Tempo  8 ore 18 minuti

Coordinate 4032

Caricato 24 luglio 2018

Recorded luglio 2018

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
2.805 m
1.494 m
0
5,2
10
21,0 km

Visto 1236 volte, scaricato 86 volte

vicino Oberhaus, Trentino-Alto Adige (Italia)

|
Mostra l'originale
Di nuovo in Dolomiti.
Non so se queste sono le montagne più belle del mondo, forse no. Non so se sono i più spettacolari, forse no. Non so se ti stregano come me, forse no. Ma per me, dal primo giorno in cui li ho visti da vicino, l'impatto della loro bellezza e grandiosità è stato tale che mi sono profondamente innamorato di loro. E il percorso di oggi è un chiaro esempio di ciò che voglio dire, perché ha tutto, bellezza, spettacolarità, abbastanza disomogeneità + e una lunghezza appropriata. Cioè, Dolomiti allo stato puro.
E ancora mio cognato Massimo, veterano conoscitore di queste montagne, è incaricato di progettare questa via e ancora una volta devo ringraziarlo per il suo successo e il buon giudizio nello sceglierlo, e che Lago di Braies è un vero gioiello del paradiso dolomitico e una delle principali destinazioni turistiche dell'intera catena montuosa dolomitica.
Nell'alta Val Pusteria, entrando nella rilassante e tranquilla Valle di Braies, nel Parco Naturale Fanes-Senes-Braies, troveremo gli obiettivi principali di questo itinerario.
Da un lato, il Lago di Braies stesso, che scopriamo alle spalle di un vecchio hotel, e che concentra in sé e nell'ambiente circostante, tutte le bellezze caratteristiche di un ambiente montano incontaminato. Le acque di questo fantastico specchio d'acqua hanno una pulizia e una speciale varietà cromatica, con tutte le sfumature del verde e del blu.
E d'altra parte l'imponente massa della Croda del Becco, con la caratteristica forma quadrata della sua sommità, che si riflette nel lago e sembra quasi abbracciarlo come protezione di questo luogo di sogni.
Voglio anche rivedere, per il suo valore storico, la piccola chiesa che si trova sul bordo del lago, la cui architettura si fonde perfettamente con l'ambiente circostante, perché le pietre con cui è stato costruito all'inizio del XX secolo ricordano in le sue tonalità alle pareti dell'eterno guardiano che è la Croda Del Becco, che è dietro di lui. Questa costruzione contiene una breve ma intensa pagina della storia, poiché era un rifugio internazionale per gli ostaggi del campo di concentramento nazista di Dachau, un monumento alla libertà in un ambiente unico.

PERCORSO:
Il percorso stesso è semplicemente spettacolare e difficile nella sua prima parte, perché aggiunge tutta la differenza + nei suoi primi 9 km, anche se se scontiamo il giro iniziale lungo il lago, le disuguaglianze sono ulteriormente compresse.
Questo tour iniziale è stato fatto da tutta la famiglia, insieme, oltre ad alcuni amici anche da Cesena, e in cui abbiamo incontrato molte persone che camminano, cosa normale per la fama del lago, ma poi, quando si inizia la salita, la cosa Chiaro e molto.
Infatti, proprio nel lago opposto, inizia un percorso ascendente, in coincidenza con l'Alta Via Dolomitica n. 1, in cui mio cognato Massimo, guidato dalla sua esperienza e calcolo del percorso, "mi costringe" ad avanzare, perché la mia intenzione è quella di salire in cima alla Croda del Becco (2810 mslm) per poi incontrarli al rifugio Biella (2327 mslm) un po 'sotto la Forcella Sora Forno (2380 mslm), ed è proprio la sua velocità di risalita e la distanza da percorrere sarà inferiore.
La salita è dura e continua, trovando anche qualche gradino attrezzato per favorire la sicurezza dell'escursionista, e quando raggiungiamo la Forcella Sora Forno (da un certo confine tra i Parchi Naturali delle Dolomiti d'Ampezzo e il Parco Naturale Fanes-Senes-Braies) è quando inizia il periodo più difficile. L'ascesa diventa una dura salita, dove a volte dovremo aiutare dalle mani e troveremo anche una sezione con una catena, fondamentale per progredire con la solvibilità per alcune sezioni.
Ma la ricompensa di raggiungere la vetta della Croda del Becco vale tutti gli sforzi, perché i panorami sono prodigiosi, spettacolari, con il Lago di Braies ai tuoi piedi, e puoi anche vedere le 3 Cime di Lavaredo nel sud-est (obiettivo di un altro giorno di questo viaggio).
La discesa è fatta attraverso lo stesso sentiero in salita, fino a raggiungere il rifugio Biella e da qui prendiamo una pista in direzione ovest e lasciamo un po 'oltre per prendere la pista 23 che conduce alla bella e incassata Forcella de Riciogogn. Da questa Forcella iniziamo una brusca discesa ed è qui che il tempo inizia a cambiare e alcune piogge cadono ad intermittenza. Ciò rende la discesa ancora più complicata, dal momento che ci uniamo alla verticalità, al terreno bagnato e scivoloso.
Già nella Malga Di Foresta la strada diventa molto più agevole e la pioggia più sopportabile, e dalla Val de Foresta, prendendo ora il sentiero nº9, si scende nuovamente al Lago di Braies, che ora appare solitario, senza nulla di persone, e che ci divertiamo in un altro modo. Da qui camminiamo verso l'hotel dove il resto della famiglia aspetta gli "ultimi sopravvissuti" di questa piccola avventura.
Un magnifico itinerario proposto da mio cognato Massimo, sì signore. È su queste rotte che puoi vedere la loro esperienza ed esperienza, fornendo tutta la bellezza che si può trovare in queste montagne in una singola esperienza. Grazie ancora Massimo.
Nota: c'è un sentiero che circonda l'intero lago, ma oggi lo troviamo chiuso da frane. Può essere una buona opzione per coloro che intendono solo fare una passeggiata attraverso queste montagne.
Ci vediamo in montagna.
NOTA:
La difficoltà di ogni percorso dipende da fattori diversi come la lunghezza del percorso, la pendenza positiva, la pendenza negativa, lo stato del terreno che calpestiamo, il tempo prevalente in quel giorno e soprattutto la condizione fisica e psicologica con cui affrontiamo il percorso Pertanto, la qualifica di ciascuna rotta è soggettiva e dovrà adattarsi a tutti questi fattori in particolare.
Waypoint

APARCAMIENTO

Waypoint

HOTEL

Waypoint

CAPILLA

Waypoint

VALLA

Waypoint

DCHA

Waypoint

ZONA ZIGZAG

Waypoint

PASO EQUIPADO

Waypoint

CRUCE

Waypoint

PASO POR COLLADO

Waypoint

COLLADO

Waypoint

CRUCE DCHA

Waypoint

PASO VALLE FORNO

Waypoint

FORCELLA SORA FORNO

Waypoint

PASO CADENA

Waypoint

CRODA DI BECCO

Waypoint

FACIES ANMONITICO ROSSO

Waypoint

RIFUGGIO BIELLA

Waypoint

PISTA

Waypoint

FORCELLA RICIOGOGN DCHA

Waypoint

LAGUNA SECA

Waypoint

LAGUNILLO

Waypoint

CRUCE DCHA

Waypoint

FORCELLA RICIOGOGN

Waypoint

AREA PINO MUGO

Waypoint

CRUCE ARROYO

Waypoint

MALGA DI FORESTA

Waypoint

LAGO DI BRAIES

4 commenti

  • Foto di leimge

    leimge 5-ago-2018

    Enhorabuena, muy hermoso alto recorrido alpino en los Dolomitas documentados.

  • Foto di camilon04

    camilon04 5-ago-2018

    Gracias Leimge, espero que puedas hacer la ruta, es mucho mas bonita "in situ" que en fotos....

  • Foto di boristhene

    boristhene 22-mag-2019

    Super ! Mais faire attention à ne pas pratiquer quand il y a beaucoup de neige

  • Foto di boristhene

    boristhene 22-mag-2019

    Attention avec les éboulis et la neige le balisage est parfois difficile à voir

You can or this trail