Tempo in movimento  3 ore un minuto

Tempo  3 ore 37 minuti

Coordinate 1867

Caricato 13 giugno 2020

Registrato giugno 2020

  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     
-
-
194 m
112 m
0
2,5
5,0
10,03 km

Visualizzato 191 volte, scaricato 11 volte

vicino a Gattaceca, Lazio (Italia)

Riserva naturale Gattaceca e macchia del Barco

La riserva faunistica di Gattaceca e del Barco, a pochi chilometri da Roma, è l’ideale luogo in cui potersi staccare dalla vita monotona e trafficata della città “Eterna”, poter effettuare una passeggiata serena e rilassante insieme a bambini, cagnolini ed amici.
Una volta giunti, adiacente al punto di partenza, si potrà accedere ad un’area pic-nic e consumare un pasto frugale in mezzo alla natura, prima o dopo dell’entusiasmante passeggiata.
Si inizia l’escursione e subito ci rendiamo conto che qualcosa non va, la sentieristica segnalata da Wikiloc non corrisponde a quella reale, infatti la numerazione dei sentieri è mutata per cui si attiene a quella indicata sulle paline segnaletiche dall’ente parco. In aiuto ad eventuali escursionisti sono state inserite delle foto con indicazioni dei nuovi sentieri.
Il percorso è molto piacevole, rilassante e adatto anche per le mountainbike.
Nonostante i numerosi bivi si dovrà proseguire lungo il sent. 438. Lungo il percorso si potranno osservare numerose specie floreali, tra arbusti come le querce e i carpini, che hanno una particolarità molto interessante che li contraddistingue, dato che la parte bassa del fusto ospita delle piccole pozzette d’acqua; e le piante di vario tipo come il pungitopo. Dopo aver percorso un piccolo tratto deviando leggermente dal sentiero preesistente, si potrà intravedere l’interno delle antiche cisterne d’acqua di origine romana, che in un’epoca antica erano utilizzate come posto in cui conservare l’acqua e utilizzarla in periodi estivi.
Durante il tragitto, per orientarsi meglio i sentieri sono segnati, sia sui sassi sia sui tronchi degli alberi, con segni bianchi-rossi, e se si sta attenti si potrà osservare anche un’antica pietra miliare che vi indicherà la "retta via". Se le folte chiome degli arbusti lo permettono si potrà porgere l’occhio ai piccoli borghi di Sant'Angelo Romano, Palombara e Castel Chiodato. Sebbene i suoi paesaggi siano tutelati come zone faunistiche, in alcuni punti nella vicinanza della strada urbana ma anche all'interno della Riserva ci sono, purtroppo, rifiuti di vari materiali, abbandonati al degrado.
Il percorso segnato in precedenza ci ha portati sulla strada asfaltata " del Pisciarello" per una distanza di 100/150 mt per poi rientrare sulla Sx e imboccare il sent. 337 b. Lungo il percorso abbiamo potuto vedere gli scavi dei cinghiali, infatti subito dopo alcuni metri abbiamo trovato una pozza d'acqua dove si abbeverano e rinfrescano e, fortunatamente, lungo il tracciato abbiamo visto una "mamma con numerosi piccoli" che dopo aver avvertito la nostra presenza sono, tranquillamente, andati via.
fotografia

mappa ingresso della riserva

Intersezione

Palina segnaletica

Abbiamo seguito il sent.
Intersezione

Anello Gattaceca

il sent. 338 segnalato su Wikiloc è stato rinumerato e contraddistinto con il nr. 438.
fotografia

i 'Lupetti dell'Appennino'

Sito archeologico

Cisterna romana

la cisterna serviva per recuperare acqua piovana e conservarla per la stagione calda quando scarseggiava.
albero

Cerro e carpini

Intersezione

Sent 437 o anello

fotografia

Foto

fotografia

Foto

fotografia

Foto

fotografia

Foto

panoramica

Foto

Sant'Angelo Romano
panoramica

Foto

vista panoramica di Castelchiodato e, in lontananza, Palombara Sabina
fotografia

Foto

fotografia

rifiuti abbandonati

Purtroppo si nota da subito la mancanza di rispetto per l'ambiente poichè i rifiuti abbandonati,, sia ai margini delle strade che portano alla riserva, sia lungo i sentieri sono tanti.
fotografia

Sent 337

fotografia

Cisterna romana

fotografia

Foto

fotografia

Pungitopo

fotografia

Foto

fotografia

Foto

fotografia

Foto

Sx
albero

Foto

fotografia

Dx

fotografia

Pozza fangosa

La pozza fangosa è il segno che nella riserva c'è la presenza dei cinghiali.
fotografia

Foto

fotografia

Pungitopo

La macchia di Gattaceca ha una vasta estensione di piante di pungitopo.

3 commenti

  • maria totaro 13-giu-2020

    Lo proverò!

  • maria totaro 13-giu-2020

    Da quello che ho visto è ottimo Complimenti!!!!!!!!!!!!

  • Foto di Briganteeolo

    Briganteeolo 14-giu-2020

    La riserva di Gattaceca e la macchia del Bardo sono posti che meritano di essere visitati da tutti: piccoli, grandi e anziani. I percorsi sono facili, segnalati e ben indicati con nuove paline segnaletiche, percorribili anche in mountanbike. Sarebbe opportuno che almeno all'interno della riserva si portassero via i rifiuti abbandonati, non da escursionisti, e si prestasse più attenzione all'ambiente che tutti siamo tenuti a rispettare.

Puoi o a questo percorso