Tempo  7 ore 55 minuti

Coordinate 8748

Uploaded 16 settembre 2018

Recorded settembre 2018

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
2.522 m
1.067 m
0
6,3
13
25,29 km

Visto 326 volte, scaricato 8 volte

vicino Ronco, Lombardia (Italia)

Gita effettuata il Settembre 2018.

Eccomi alla seconda salita al rifugio più alto ed impervio delle Prealpi Orobiche.

Passata la località Ronco, subito dopo il ponte sul torrente giro a sinistra e lascio l'auto presso uno dei due parcheggi prima della pizzeria del Vo, e risalgo la strada che sale lungo la valle e, passate le abitazioni, il percorso si divide. A sinistra parte la salita diretta al Rifugio Tagliaferri, mentre a destra si va per i Laghi del Venerocolo (il segnavia riporta 3h e 30 minuti).
Io prendo la strada che sale ai laghetti che sale con pendenza basse lungo una larga mulattiera di pietra e cemento sino ad arrivare ad un pianoro erboso.
Qui lascio la strada e seguo il sentiero che sale con numerosi tornati a destra del torrente del Venerocolo sino ad arrivare presso un ponte di legno che lo attraversa.
Passato il ponte, si prosegue la salita percorrendo numerosi tornati lungo il lato destro del Monte Bognaviso e finalmente, dopo 2 ore e un quarto dalla partenza, arrivo a 2280mt presso il primo dei laghetti del Venerocolo.
Si segue il sentiero 414 passando a fianco del 2° piccolo laghetto ed infine arrivo presso il più grande dei 3 poco sotto il passo del Venerocolo presso il bivio col sentiero 416 che arriva dal Passo del Gatto e dal Passo del Vivione.
Una breve pausa e qualche foto al laghetto e risalgo il sentiero 416 in direzione del Rifugio Tagliaferri (qui il segnavia da 2h).
Poco dopo, lascio il sentiero per andare al Passo del Venerocolo per fare un paio di foto alla valle dall'altro lato del Passo, e poi riprendo il sentiero 416 che sale sotto la cima del Monte Venerocolino con parecchi tratti esposti e qualche tratto attrezzato con catene fisse sino ad arrivare presso il primo dei due passi del Demignone.
Anche qui, faccio una breve deviazione per salire al passo e fare foto alla valle retrostante e poi riprendo lo stretto sentiero esposto in costa. Una fitta nebbia sale dalla valle sottostante che non vi fa purtroppo ammirare il panorama, ma in compenso non mi fa vedere i precipizi che ci sono alla mia sinistra.
Arrivo al secondo passo del Demignone e si prosegue sempre in costa in leggera salita sino ad arrivare a quota 2500 , il punto più alto di questo percorso.
Si attraversa un tratto attrezzato con un ponte di metallo e si prosegue sempre su sentiero stretto costa con la maggior parte dei tratti attrezzati con catene fisse (ma non tutti....) sino a passare sotto la cima del Monte Demignone e poi si scende lungo alcune tracce labili di sentiero lungo un costone sino a riprendere il sentiero in costa e ad arrivare presso il bello e panoramico passo del Vò. Da qui si ha un bellissimo scorcio sul lago e la diga del Belviso nella valle di Pila.
Il sentiero prosegue in costa poco sotto la costa orografica con la valle di Pila. Sotto di me la nebbia di dirada un pò, ed è possibile vedere il fondo valle con il sentiero che dovrò fare per il ritorno al parcheggio di partenza.
Si attraversano, ancora, alcuni tratti esposti e infine arrivo in vista del Rifugio Tagliaferri che raggiungo dopo aver fatto alcune foto alla campana e alla bellissima statua in bronzo di un aquila posta sulla selletta sopra il rifugio.
Qui mi fermo per il pranzo e per una breve pausa. Il sole purtroppo fa capolino raramente, la nebbia e le nuvole la fanno da padrone e fa freddo, pertanto, dato che la discesa è ancora lunga, decido di imboccare il sentiero 413 che scende in costa sotto il monte Gleno , ed arrivato poco sopra un piccolo laghetto, si scende , con numerosi tornanti sino ad arrivare nella sottostante verde valle abitata da numerose marmotte.
Si passa per una baita e per la Malga Venano poi si prosegue lungo la riva destra del torrente del Vo.
Ad un certo punto, si guada il toprrente e il sentiero scende nel bosco per un pungo tratto sino ad a tornare infine presso il parcheggio di partenza.

Difficoltà:
Il sentiero sino ai laghi del Venerocolo e l'omonimo passo è di tipo E senza particolari difficoltà tecniche.
Dal Passo del Venerocolo sino al Rifugio Tagliaferri, il sentiero è di tipo EE con numerosi tratti esposti, La maggior parte dei quali sono attrezzati con catene fisse.
La discesa dal Rifugio Tagliaferri al parcheggio di partenza è di tipo E. Nella parte alta del sentiero ci sono un paio di punti di roccette facili attrezzati con catene fisse.
Questo anello è lungo e di notevole dislivello pertanto lo consiglio solo ad escursionisti ben allenati e che non soffrono di vertigini.

I miei tempi:
Da parcheggio al passo del Venerocolo: 2 ore e 30 minuti
Dal Venerocolo al rifugio Tagliaferri: 1 ora e 30 minuti
La discesa dal Rifugio al parcheggio di partenza: 3 ore

Buon divertimento.
  • Foto di Partenza
  • Foto di Partenza
  • Foto di Partenza
  • Foto di Partenza
  • Foto di Partenza
  • Foto di Partenza
  • Foto di Laghetti del Venerocolo
  • Foto di Laghetti del Venerocolo
  • Foto di Laghetti del Venerocolo
  • Foto di Passo del venerocolo
  • Foto di Passo del venerocolo
  • Foto di Passo del venerocolo
  • Foto di Passo del venerocolo
  • Foto di Passo del venerocolo
  • Foto di Passo del venerocolo
  • Foto di Passo del Demignone
  • Foto di Passo del Demignone
  • Foto di Passo del Demignone
  • Foto di Passo del Demignone
  • Foto di Passo del Demignone
  • Foto di Passo del Demignone
  • Foto di Passo del Vo
  • Foto di Passo del Vo
  • Foto di Passo del Vo
  • Foto di Passo del Vo
  • Foto di Passo del Vo
  • Foto di Passo del Vo
  • Foto di Rifugio Nani Tagliaferri
  • Foto di Rifugio Nani Tagliaferri
  • Foto di Rifugio Nani Tagliaferri
  • Foto di Rifugio Nani Tagliaferri
  • Foto di Rifugio Nani Tagliaferri
  • Foto di Rifugio Nani Tagliaferri
  • Foto di Malga Venano
  • Foto di Malga Venano
  • Foto di Malga Venano
  • Foto di Malga Venano
  • Foto di Malga Venano
  • Foto di Malga Venano

5 commenti

  • Marco Bassi 17-set-2018

    I have followed this trail  View more

    Complimenti.
    Giro faticosissimo ed impegnativo.

  • Il Necchi 17-set-2018

    I have followed this trail  View more

    Ci sono stato tanti anni fa ,. ma salendo dalla via classica.
    Quella che tu hai fatto in discesa.
    Un giro lungo ed impegnativo, ma bellissimo.

  • Foto di tabita85

    tabita85 17-set-2018

    I have followed this trail  View more

    Bellissimo giro.
    Lo devo fare anch'io prima opoi ;)

  • Bellimbusto78 17-set-2018

    I have followed this trail  View more

    Giro impegnativo......Ma meraviglioso.
    Lo consiglio a chiunque abbia birra a sufficenza.

  • dapafelo 18-set-2018

    Ottimo giro peccato per la nebbia che impedisce la visualita, fatto l'anno scorso

You can or this trail