Tempo  3 ore 17 minuti

Coordinate 1373

Uploaded 11 settembre 2018

Recorded agosto 2018

-
-
1.667 m
1.365 m
0
2,9
5,7
11,44 km

Visto 271 volte, scaricato 11 volte

vicino Capannette di Pey, Emilia-Romagna (Italia)

Quella che parte da Piacenza è probabilmente una delle meno note tra le "Vie del Mare" (o "Vie del Sale) che dal Basso Piemonte / Oltrepo Pavese / Pianura Padana portano verso al Mar Ligure.

Un trekking di 162 km circa con 6000 metri di dislivello (sia positivo che negativo) ispirato dal libro "La Via del Mare - da Piacenza a San Fruttuoso" di Paolo Cervigni (editore Il Sentiero, 2014), che abbiamo diviso in 9 tappe:

Tappa 1: Piacenza - Rivalta Trebbia
Tappa 2: Rivalta Trebbia - Costa del Grillo
Tappa 3: Costa del Grillo - Casa Matti
Tappa 4: Casa Matti - Bralello
Tappa 5: Bralello - Capannette di Pej
Tappa 6: Capannette di Pej - Casa del Romano
Tappa 7: Casa del Romano - Torriglia
Tappa 8: Torriglia - Calcinara
Tappa 9: Calcinara - San Fruttuoso

Sicuramente si possono unire alcune tappe e fare qualche giorno in meno, ma abbiamo cercato il miglior compromesso possibile tra un passo lento, per godersi il cammino senza affannarsi nonostante lo zaino da 10/12 chili e la scarsa presenza di accoglienza sul percorso (sopratutto nella prima parte).

--------------

TAPPA 6 / CAPANNETTE DI PEJ - CASA DEL ROMANO

Martedì 21Agosto 2018 alle 8:55 partiamo da Capannette di Pej alla volta di Casa del Romano.
Prendiamo la SP18 che sale in direzione Capanne di Cosola e la raggiungiamo in breve.
Impossibile non ricordare come Paolo Rumiz descrisse perfettamente questo luogo nel suo libro "La leggenda dei monti naviganti":

"...valico in capo al mondo a quota 1493, dopo una salita da bestie, con il mulo meccanico surriscaldato, un birrino e una strana locanda con il bancone in Emilia, i tavoli in Piemonte e la terrazza in Lombardia. Ma anche la Liguria è lì ad un tiro di schioppo.”

Arrivati all’albergo ristorante (altro possibile punto tappa) giriamo subito a sinistra su carrozzabile per passare sul retro della struttura.
Qua comincia il crinale che separa la Val Boreca, a sinistra, e la Val Borbera, a destra…e il 101 va a confluire sul 200 (anello Borbera Spinti) e, sopratutto, sulla più nota Via del Mare che parte da Varzi (o, più recentemente, da Milano).
Passata una casa isolata la carrozzabile diventa sentiero, poi si allarga nuovamente e riprendiamo a salire per prati verso il Monte Cavalmurone, dove per un breve tratto il crinale si sdoppia in due linee parallele separate da un solco, probabilmente il risultato di qualche antico movimento tellurgico.
Tra spettacolari panorami scendiamo verso una sella per risalire quasi subito al Monte Lagnà (breve deviazione possibile a destra per raggiungere la croce di vetta).
Proseguiamo sempre dritto lungo crinale, scorgendo sulla sinistra, nella selvaggia Val Boreca, le minuscole frazioni di Bogli, Pizzonero e Suzzi.
Ma non bisogna distrarsi troppo, perché le discese sono ripide e su terra e sassi smossi.
Ora sul percorso il segnavia più frequente è il VM (Via del Mare), seguito dal 200.
Del 101 non c’è quasi più traccia.
Dopo il Monte Lagnà cominciamo una li ga discesa, prima di entrare in un bel bosco e ricominciare a guadagnare quota con alcuni tornanti verso il Poggio Rondino, che aggiriamo sulla destra.
A destra è ben visibile, in fondo alla valle, Carrega Ligure con la sua torre dei Malaspina.
Usciti dal bosco ci troviamo quasi di colpo ai piedi del Monte Carmo, enorme panettone erboso che segna la fine del nostro crinale.
Qua un bivio ci dice che il nostro fido 101, che ci ha accompagnato per 3 giorni e 50 chilometri, gira a sinistra e prosegue per il Monte Alfeo. È quindi ora di salutarci.
Il segnavia della VM non è chiarissimo, ma direi che punta verso la carrareccia che aggira il Carmo sulla destra.
Noi tiriamo dritti sul 200, e dopo una breve (ma intensa!) salita guadagniamo la croce di vetta del Carmo.
Sul pianoro sommitale andiamo dritti su traccia non visibile e, appena cominciamo a perdere quota, pieghiamo a sinistra dove il percorso torna ben visibile.
Ora scendiamo velocemente, su carrozzabile che rientra nella faggeta e sbuca a Capanne di Carrega, subito dietro l’omonimo agriturismo (possibilità di pranzo su prenotazione).
Prendiamo l’asfalto della SP147 e dopo pochi metri lasciamo la provincia di Alessandria ed il Piemonte per entrare in Liguria nella provincia di Genova.
Seguiamo l’asfalto poco o nulla trafficato fino a giungere in località Casa del Romano, dove l’omonimo albergo ristorante farà da punto tappa per oggi.

L'Albergo Ristorante Casa del Romano sorge a poche centinaia di metri dal confine tra Piemonte / Liguria e appena sotto l'omonimo osservatorio astronomico
E' molto frequentato (ormai siamo sulla Via del Mare principale) per cui conviene prenotare con anticipo.
Camera molto spaziosa e terrazzo che è stato ottimo per stendere i nostri vestiti appena lavati.
Pranzo e cena ottimi con piatti tipici.
Partenza da Capannette di Pej
Capanne di Cosola con l'omonimo albergo ristorante
Finalmente siamo sulla Via del Mare "ufficiale"
Un tratto del percorso
Panorama
Un tratto del percorso
Un tratto del percorso
Un tratto del percorso
Un tratto del percorso
Un tratto del percorso
Un tratto del percorso
Monte Carmo, 1642 mt slm
Incontri
Capanne di Carrega
Albergo Ristorante Casa del Romano

Commenti

    You can or this trail