Tempo  un giorno 20 ore 3 minuti

Coordinate 2887

Uploaded 2 dicembre 2016

Recorded novembre 2016

-
-
2.531 m
1.435 m
0
6,2
12
24,68 km

Visto 506 volte, scaricato 6 volte

vicino Malga Quarazza, Trentino - Alto Adige (Italia)

Giro di tre giorni al ponte dei Santi 2016.
Al pomeriggio del primo, salgo da Sorgazza a Costabrunella e Forcella Quarazza. Salgo al Cimon Rava e, per il ristrutturato Sentiero Strobele, traverso ormai in notturna al Frate. Pernotto nel cunicolo di guerra scavato proprio sulla cima escursionistica.
Il secondo giorno, ritorno al Cimon Rava e al Forzelon. Per il classico traverso a mezzacosta sotto i Campanili di Valle Orsera, raggiungo il camino sud di Cima Trento. Trovo che è stato attrezzato sia il passaggio di entrata che la parte bassa del camino medesimo. Stesso discorso sul lato opposto: una essenziale attrezzatura in corrispondenza del masso incastrato permette di scendere in tutta sicurezza alla forcella che separa le cime Trento e Brunella. Dalla forcella un suggestivo cunicolo, non visibile dall'alto, permette di accedere alla cresta della seconda cima senza scendere neanche di un metro. Anche il passaggio chiave poco sotto l'ometto di vetta è stato attrezzato, col che la traversata delle due cime è diventata assolutamente alla portata di tutti.
Non posso scendere per il vallone diretto poiché ho lasciato lo zaino alla base del camino di Cima Trento. Traverso quindi di nuovo quest'ultima, scendendo poi per il valloncello sotto il Forzelon. Da qui in poi seguo il sentiero, inanellando Forcella Quarazza, Forcella Segura, Forcella Orsera e poi fino alla Forcella del Cengello. Qui salgo liberamente, per il pendio a destra della cresta, a Cima Lasteati quota 2414. Tagliando la quota 2408 scendo al Baito Lasteati, dove pernotto.
Il terzo giorno salgo prima la quota 2408 e poi il Cengello. Discesa per Val Vendrame, tagliando in alto per un avventuroso canalino erboso con susseguente sfiancante pietraia, anziché seguire integralmente il sentiero segnato. A Sorgazza riprendo la bici.

View more external

Parcheggio della bici e partenza dell'anello.
Sul sentiero per la diga, sotto il filo della funivia.
Non percorribile; il sentiero ci passa sotto.
Bel punto panoramico su placche di grnito.
Come noto, dà il nome al gruppo senza esserne la cima piú elevata.
Tratti letteralmente intagliati nella roccia.
Singolare monolito che domina tutta la cresta.
Su certe carte quotata quanto Cima Brunella; in realtà è qualche metro piú alta, come si vede dalle foto.
Ora è possibile toccarla in traversata fra le due cime, senza salire lo scomodo vallone!
Unico tratto delicato, subito prima della cima.
Un po' piú bassa, ma piú massiccia di Cima Trento.
Il masso incastrato è ora attrezzato.
Cima molto interessante, specie per la cengia che permette la traversata al Monte Fumo.
Scendendo, fra i mughi l'attacco è segnalato da un ometto con sotto anche uno straccio.
Alla forcella fra Cengello e monte Fumo. C'è anche una grande grotta nella parete del Cengello, sopra il pendio che si fa anche d'inverno con gli sci.
Qui si raggiunge il sentiero segnato.
Arrivo sulla forestale per la teleferica.

5 commenti

You can or this trail