Tempo  2 ore 39 minuti

Coordinate 850

Uploaded 21 novembre 2018

Recorded novembre 2018

-
-
292 m
147 m
0
2,1
4,2
8,43 km

Visto 133 volte, scaricato 8 volte

vicino Moasca, Piemonte (Italia)

LA PANCHINA GIGANTE DI MOASCA(COLOR ROSA SALMONE)
(anello Moasca--San Marzano Oliveto)

INTRODUZIONE

Anche tra i vigneti situati su un bel panoramico bricco collinare nei pressi dell’abitato di Moasca(bricco di Moasca) è stata ,recentemente,posizionata una delle big-bench dell’artista Chris Bangle.
La megapanchina è di color rosa salmone.

LE BIG--BENCH:
Le panchine giganti sono state ideate da Chris Bangle,designer americano in campo automobilistico(ha disegnato automobili per Opel,Fiat e BMW).
La prima big-bench fu posta nel 2009 in località Gorra a Clavesana dove Chris Bangle vive e lavora.
Il successo fu subito grande e maxi-panchine ,dai colori vivaci, sono state messe,negli anni successivi,nei punti belvedere o comunque panoramici di moltissime località delle Langhe,del Monferrato e delle Alpi Marittime.

PERCORRIBILITA’ DEL SENTIERO:
Il percorso,in data Novembre 2018,ha buona percorribilità.
Non vi sono punti critici per presenza di vegetazione abbondante ai lati o erba troppo alta.
Il sentiero non ha segnaletica e si snoda per un 40% su stradine asfaltate con traffico sporadico e per un 60% su stradine sterrate.
Esso attraversa gli abitati di Moasca e di San Marzano Oliveto.
Paesi entrambi situati sulla cresta collinare posta tra la valle del torrente Nizza (a Nord) e la valle del torrente Belbo(a Sud).

MOASCA:
La storia di Moasca è strettamente legata a quella del suo castello.
I resti ancora attualmente esistenti appartengono all’edificio costruito nel 1351 così come viene riferito su una scritta situata sul portale di ingresso del castello..
La precedente fortificazione fu rasa al suolo nel 1308.
Questo evento è da collegare alle sanguinose lotte intestine tra le famiglie nobiliari del Comune di Asti.
Il castello fortificato di Moasca baluardo ghibellino della famiglia dei De Castello fu assalito dai Solaro(guelfi) che dopo un assedio di 22 giorni riuscirono a conquistarlo e a distruggerlo:
La ricostruzione dell’attuale castello avvenne nel 1351 sulle rovine del precedente.
Nel 1999 il Comune di Moasca ha ristrutturato ciò che ancora esisteva del castello,ricuperando anche le vaste cantine dove trovano posto,oggi, la Bottega del Vino”Nero di Stelle” e il ristorante “Tra la Terra e il Cielo”.

PERCORSO

Posteggiata l’auto a Moasca,sulla piazza del castello,si imbocca la strada provinciale a scendere,per 200 metri circa.
Si svolta,poi,a six su sterrata seguendo segnaletica per regione Chierina.
Percorsi 500 metri, si svolta a six.
Percorsi altri 500 metri, si svolta a dex su stradina asfaltata che si snoda lungo il fondovalle del torrente Nizza.
Si passa alla dex delle cascine Burio.
Si prosegue in fondovalle fino ad arrivare in regione Saline.
Qui si svolta a dex per risalire il versante collinare fino a raggiungere,sul crinale,l’abitato di San Marzano Oliveto.
Si passa accanto alle cascine Terzano,Arbiola,Merletto,Serra,Stefanolo e Sant’Antonio.
Al quadrivio successivo alla cascina Sant’Antonio e all’agriturismo Sabbione si prosegue diritti.
Si raggiunge San Marzano.
Dopo aver visitato il sito del castello ,si raggiunge via Garibaldi che viene percorsa , a scendere,fino a raggiungere la provinciale.
Si svolta a six.
Si passa accanto alla cascina Poggio e San Rocco.
Oltrepassata la cascina San Rocco , si svolta a dex su stradina asfaltata che diviene,poi,sterrata.
Giunti “in vista” di Moasca,al bivio,si svolta a dex per effettuare deviazione “andata e ritorno” fino al bric di Moasca dove è posta la panchina gigante.
Si ritorna a Moasca.

NOTE SULLA PERCORRIBILITà DEI SENTIERI E TRACCE GPS
Le tracce GPS(le nostre così come tutte quelle che si trovano nei vari siti web di trekking) hanno solamente il significato di comunicare che,in quella particolare data,è stato possibile effettuare quel determinato percorso su sentieri in buone o sufficienti condizioni di agibilità.
Da quel momento in poi ,la percorribilità di quegli stessi sentieri può variare a causa di svariati e mutevoli eventi che si possono verificare nel tempo(posizionamento di nuove recinzioni per delimitare proprietà, vegetazione esuberante ,frane,etc..)Tutto questo deve essere tenuto sempre ben presente da chi si accinge a ripercorrere i tracciati escursionistici pubblicati e descritti nei vari siti web
cascine Burio
Gruppo foto(uno)
cascine Terzano
Cascina Merletto
cascina Serra
cascina Stefanolo
San Marzano oliveto
Gruppo foto(due)
cascina Poggio
Panchina gigante
Bricco di Moasca
Moasca

Commenti

    You can or this trail