stefcerv
68 29 61

Tempo in movimento  2 ore 43 minuti

Tempo  4 ore 26 minuti

Coordinate 1950

Caricato 15 gennaio 2019

Recorded gennaio 2019

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
212 m
59 m
0
2,9
5,9
11,75 km

Visto 418 volte, scaricato 22 volte

vicino Cerveteri, Lazio (Italia)

di partenCimitero Nuovo – Cascate – Cimitero Nuovo
( circa 12 km a/r )
Imboccando la sterrata davanti a voi arriverete al confine nord dell’antica città etrusca di Caere , delimitata da quanto rimane di una delle xxxxxx porte etrusche ( Porta Coperta ) .
Subito dopo la porta , alla vostra sx troverete l’imbocco di un sentiero che congiunge Porta Coperta con un’altra delle porte etrusche di Caere ( Porta Bufolareccia ) e che immette nella rete dei “ Sentieri degli Inferi “ . Superata la Porta Coperta ci si avvia sulla strada sterrata in direzione delle colline fino ad incrociare un bivio dove si gira a dx . Seguendo la sterrata si imbocca un sentiero in discesa che porta sulla dx orografica del torrente della Mola . Sul lato sx del sentiero incontrerete un passaggio segnalato che porta ad un guado sul torrente della Mola . Superato il guado , ci si trova di fronte ad un campo coltivato . Si gira a sx costeggiando per alcune decine di metri il campo coltivato , poi a dx in direzione di una struttura industriale in disuso superata la quale troverete un bivio e girerete a sx . Imboccherete una leggera salita che culmina poco dopo nei pressi di un vecchio ovile attualmente in disuso . La sterrata prosegue inoltrandosi nella vallata lungo la sx orografica del torrente della Mola . Proseguite sulla sterrata fino ad incrociare un nuovo guado , superato il quale troverete una recinzione ed un cancello . Superato il cancello prendete a dx lungo un sentiero nel bosco seguendo il quale giungerete ai piedi della prima delle cinque cascate che caratterizzano questo percorso ( Cascata del Vaccinello ) . Tornando indietro fino al cancello si riprende a dx la sterrata dove sono presenti le rovine di una serie di edifici che costituivano “ Le Ferriere “ , uno dei forni fusori dello Stato Pontificio in uso fino a metà del 1600 .
Proseguite lungo la sterrata tenendo sempre il torrente alla vostra sx fino ad incontrare una deviazione segnalata a sx seguendo la quale arriverete alla seconda cascata ( L’Arenile ) . Si ritorna sulla sterrata e si prosegue verso l’interno . Nuovo bivio dove , proseguendo dritti si giunge alla terza cascata ( Braccio di Mare ) . Si torna indietro fino al bivio e si prende il sentiero in salita che troverete alla vostra sx .
Fatti pochi metri la pendenza si attenua ed il sentiero prosegue in salita in un fitto bosco . Quando la vegetazione circostante si diraderà vedrete , di fronte a voi , un cancello in ferro che non dovete superare . Alla vostra sx c’è un passaggio segnalato che vi porterà ad un nuovo guado sul torrente Monte La Guardia . Vi trovate sopra la quarta cascata ( Cascata dell’Ospedaletto ). Dopo pochi metri dal guado l’acqua del torrente si getta nel vuoto da una altezza di circa 15 metri . Superato il guado si imbocca una sterrata fino a giungere ad un bivio . Prendendo a sx si scende nella valle fino ad incrociare un sentiero . Di fronte a voi troverete il torrente delle Ferriere . A sx si giungerà sotto la Cascata dell’Ospedaletto . A dx si arriverà sotto la quinta cascata ( Cascata del Moro o di Castel Giuliano ) . Dopo la visita alle cascate , risalendo per il percorso già fatto si ritorna al bivio in quota dove si gira a sx , pochi metri ed in prossimità di un passaggio aperto in una rete metallica verde ( sempre alla vostra sx ) arriverete ad un ponte diroccato sotto al quale scorre il torrente della Mola prima di formare la Cascata . Il luogo si presta allo stazionamento per rifocillarsi e riposare .
Oltre il ponte diroccato , superando il torrente , ci si immette sulla via del ritorno . Il sentiero prosegue attraverso una fitta vegetazione fino ad una biforcazione segnalata dove si deve prendere a sx in discesa. Poco dopo , ci si trova su di un ponte ( Ponte degli Austriaci ) costruito sul torrente della Caldara . Superato il ponte si piega a sx , si passa su un ponticello di legno e si prosegue in salita sul vecchio tracciato della strada che collegava Cerveteri con i paesi dell’interno . Si giunge così su uno slargo alberato ( Belvedere del Principe ) . Proseguendo in linea retta lungo la sterrata si scende gradualmente verso il mare che si distingue all’orizzonte . Proseguendo sulla sterrata ci si ritrova a Porta Coperta e poi al punto di partenza.

1 comment

  • Foto di Roberto Maldera

    Roberto Maldera 6-mag-2019

    I have followed this trail  verificato  View more

    Sentiero da me effettuato ieri mattina 5 maggio. Il sentiero delle cascate è stato da me volutamente percorso al contrario. Non ho riscontrato anomalie e tutte le segnalazioni corrispondevano. Unico pezzo da me saltato è stata la discesa e risalita alla cascata di S.Giuliano a causa del poco tempo a me disponibile e per l'incombenza dei temporali che si avvicinavano minacciosi. Sentiero consigliato a chi lo volesse percorrere per i suoi aspetti naturalistici e paesaggistici. Mi riservo di esplorarare altri tratti adiacenti al sentiero come i ruderi delle tre ferriere pontificie e successivamente pubblicarlo.

You can or this trail