Tempo  7 ore 47 minuti

Coordinate 1308

Uploaded 11 febbraio 2017

Recorded febbraio 2017

-
-
2.010 m
943 m
0
3,4
6,9
13,76 km

Visto 820 volte, scaricato 9 volte

vicino Filettino, Lazio (Italia)

Percorso molto impegnativo per dislivello e per difficoltà del tratto per raggiungere la cresta coperta di neve.
Si parte da Fiumata poco dopo aver superato Trevi nel Lazio, si lascia la macchina all'incrocio del corso dell'Aniene e del Corore e si inizia a salire seguendo il corso dell'Aniene senza difficoltà. Dopo 3 km circa si raggiunge la sorgente dell'Aniene, Fonte della Radica. Da questo punto si inizia a salire con la pendenza per altri 2 km fino all'intersezione segnalata da un cartello che indica la direzione per il Tarino o Campo Staffi e Filettino. Il percorso è ancora molto semplice intermezzato da tratti piani e leggeri strappi. Iniza il tratto innevato e dopo 1km circa è stato obbligatorio montare le ciaspole per raggiungere l'altro punto di intersezione che indica il bivio per il Tarino, campo Ceraso e Campo Staffi. DA questo momento aumenta molto il dislivello reso ancor più complesso dalla neve. Questo tratto molto impegnativo prosegue per 2km ancora, su un tracciato coperto dalla neve fresca, dalla pendenza elevata in alcuni tratti e dalla difficoltà incontrata sulla cresta dove l'unico passaggio era sulla cresta stessa per il fatto che la neve rendeva impraticabile qualsiasi altro passaggio.
La discesa non è da meno in quanto è molto ripida e complicata dalla neve fresca, dagli alberi, dalla ripidità e dai sassi che si nascondono sotto il manto nevoso, questo tratto del bosco molto difficoltoso è da considerarsi fuori sentiero in quanto quest'ultimo è stato incrociato dopo circa una mezz'ora.
Scendendo la neve è diminuita e tolte le ciaspole la discesa è tornata ad essere molto più fluida anche se le gambe ormai sono indolenzite e stanche, l'attenzione è sempre comunque da tener elevata per il manto reso scivoloso dalle foglie bagnate che a tratti arrivano alle ginocchia.
Lungo la discesa si incontra la sorgente del Corore che anch'esso sgorga dalla terra e che in questo periodo è poco più che un ruscello che mano mano si ingrossa per finire in piccole rapide e cascatelle.
Lungo il sentiero è segnalato e possibile da osservare il cosidetto "Blocchi delle streghe", una serie di massi giganteschi che hanno formato dei punti di ricoveri naturali. La discesa ormai prosegue su una strada sterrata attraversata anche da auto e da raccoglitori di tartufi. Ancora 3km e si torna al punto di partenza.

View more external

  • Foto di Sorgente Aniene
Sorgente Aniene
  • Foto di Campo Staffi-Filettino
Campo Staffi-Filettino
  • Foto di Bivio Tarino-Campo Staffi
Bivio Tarino-Campo Staffi
  • Foto di Tarino
Tarino
  • Foto di Sorgente Corore
Sorgente Corore
  • Foto di Blocchi delle streghe
Blocchi delle streghe

Commenti

    You can or this trail