dalla lunghezza del percorso, dal dislivello e da una segnaletica, a tratti poco evidente. In periodi estivo-autunnali, non dovrebbe presentare il minimo problema. La zona che si percorre risulta ricca di fauna, come hanno dimostrato le numerose impronte e alcuni avvistamenti di camosci.
Si prende il sentiero col segnavia Passo di Venerocolo(Cai 416).Il sentiero percorre la costa del monte Pertecata e il monte del Matto passando sopra il lago di Valbona fino ad arrivare al Passo del Gatto alto 2.416 metri, divide la valle di Valbona dalla valle del Venerocolino.Così chiamato per via di uno sperone di roccia che ricondurrebbe al profilo del muso di un gatto, venne creato sulle pendici del monte Sellerino dal genio militare negli anni prossimi alla Prima guerra mondiale, al fine di permettere un miglior spostamento di persone e materiale in quella che avrebbe dovuto essere una linea di battaglia, poi mai utilizzata, in caso di ripiegamento delle forze militari italiane. Garantisce infatti il collegamento tra il passo del Vivione, da cui si accede alla Val Camonica, alla zona del rifugio Nani Tagliaferri e del Passo di Bondione, spartiacque con la valle Seriana.
Dal Passo del Gatto si scende con lo stesso sentiero fino ai laghetti di San Carlo per poi proseguire in costa fino al passo di Venerocolo sede degli omonimi laghetti.
Il percorso del ritorno si fa su quello di andata.

Have Fun!
  • Foto di Passo del Vivione.Partenza
  • Foto di Passo del Vivione.Partenza
  • Foto di Passo del Vivione.Partenza
  • Foto di Passo del Vivione.Partenza
  • Foto di Passo del Vivione.Partenza
  • Foto di Passo del Vivione.Partenza
Il passo del Vivione è un valico alpino a quota 1.828 m s.l.m. che collega due valli secondarie della val Camonica: la valle di Scalve e la val Paisco. Il passo si trova interamente nel territorio della provincia di Bergamo. Il passo si trova nelle Alpi e Prealpi Bergamasche e dal punto di vista orografico separa le Alpi Orobie a nord dalle Prealpi Bergamasche a sud. La carrozzabile che raggiunge il passo (la strada statale 294) è estremamente stretta in buona parte del percorso e viene generalmente aperta al traffico automobilistico solo durante i mesi estivi, quando viene percorsa soprattutto dai turisti che trascorrono le vacanze in Val di Scalve, specialmente a Schilpario. La salita del versante settentrionale, ossia quello bresciano, del passo del Vivione è stata affrontata nella 19a e penultima tappa (Bormio-Presolana) del Giro d'Italia del 2004. Gilberto Simoni si impose al Gran Premio della Montagna davanti a Stefano Garzelli. In precedenza il Giro d'Italia era transitato un'unica volta dal passo del Vivione, nella 18a tappa (Borno-Dimaro Val di Sole) dell'edizione del 1981, quando la salita fu affrontata dal versante scalvino.
  • Foto di Lago di Valbona
  • Foto di Lago di Valbona
  • Foto di Lago di Valbona
  • Foto di Lago di Valbona
  • Foto di Lago di Valbona
Il Lago di Valbona si trova nelle Prealpi Orobie, nell'omonima valle, laterale della valle di Scalve, in territorio amministrativo di Schilpario. Il lago, con una superficie pari a circa 17.000 metri quadrati, si adagia in una conca naturale sovrastata dai Monti Sellerino e del Matto, e riceve le acque provenienti dallo scioglimento delle nevi e dalle frequenti precipitazioni. Da esso nasce il torrente Valbona. È facilmente raggiungibile tramite il sentiero con segnavia del CAI numero 416, che parte dal Passo del Vivione e raggiunge il Passo del Gatto ed i Laghi del Venerocolo.
  • Foto di Laghetti del Venerocolo
  • Foto di Laghetti del Venerocolo
  • Foto di Laghetti del Venerocolo
  • Foto di Laghetti del Venerocolo
I Laghi del Venerocolo sono un gruppo di laghetti alpini che si trovano nelle Prealpi Orobie, nella valle del Venerocolino, laterale della val di Scalve, in territorio amministrativo di Schilpario. Il lago piccolo di Venerocolo Questi si adagiano in una conca naturale posta tra i monti Venerocolo e Venerocolino, ad un’altezza media di 2.260 m.s.l.m., in cui confluiscono le acque provenienti dallo scioglimento delle nevi e dalle frequenti precipitazioni. Il principale è il lago Bianco, posto a 2.293 m.s.l.m. e con una superficie di circa 30.000 m², a fianco del quale si trova il lago piccolo (2.300 m.s.l.m. con superficie di 2.600 m²). Poco distanti vi sono il lago basso Est (2.182 m.s.l.m. e 3.000 m²) ed il lago basso Ovest (2.270 m.s.l.m. e 3.000 m²), ai quali vanno aggiunti altri piccoli specchi d’acqua di entità ridotta ed assai variabili, che arrivano a prosciugarsi nei periodi più secchi. La via più semplice per raggiungerli parte dalla località Paghera, nei pressi di Ronco, frazione di Schilpario, ed è contrassegnata dal segnavia del CAI numero 414. Dopo aver imboccato la Valle del Vo, si sale nella laterale valle del Venerocolino, attraverso la quale si raggiungono i laghetti in circa 4 ore. Sempre sul versante scalvino, si può salire dal Passo del Vivione, seguendo il sentiero 416 che, dopo aver superato il lago di Valbona ed il Passo del Gatto, raggiunge i laghetti in circa 4 ore. Inoltre è possibile accedervi anche dalla provincia di Sondrio, risalendo la Val di Campo fino al Passo di Venerocolo.

1 comment

  • Foto di Pippo71

    Pippo71 16-mag-2016

    I have followed this trail  View more

    Ottimo percorso. Bella passeggiata ai confini delle Orobie bergamasche.

You can or this trail