Scarica

Distanza

6,29 km

Dislivello positivo

593 m

Difficoltà tecnica

Medio

Dislivello negativo

591 m

Altitudine massima

2.316 m

Trailrank

66 4,3

Altitudine minima

1.737 m

Tipo di percorso

Anello

Coordinate

174

Caricato

18 settembre 2017
  • Valutazione

     
  • Informazioni

     
  • Facile da seguire

     
  • Paesaggio

     

Rilevamento in Diretta

Condividi la tua posizione con amici e familiari durante un'attività.

Passa a Wikiloc Premium Passa a Premium per rimuovere gli annunci
Rilevamento in Diretta Rilevamento in Diretta
Condividi
-
-
2.316 m
1.737 m
6,29 km

Visualizzato 6088 volte, scaricato 319 volte

vicino a Contrada Zappino, Sicilia (Italia)

Partenza dal Rifugio Citelli proseguendo per il sentiero Grotta del Serracozzo andando avanti si ci affaccia alla valle del Bove per poi proseguire sul sentiero che porta a Serra delle Concazze e riscendere per il Rifugio Citelli sulla Colata del1928.
Percorso molto bello

Mostra di più external

Grotta

Grotta del Serracozzo

  • Foto di Grotta del Serracozzo
  • Foto di Grotta del Serracozzo
  • Foto di Grotta del Serracozzo
Questa grotta, nel tratto a monte, è contenuta nella fessura eruttiva ed ha una sezione a forma di serratura con una altezza di parecchi metri e non più larga di 3 m. Sulla volta si osservano delle aperture. Il tratto a valle è invece una galleria di scorrimento, in forte pendenza, lunga 350 m, larga da 2 a 3 metri con il pavimento costituito da lava scoriacea. Nel primo tratto le pareti sono opache ma più avanti conservano ancora un aspetto vetroso. Proseguendo lungo il sentiero per Serra delle Concazze si arriva sul ciglio della Valle del Bove.(da Etna natura.It)
Panorama

Valle Del Bove

  • Foto di Valle Del Bove
  • Foto di Valle Del Bove
  • Foto di Valle Del Bove
Panorama

Serra delle Concazze

  • Foto di Serra delle Concazze
  • Foto di Serra delle Concazze
Panorama

Colata Lavica 1928

  • Foto di Colata Lavica 1928
  • Foto di Colata Lavica 1928
L'eruzione dell'Etna del 1928 ebbe inizio in autunno, il 2 novembre, e si concluse dopo 18 giorni dopo aver distrutto l'abitato di Mascali e interrotto le comunicazioni ferroviarie e stradali. Essa si sviluppò in diverse fasi iniziando con un'attività piroclastica dal Cratere di Nord-Est seguita dall'apertura di una frattura a 2.600 metri, nella Valle del Leone e la fuoruscita di una colata di magma fluido. Nella notte del 3 novembre una seconda frattura a 2100 metri di altitudine emetteva una colata che si diresse verso Sant'Alfio ma si arrestò senza raggiungere l'abitato. Il 4 novembre si aprì una terza frattura molto più in basso, a quota 1200 m che si incanalò nel letto del torrente Pietrafucile puntando verso l'abitato di Mascali. L'abitato venne raggiunto il 7 novembre e interamente distrutto rimanendo integra solo una piccola porzione periferica, l'odierna frazione di Sant'Antonino. Furono interrotti e coperti alcuni tratti della Ferrovia Circumetnea ( il 6 novembre) e della Messina-Catania e quasi interamente la stazione ferroviaria FS di Mascali (il giorno 11). La colata si arrestò il 16 novembre dopo aver raggiunta la località di Carrabba alla quota minima di circa 25 m s.l.m. mentre la fuoruscita di lava cessò il 20 novembre[2]. L'abitato di Mascali venne poi ricostruito in altro sito e la tratta ferroviaria FS interessata spostata più a valle. Da Wikipedia
Albero

Betulle

  • Foto di Betulle
  • Foto di Betulle
  • Foto di Betulle

4 commenti

  • Foto di mazzmtb

    mazzmtb 25 set 2017

    Ho seguito questo percorso  Mostra di più

    Confermo, molto suggestivo

  • Livia88 3 lug 2019

    Ho seguito questo percorso  verificato  Mostra di più

    Percorso appagante, bellissima la vista sulla valle del Bove e la visita della grotta del Serracozzo (portate la torcia se non volete fermarvi solo all'ingresso). Abbiamo iniziato la discesa dalla cresta seguendo il sentiero leggermente prima di quanto indicato dal percorso wikiloc, ma siamo tornati sul percorso poco dopo.

  • Lucia Cucchi 21 ago 2021

    Molto suggestivo!

  • poloms 3 nov 2021

    Un itinéraire MAGNIFIQUE, nous l'avons fait dans l'autre sens...à ne faire que par beau temps et si vous êtes en forme ! Mais par contre, quelle belle récompense quand l'Etna se dresse au loin devant vous d'un coup !! Nous avons passé un moment inoubliable..

Puoi o a questo percorso