Tempo  3 ore 45 minuti

Coordinate 1289

Caricato 18 maggio 2019

Registrato maggio 2019

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
311 m
176 m
0
3,7
7,5
14,9 km

Visualizzato 991 volte, scaricato 44 volte

vicino a Montechiaro d'Asti, Piemonte (Italia)

LA PIEVE ROMANICA DI PIESENZANA E LA VALLE DELLE TARTUFAIE
(anello Montechiaro.--.Cortanze)


INTRODUZIONE

PIEVE ROMANICA DI PIESENZANA
:Piesenzana era il nome del borgo che sorgeva nell’anno mille intorno a questa chiesetta.
Essa venne già citata ,nel 907,dal papa Sergio III come pieve dell’abitato di Piesenzana dedicata a Maria Madre di Dio.
E’ una chiesa antichissima che era già parrocchia prima ancora della fondazione di Montechiaro.
Montechiaro è una “villa nova” fondata nel 1200 da abitanti provenienti dai borghi di Piesenzana,Mairano(il borgo della chiesa romanica di San Nazario) e Maresco,per volontà del Comune di Asti..
Intorno alla villa nova di Montechiaro furono costruite alte mura a protezione degli abitanti.
Nei secoli successivi gli abitanti di Piesenzana(così come quelli di Mairano)abbandonarono via via le loro case per trovare rifugio più sicuro a Montechiaro ben difeso dalla recinzione muraria e dal castello.
La bella chiesetta di Piesenzana rimase così isolata in cima a un colle in aperta campagna e del borgo di Piesenzana non c’è più traccia visibile..
La zona circostante fu cimitero fino al 1890.

LE TARTUFAIE DI MONTECHIARO:
Sul territorio del Comune di Montechiaro vi è una delle più estese zone italiane con presenza di “Riserve tartufigene”.
Circa 50 ettari di terreno che si estendono nelle valli Bairello,Beronco e Seria.
In regione Santa Maria, l’Amministrazione comunale ha allestito una tartufaia didattica dove vengono effettuate ricerche simulate del tartufo.
A Montechiaro si tiene ,annualmente,la fiera nazionale del tartufo bianco(mercato con bancarelle piene di tartufi,premi ai migliori esemplari di tartufo e premi ai trifolau più abili).
Contemporaneamente i ristoranti della zona propongono piatti a base di tartufi:

PERCORSO

Da Montechiaro si imbocca via S. Sebastiano e si arriva alla chiesetta di San Sebastiano dove si svolta a dex.
Percorsi 300 metri,si effettua deviazione “andata e ritorno” fino alla chiesetta romanica di Piesenzana.
Ritornati sul sentiero principale,si svolta a dex.
A un primo bivio, si va a six a scendere.
A un secondo bivio si prosegue diritto.
Si passa sotto al bric Pertica e si raggiunge il fondovalle della valle del rio Bairello.
Qui si costeggiano,per un certo tratto, i binari della ferrovia dismessa Asti-Chivasso(che qui arriva dopo aver superato la galleria di Cortanze).
Percorsi 400 metri,,all’incrocio,si svolta a six e si attraversa un sottopasso proseguendo,poi,su sterrata che risale il fondovalle della valle del rio Bairello.
Si passa accanto a numerosissime tartufaie cintate(piccoli boschi di querce maestose).
Si raggiunge la strada Varadone dove si svolta a six.
Percorso 1 km.,(ultimo tratto con tornanti a salire)si raggiunge la strada asfaltata Cortandone--Piea.
Si svolta a six(all’incrocio c’è un pilone votivo)e percorsi 200 metri,si svolta,poi,a dex seguendo segnaletica per località S. Secondo.
In borgata S. Secondo si prosegue su sterrata.
Al primo bivio si va a six a scendere.
Si raggiunge la provinciale AT-Chivasso,si svolta a dex e,poi,subito a six su stradina che ha come segnaletica:Case sparse:
Percorsi 150 metri,dalla stradina si svolta a six (prima del capannone agricolo della cascina Ingazzo) su sterrata che risale una valletta fino a raggiungere,sul crinale della collina,un incrocio dove si svolta a dex in strada Varagine.
Si attraversa area boschiva.
Percorsi 500 metri, si svolta a six ,ad angolo acuto, proseguendo su sterrata che sale fino al bric Sabbione.
Poco prima del bric Sabbione,si svolta a dex a scendere.
Percorsi 300 metri,si raggiunge stradina asfaltata,via Soglio dove si svolta a six raggiungendo in breve tempo Cortanze.
A Cortanze,a un quadrivio,si prosegue diritti in via Montechiaro.
Sul tratto tra Cortazzone e Montechiaro si trova anche la segnaletica del sentiero regionale n.302.
Percorsi 500 metri, a un quadrivio si svolta a six.
Da qui ,in una decina di minuti si ritorna a Montechiaro.
Il percorso non ha segnaletica.
Abbiamo trovato erba alta sull’ultimo tratto della stradina che da Borgata S. Secondo scende sulla provinciale Asti--Chivasso.
Abbiamo trovato un albero (caduto da pochi giorni)sul sentiero poco prima di arrivare al bric Sabbione.
Albero che abbiamo facilmente bypassato passando per qualche metro nella boscaglia alla dex del sentiero.
Foto

pieve di Pisenzana

pieve di Pisenzana
Foto

bric Pertica

bric Pertica
Foto

binari ferrovia

binari ferrovia
Foto

sottopasso

sottopasso
Foto

Tartufaie

Tartufaie
Foto

Via Piea

Via Piea
Foto

borgata S. Secondo

borgata S. Secondo
Foto

cascina Ingazzo

cascina Ingazzo
Foto

strada Varagine

strada Varagine
Foto

bric Sabbione

bric Sabbione
Foto

via Soglio

via Soglio
Foto

via Montechiaro

via Montechiaro
Foto

Montechiaro

Montechiaro
Waypoint

sentiero n. 302

Waypoint

Cappella S. Sebastiano

Waypoint

valle del rio Bairello

Waypoint

Quadrivio

Waypoint

Strada Varandone

Waypoint

via S. Sebastiano

2 commenti

  • Foto di anneube55

    anneube55 2-lug-2019

    Ho seguito questo percorso  verificato  Vedi altro

    Che bel giro Mario! Forse l’avevo già fatto con il gruppo, ma non ricordavo i tratti bellissimi tra le tartufaie ed il bel bosco prima di Cortanze. Fatto sotto il sole di questa calda estate: piacevole sempre

  • Foto di Antonella Lusso

    Antonella Lusso 16-set-2020

    Ho seguito questo percorso  verificato  Vedi altro

    (Al primo bivio si va a six a scendere...)
    Su questo tratto albero di ciliegio caduto sulla stradina ed ultimo tratto con vegetazione molto alta che richiede manutenzione. Siamo scese seguendo gli scivoli dei cinghiali per raggiungere la SP458.

Puoi o a questo percorso