• Foto di God's Trail (Via degli Dei) - From Bologna to Firenze
  • Foto di God's Trail (Via degli Dei) - From Bologna to Firenze
  • Foto di God's Trail (Via degli Dei) - From Bologna to Firenze
  • Foto di God's Trail (Via degli Dei) - From Bologna to Firenze
  • Foto di God's Trail (Via degli Dei) - From Bologna to Firenze
  • Foto di God's Trail (Via degli Dei) - From Bologna to Firenze

Coordinate 3723

Caricato 3 aprile 2017

Recorded aprile 2017

-
-
1.206 m
56 m
0
31
62
123,28 km

Visto 5475 volte, scaricato 296 volte

vicino Bologna, Emilia-Romagna (Italia)

Il mio canale Youtube con molti video sulla Via Degli Dei: https://www.youtube.com/c/TheWalkingNose

Traccia con variante sinistra reno, devozione all'altezza del ponte azzurro!

Premessa: Sono partito abbastanza allenato ma consapevole del fatto di avere problemi in discesa quindi da quel punto di vista ho faticato molto a partire dal 3° giorno. Inoltre non mi sento troppo di condividere la scelta della divisione in tappe fatta dalla cartina, quella con la copertina verde e arancione. Avevo tenda, sacco, materassino e fornellino (che ho utilizzato solo una volta).

Cibo: ho portato qualche barretta, frutta secca e qualche pacchetto di cracker, per il resto è tutto reperibile sul percorso nei seguenti luoghi.
Ristoranti e bar: Ad ogni tappa e spesso anche in quelle intermedie, se non avete paura di spendere, cibo assicurato sempre.
Alimentari e negozi: Monzuno, Madonna dei Fornelli, San Piero a Sieve, Fiesole

Prima tappa: (Bologna - Badolo/Brento) io l'ho allungata fino a Brento scalando il Monte Adone il pomeriggio del primo giorno, facendola diventare così di 30 km per poter dormire nello spogliatoio del circolo sportivo, provvisto di doccia e al coperto e per poter accorciare la tappa del secondo giorno, che, partendo da Badolo è stata la più dura per quasi tutti quelli con cui ho condiviso il cammino.In questo caso le soste acqua sono sicuramente San Luca dove ho bevuto alla fontana (sono partito dalla stazione di bologna con mezzo litro sapendo di poter riempire la sacca in seguito) e poi dopo il sentiero dei bregoli a parco Talon dove ho riempito fino a un litro e mezzo. Quella sucessiva è in località i prati di mugnano, e non ho più toccato la sacca fino all'arrivo a Brento dove c'è una fontana.
Ho deviato leggermente rispetto al percorso originale percorrendo il lato asfaltato sulla sponda sinistra del Reno, questo perchè se nei giorni precedenti ha aiuto il tratto originale è molto fangoso, la deviazione nell'ultimo tratto è molto bella perchè il sentiero è leggermente isolato e poco percorso, inoltre si passa di fianco a Palazzo de' Rossi e si percorre il ponte di Vizzano. Unico problema è che nella parte finale del sentiero essendo un po' isolato ho incontrato mamma cinghiale con dei cuccioli, ma senza nessun problema, lei è scappata e io mi sono solo preso un grande spavento.

Seconda tappa: (Brento - Madonna dei Fornelli) partendo da Brento alle 8 sono arrivato a Monzuno alle 11:30 dove ho aspettato per un'ora e mezza gli altri camminatori partiti da Badolo, ho pranzato e riempito la sacca. Ripartendo non si trova più acqua fino a Madonna dei Fornelli ma sono solo altri 10km, in questo tratto c'è molta salita ma la vista del parco eolico e di San Luca in lontananza (questo sarà l'ultima possibilità per vedere il punto di partenza della Via) valgono la fatica. A Madonna dei Fornelli ho alloggiato al b&b Romani con cena e colazione. Elisa la proprietaria è stata estremamente cordiale nell'accogliere tutti quanti, c'è anche la possibilità di piantare la tenda nel cortile del b&b.

Terza tappa: (Madonna dei Fornelli - Monte di Fo/La Castellana) la terza tappa sarebbe di soli 17 km secondo la cartina ufficiale, da questo punto in poi non mi trovo particolarmente d'accordo con la suddivisione in tappe, essendo l'ultima tappa di 33 km ho deciso dalla terza tappa in poi di farmi avanti rispetto alla suddivisione originale. Ho allungato così la tappa di ulteriori 6/7 km. Sono così, dopo aver raggiunto la Futa, andato avanti fino a due piccole frazioni dopo Panna, La Castellana e Marcoiano. Qui ho dormito in tenda e mangiato in un agriturismo. Questa tappa da un certo punto di vista la rivedrei se dovessi rifare la Via degli Dei, probabilmente preferirei dormire in tenda nei pressi dell'osteria bruciata.

Quarta tappa: (La Castellana - Bivigliano) Questa tappa l'ho completamente cambiata, conscio del fatto che l'ultimo giorno non sarei stato in grado di fare troppi km invece di fermarmi a San Piero a Sieve (fine tappa secondo la guida) che ho raggiunto attorno a mezzogiorno ho deciso di proseguire per ulteriori 15km fino a Bivigliano, dove, a causa del temporale ho alloggiato all'albergo Giotto.

Quinta tappa: (Bivigliano - Firenze) grazie al fatto che il giorno prima ho accorciato notevolmente le distanze da Firenze sono arrivato, nonostante fossi molto affaticato e dolorante, in Piazza delle Signoria alle 16 e 30. Qui ho pranzato a Fiesole sulle 14.

Riassunto delle tappe:

1° 30km circa
2° 23km
3° 24km
4° 30km circa
5° 22km circa

Mi sento di condividere quanto detto da altri camminatori, in certi punti non è segnalassimo ma con cartina e gps non si avranno problemi. Il fornellino non è indispensabile se si prevede di cenare in centri abitati cosa che è molto facile vista la frequenza.

La Via degli Dei ha messo a dura prova le mie ginocchia vista tutta la discesa che c'è da affrontare consiglio di prepararsi bene uno due mesi prima della partenza.

3 commenti

  • sanguedalcollo 13-mag-2018

    ciao mi puoi dire quale circolo sportivo c'è sul monte adone nella prima tappa? non hai aggiunto un waypoint del posto? dammi se puoi delle indicazioni o qualche toponimo , non è che intendevi il centro ricerca fauna esotica ?
    grazie

  • Foto di The Walking Nose

    The Walking Nose 13-mag-2018

    Ciao intendo il campo sportivo di brento, è facilmente riconoscibile ed è praticamente di fianco alla trattoria.

  • sanguedalcollo 14-mag-2018

    trattoria monte adone? si puo' entrare liberamente nello spogliatoio del campo sportivo come funziona?

You can or this trail