• Foto di Gita Sacra San Michele 19-MAG-18
  • Foto di Gita Sacra San Michele 19-MAG-18
  • Foto di Gita Sacra San Michele 19-MAG-18
  • Foto di Gita Sacra San Michele 19-MAG-18
  • Foto di Gita Sacra San Michele 19-MAG-18
  • Foto di Gita Sacra San Michele 19-MAG-18

Difficoltà tecnica   Medio

Tempo  5 ore 14 minuti

Coordinate 1031

Uploaded 20 maggio 2018

Recorded maggio 2018

-
-
942 m
374 m
0
2,1
4,2
8,32 km

Visto 55 volte, scaricato 3 volte

vicino Chiusa di San Michele, Piemonte (Italia)

Parcheggiato l'auto al cimitero di Chiusa di San Michele. Da qui si può prendere un sentiero che parte direttamente dal parcheggio. dopo poche decine di metri, si incrocia un'altra traccia e si prende sulla destra, con alcuni saliscendi, fino ad incrociare, all'altezza di alcune strutture sportive e tavoli da picnic, il sentiero n° 503, lastricato, che si imbocca sulla sinistra. Si sale nel bosco seguendo la traccia principale (nella maggior parte dei casi ci sono le indicazioni). Arrivati ad un bivio, più o meno a quota 750m, si trovano le indicazioni a sinistra per la Sacra, a destra per la frazione Basinatto. Noi abbiamo scelto di andare a destra verso la frazione Basinatto, che si raggiunge dopo circa 25 minuti. Alle prime recinzioni, si segue traccia sulla sinistra, si passa in mezzo alle case sbucando sull'asfalto. Si va a sinistra per pochi metri, prima di imboccare una traccia lungo un muro periferico sulla destra e risbucare sull'asfalto, che ora si segue a piedi. Pochi metri e si arriva sulla strada principale. La si segue in discesa, sulla sinistra, per arrivare al piazzale antistante la stradina che porta alla Sacra di San Michele, utilizzato come parcheggio da pullman e auto.
Poco prima della Sacra, sulla destra ci sono dei terrazzamenti con delle panchine e un po' di ombra: è un buon posto per fare una pausa (noi abbiamo fatto il nostro picnic). Per il rientro abbiamo deciso di fare il giro sotto la rocca. Dalle panchine si prosegue su sentiero, un po' disastrato, che segue il muro perimetrale della Sacra all'inizio, per poi perdere quota, piegando sulla destra, verso l'abitato di San Pietro. Quasi all'abitato si incrocia, sulla sinistra, una traccia poco visibile che, con lungo traverso, porta sotto il Monte Pirchiriano. Questo tratto è un po' disastrato: ci sono, al momento della nostra escursione, molti alberi abbattuti che vanno scavalcati e in alcuni punti la traccia non è molto visibile. Proseguendo con cautela, il terreno è ripido e scivoloso, si arriva ad incrociare la ferrata Carlo Giorda. Ottimo punto panoramico a picco sulla Valle di Susa. Si prosegue seguendo le indicazioni per Chiusa di San Michele, sul sentiero più basso (se si prende il sentiero più alto si torna alla Sacra, è la via di fuga dalla ferrata), con cautela, scendendo su placche rocciose prima, poi su terreno friabile per qualche decina di metri. Anche qui ogni tanto il sentiero non è ben visibile (cercare tacche rosse o gialle). Fare attenzione perchè se si sbaglia si rischia di trovarsi nel vuoto. Quando si rientra nel bosco le cose migliorano e anche la traccia è meglio visibile. Una volta arrivati al bivio dove si incrocia il sentiero n° 503, che abbiamo fatto in salita, si ritorna sui propri passi fino all'auto.
Giudizio "medio" per il tratto ad anello sotto il Monte Pirchiriano (classificato come EE) per la difficoltà, in alcuni punti, a seguire la traccia e per il terreno molto scosceso e sdrucciolevole. Utile il GPS per l'orientamento e per capire la direzione da seguire quando la traccia scompariva.

Commenti

    You can or this trail