Tempo in movimento  3 ore 8 minuti

Tempo  4 ore 14 minuti

Coordinate 1884

Uploaded 10 novembre 2018

Recorded novembre 2018

-
-
669 m
249 m
0
2,6
5,3
10,58 km

Visto 293 volte, scaricato 17 volte

vicino Sant'Oreste, Lazio (Italia)

Eremi e chiese del Monte Soratte, la Montagna Sacra.

Il percorso inizia dal parcheggio all'ingresso del paese di Sant'Oreste
Dopo pochi metri di cammino si incontra la Cappella di S. Anna e subito dopo ci chiude la strada una sbarra, superata la quale ci troviamo all'interno della Riserva Naturale Regionale del Monte Soratte.
Si inizia percorrendo una comoda strada bitumata.
Dopo la Cappella di S. Anna, si incontrano la Cappella del SS. mo Salvatore e la Cappella Annunziata agli Alberoni.

Alla cappella Annunziata agli Alberoni si lascia la strada bitumata, si gira a sinistra e si entra nel bosco, seguendo il "Sentiero degli Eremi"
Qui il percorso è evidente, con cartelli di indicazione e segnavia bianco-rossi del CAI.
Poco dopo si raggiunge il crinale del Monte Soratte e a questo punto, girando a sinistra, si effettua una breve deviazione andata/ritorno per andare a visitare l'Eremo di Santa Lucia

Si prosegue e poco dopo si effettua un'altra breve deviazione per vedere l'Eremo della Madonna delle Grazie, che si trova proprio sotto gli evidenti tralicci.

Più avanti si incontra l'Eremo di S. Antonio, a strapiombo sulla vallata.

Dopo l'eremo di S.Antonio si raggiunge una chiesa fortificata, l'eremo di S.Silvestro; in questo punto siamo sulla vetta del Monte Soratte, a 691 m s.l.m.

Dall'Eremo di S. Silvestro, il percorso diventa leggermente più difficile.
Il sentiero si infila nel bosco; il fondo diventa sconnesso e a tratti scivoloso; bisogna camminare in discesa su roccia, pietraie e terreno franoso, con brevi tratti esposti

Proseguendo si incontra il Sasso di S. Nonnoso, uno sperone di roccia che si protende verso la vallata.

Un'ulteriore breve camminata ci porta alla Casaccia dei Ladri, il rudere di un'abitazione.

Vista la Casaccia dei Ladri sono tornato indietro per circa 200 metri (senza seguire il percorso "Quadrara dell'Aquila" che prosegue diritto, oltre la Casaccia) perché, secondo alcuni utenti Wikiloc quella zona è poco manutenuta, non segnalata e con passaggi esposti.
Come dicevo, quindi, sono tornato indietro, imboccando il sentiero CAI n.202B e seguendo le indicazioni per il "Percorso Vita"
Il sentiero 202B è anch'esso (per un breve tratto) sconnesso, ma è evidente e segnalato con i segnavia bianco-rossi del CAI.
Percorso il breve tratto sconnesso, si raggiunge il "Percorso Vita", una larga strada, perfettamente manutenuta con pannelli e attrezzature per fare attività fisica.
Seguendo questa strada si raggiunge un anfiteatro e da qui, con l'ennesima breve deviazione, si arriva alla Grotta di Santa Lucia (visibile solo da lontano, perché recintata per pericolo di crolli)

Ritornati al paese di Sant'Oreste, per raggiungere la chiesa rupestre di Santa Romana si deve percorrere un breve tratto di strada asfaltata e poi, superata l'ultima casa del paese, si imbocca una strada bitumata sulla destra, che si percorre fino ad un'edicola: la Cappella dei cacciatori.
Da lì si prende il sentiero CAI n. 203 che conduce prima a dei meri, profonde cavità carsiche (fare attenzione) e poi alla chiesa rupestre di Santa Romana.
La chiesa rupestre di Santa Romana, visitabile anche all'interno, è stata ricavata all'interno di una grotta. Sono visibili anche degli affreschi risalenti al XVII secolo.
Visitata la Chiesa si percorre a ritroso il percorso fino alla Cappella dei cacciatori e da lì, per un sentiero che attraversa un bosco, si torna al parcheggio alle porte di Sant'Oreste
Prendere il sentiero 205, "Percorso degli Eremi"

Commenti

    You can or this trail